Archive

Archive for February, 2015

Ego, estetica innovazione e design di Abimis

February 28, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

EGO: UN DIALOGO COSTANTE TRA ESTETICA, INNOVAZIONE E DESIGN.

Ogni Abimis nasce da un progetto originale, realizzato su misura e prodotto artigianalemente per adattarsi completamente a chi la userà.

Un’idea di cucina completamente nuova, in cui l’acciaio è forgiato secondo i movimenti del cuoco e ogni elemento è disposto in modo da favorire la massima funzionalità.

Ego di Abimis, disegnata da Alberto Torsello, non è un modello di cucina, ma un’atmosfera che nasce da particolari tipologie costruttive che riporta l’atto del cucinare alla sua vera essenza.

Realizzata in acciaio inox  AISI 304: l’eccellenza della materia. Altissima resa estetica e qualità tecniche di lavorazione superiori, per la massima resistenza e igienicità.
Le ante di EGO contengono la cerniera cardine, un brevetto Abimis. Completamente invisibile, senza bisogno di regolazione e in acciaio inossidabile.
L’anta raggiata a filo battente è completamente integrata nella struttura ed è dotata della tipica maniglia Abimis.

Con Abimis, prisma porta in ambito domestico l’esperienza e l’altissima qualità delle cucine professionali.

Per rispondere alle esigenze di chi cucina per passione o per chi desidera una cucina che possa soddisfare anche le esigenze di ricevimenti importanti.

Advertisements
Categories: Domus Arredi Tags:

Abifloat, new concept of ‘floating villas’ by Christian Grande

February 24, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

ABIFLOAT – MODULAR SUSTAINABLE FLOATING VILLAS

Christian Grande, award-winning yacht designer (Picchio Boat, San Lorenzo Yachts, SACS Marine super ribs) and creator of the 2011 style-icon bicycle ‘Italia Veloce’, launches the new concept of ‘floating villas’, modular and sustainable.

An overview of the project

The proposal elaborates on the creation of floating housing units, to be built in modular chains of constructive and compositional elements for the housing envelope.

New conceptions of living close to nature and modular housing are this projects distinctive elements, characterized by attention to detail, personalization of external and internal habitats and the infinite possibilities given by modular construction: from single one-room units to actual villages articulated on several levels. All these concepts are floating and designed to integrate into the surrounding landscape.

Technical details

The key element of this project resides in the total standardization of structural elements, systems and finishings, with the sole exclusion of aesthetic variations or later functional personalizations.

The project specifications are articulated by means of simple dependable systems: buoyancy reserves, sandwich technology for walls using recycled plastic and honeycombed baffles in straw, cork or particleboard, the latter to guarantee thermal insulation and light weight.

Other exterior finishing materials are also contemplated, adaptable to different contexts and uses. For example: wide teak planks for exterior coverings with details in aluminum, roofing with either PV panels or corrugated sheet. Sizes and finishing are therefore available for any use imaginable: housing, recreation, guest accommodations or commercial uses.

The load bearing structures are tested for up to two horizontal levels and composed of stringers and posts in aluminum, with the possibility to flexibly host electrics and climate controls by means of a system of standardized joinery.

Flooring is also conceived to host electrical and plumbing systems, with hollow sections to guarantee thermal and acoustic insulation.

The floating module system

The primary structures for the system are floating 6.5 meter by 3.25 meter modules, designed as modular reference points for the installation of the various superstructures. Stability is guaranteed by the shape of the floating elements and by the possibility to use the modules as housing for both electrical and plumbing systems and and housing for larger systems such as pumps, compressors, waste holding tanks, and so on.

The housing element is designed to be enlarged horizontally as far as can be technically allowed by linking base modules, and vertically up to two floors.

The distributive system and walkways are created by means of special dock and gangway modules, railings and small bridges, all derived from the base modules. These allow the creation of guest accommodations, vacation villages or dynamic commercial centers, all with the possibility to expand, while respecting the environment and the landscape.

A further innovation is the possibility to modify the housing agglomerate in the future by changing the size, varying the layout or substituting exterior finishings. Modifications would be relatively simple and inexpensive.

The possibilities are noteworthy, and would allow an equilibrated urbanization of the marine environment, with sustainable and non-intrusive operations that are also removable (the system has been designed to be transportable by trailers on land) and even self-propelled, by equipping the base modules with electric outboard motors and thrusters attached to the linking elements.

Customization and the environment 

The strength of this system is its uncommon flexibility and simplicity in installation. This foreshadows a new conception in sustainable living, the possibility of many different uses, and the even greater potential for sustainable growth.

The house boat project was conceived to offer a high potential level of customization for interior and exterior finishings. The residential user can have a lot of fun not only in configuring the ideal living space, but also in selecting energy efficient furnishings and home automation systems. A custom made retreat looking over a bay could be characterized by non-intrusive exteriors that would let the house blend in to the surrounding environment, while the interiors could be minimal or hi-tech.

Suburban rhythms, but always connected!

The future owner will be able to determine the final uses for his floating modular villa, deciding whether to be connected to the multimedia information and data networks or to live in complete isolation from civilization.

Whichever the case, the floating villa is designed to become a completely suburban habitat for those who who can afford to live at slow rhythms and without time constrictions, because it gives us the possibility to live fully emerged in the surrounding environment, with its rhythms and mutations. Situations and sensations that have become rare and forgotten will become possible and part of the daily routine: floating houses, adaptable to changing circumstances, could become schoolrooms for infants or resorts hidden away in nature, where we can cultivate culture and passion and transmit these sensations to our little ones.

Scenarios for residential and commercial use

This already futuristic project takes many scenarios, residential or not, into consideration. For example, thanks to the inherent technological content of the standard modules, it is possible to create a floating house that is simultaneously a remote office and a living unit, fully equipped with with all the necessary technological amenities, and even romantically ideal for writers and artists who are searching for relaxing and contemplative environments that favor creativity and imagination. Even with recreative or commercial use, the possibilities that the standardized system provides are multiple and permit a large degree of customization both in terms of floor layout and finishings and systems.

Categories: Concept Tags:

Mercedes-Benz BIOME, missione futuro alla scoperta della mobilità di domani

February 18, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Missione Futuro: alla scoperta della mobilità di domani

  • La mobilità del futuro spiegata ai bambini 
  • Propulsioni alternative, collegamento in rete, materiali e design
  • Workshop dedicati alle scolaresche 
  • L’impegno di Daimler ad andare oltre la vocazione commerciale con iniziative concrete, culturali e sociali

Come ci muoveremo in futuro? A questa avvincente domanda risponde in chiave ludico-divulgativa una nuova esposizione Mercedes-Benz. L’evento Missione Futuro, ideato per bambini di età compresa tra i sei e gli undici anni, illustra gli incredibili sviluppi e le molteplici possibilità della mobilità futura. Dopo Berlino e per la prima volta fuori dai confini della Germania, Missione Futuro arriva oggi a Milano, al Mercedes-Benz Center di Via Gallarate, 450 dove sarà visitabile fino al 24 aprile.

Missione Futuro risveglia la curiosità dei bambini nei confronti della ricerca  e permette di sperimentare la mobilità del futuro, le forme di alimentazione e le energie alternative, l’impiego di materie prime rigenerabili nella progettazione di automobili e il collegamento in rete di auto e infrastrutture. Missione Futuro propone argomenti di stampo scientifico e tecnico, rendendoli divertenti e facilmente comprensibili.

Mercedes-Benz BIOME 

L’esposizione permette a bambini e visitatori di confrontarsi in modalità interattiva con argomenti quali elettromobilità, collegamento in rete, materiali e processo di design delle automobili, con la possibilità di sperimentare direttamente dal vivo e imparare divertendosi. Al centro dell’esposizione  un concept rivoluzionario, probabilmente destinato a circolare su strada  in futuro: la Mercedes-Benz BIOME. Un prototipo di origine interamente organica, realizzato da semi diversi, completamente ispirato alla natura. Anche se si tratta ancora di ipotesi future, la sezione dedicata alle materie prime rigenerabili illustra quali siano i materiali naturali impiegati già oggi nell’industria automobilistica.

Nell’area tematica dell’elettromobilità, adulti e bambini possono acquisire informazioni sulla produzione di energia, sul relativo immagazzinamento  ed utilizzo, per poi arrivare addirittura a produrre autonomamente energia. L’area dedicata al collegamento in rete e alla sensoristica spiega, invece, come l’auto stia diventando protagonista sempre più attiva della circolazione  e sia in grado di tenere perfettamente sotto controllo l’ambiente  che la circonda.

Particolare attenzione è riservata anche all’interazione tra automobili. Nell’area espositiva riservata al design, il visitatore può conoscere le dieci fasi  che portano alla realizzazione di una Mercedes-Benz. I piccoli artisti in erba possono, inoltre, esprimersi in piena libertà con l’album da disegno  e con il tablet e gestire così le funzioni dell’abitacolo del futuro avvalendosi soltanto della propria gestualità.

L’esposizione è stata realizzata ispirandosi ad un sistema assemblabile derivato dal mondo dell’infanzia e rispecchia il carattere ‘work-in-progress’ tipico  delle tematiche riguardanti il futuro. I futuristici tramezzi ecosostenibili  in legno riportano grafici presi in prestito dalla street art. Personaggi carismatici accompagnano i visitatori attraverso i diversi argomenti  e gli oggetti esposti. Per trasmettere le informazioni ad ogni singolo gruppo vengono utilizzate delle stazioni di ascolto, mentre gli articoli interattivi invitano i bambini ad un’esplorazione attiva.

Workshop Genius

Genius, la giovane knowledge community di Daimler, integra l’esposizione  con workshop di argomento tecnico a cui le scolaresche prendono parte subito dopo la visita all’esposizione. I giovani visitatori possono così subito mettere  in pratica nei workshop le impressioni raccolte durante la visita. Acquisiscono nozioni più dettagliate su una delle aree tematiche e sono coinvolti in prima persona. Così, ad esempio, durante il workshop ‘Elettromobilità’ bambini  e ragazzi costruiscono un motore elettrico. L’apprendimento esperienziale riveste un ruolo di primo piano. I workshop di tipo pratico sono concepiti  in funzione della fascia di età di appartenenza: i moduli ‘Design’ e ‘Materiali’ sono rivolti a bambini delle classi dalla prima alla quarta della scuola primaria, mentre i workshop ‘Elettromobilità’ e ‘Guida sicura’ sono rivolti agli allievi delle classi quinte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria di primo grado.

Obiettivo della knowledge community è risvegliare l’entusiasmo di bambini  e ragazzi nei confronti di scienze naturali e tecnica. In questo modo Genius risponde in modo costruttivo, con una soluzione a lungo termine, al calo  di interesse dei più giovani nei confronti di argomenti tecnici, mantiene viva  la passione per l’automobile e la mobilità ed aiuta a formare futuri lavoratori specializzati ed ingegneri. Con questa iniziativa il gruppo Daimler e Mercedes-Benz sottolineano ancora una volta il proprio impegno ad andare oltre  la vocazione commerciale con iniziative concrete sul territorio volte  alla formazione ed allo sviluppo culturale e sociale nei Paesi dove operano.

Categories: Concept Tags:

Mercedes-Benz, 60° anniversario con Special Edition ‘Mille Miglia 417”

February 18, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Mercedes-Benz festeggia il 60° anniversario di un memorabile successo agonistico con l’esclusiva Special Edition ‘Mille Miglia 417”. Il nome è un omaggio alla vittoria della 300 SL nella categoria delle sportive di serie nell’edizione del 1955. La SL Special Edition ‘Mille Miglia 417’ rappresenta la massima espressione di quella simbiosi unica tra massimo comfort e temperamento racing che caratterizza per tradizione ogni SL. La Special Edition si distingue con le note di rosso che vivacizzano gli esterni e l’alta caratura dei materiali pregiati che impreziosiscono gli interni.
La SL è più di un’icona: oggi come in passato, il suo carattere e il suo carisma prendono forma dalla passione. La storia di questo modello è segnata da vetture leggendarie e dalle storie che hanno saputo raccontare. Come la 300 SL che, nella Mille Miglia del 1955, con il numero 417, coprì la distanza da Brescia a Roma e ritorno in 11 ore, 29 minuti e 21 secondi. La memorabile impresa permise a John Fitch e al suo copilota Kurt Gessl, di conquistare la quinta posizione nella classifica generale e il gradino più alto del podio tra le sportive di serie, seguiti da altre due 300 SL, lasciandosi alle spalle numerosi prototipi da corsa.
A 60 anni di distanza, per ricordare questa importante pagina del motorsport della Stella, Mercedes-Benz ha realizzato una special edition che porta il leggendario numero ‘417’, come segno tangibile della passione con cui è forgiato il carisma di ogni SL Roadster. Propensione alle grandi prestazioni, spiccata sportività e comfort innovativo in stile Roadster sono le caratteristiche tipiche della SL che contraddistinguono anche la Special Edition ‘Mille Miglia 417’. Il motore a sei cilindri della SL 400 da 245 kW (333 CV) e l’otto cilindri della SL 500 da 335 kW (455 CV) consentono performance sportive di massimo livello. Il sistema di assistenza per la dinamica in curva ESP® e le sospensioni attive, entrambi inclusi nella dotazione di serie, ma soprattutto lo straordinario Active Body Control ABC, disponibile a richiesta, assicurano una dinamica trasversale di stampo sportivo che si accompagna ad un comfort eccellente.
Il design della Special Edition sottolinea il temperamento sportivo di questo modello con eleganti note di rosso. È rossa la parte inferiore dello spoiler anteriore, mentre nello spoiler posteriore un inserto rosso crea un elemento di contrasto con la superficie in carbonio opaco. Brillano di rosso anche le pinze dei freni tra le razze dei cerchi Performance AMG neri, che dal canto loro si concedono un discreto tocco di rosso lungo i bordi e un diametro da 19″ sull’avantreno e da 20″ sul retrotreno. Di serie la Special Edition ‘Mille Miglia 417’ è verniciata in nero magnetite metallizzato. A richiesta sono disponibili anche le vernici opache nero notte magno designo, bianco cachemire magno designo o la brillante tonalità bianco diamante bright designo. Le vernici designo conferiscono alla vettura un carattere individuale ed esclusivo.
Categories: Lux-News Tags:

Ferrari, cavallino rampante suona Jamiroquai con FXX J

February 16, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

E cosí, dopo aver parlato delle auto di lusso personalizzate di rappers, star del cinema e cantanti, non poteva mancare proprio lui, uno dei piú grandi appassionati delle auto del marchio del Cavallino Rampante, l’ammiratissimo Jay Kay, figura portante del gruppo musicale Jamiroquai. A richiedere un’esemplare “personalizzato” alla casa automobilistica Ferrari, infatti, é stato proprio lui, che oltre a richiedere un abitacolo fatto su misura per le sue dimensioni, ha richiesto il colore verde per la carrozzeria, il quale rende ancora piú unica questa supercar nata come l’erede della storica Ferrari Enzo e prodotta in soli 499 esemplari. A evidenziare il proprietario di questa LaFerrari, inoltre, ci pensa anche una scritta incisa a fuoco su una targhetta di acciaio incastonata nel carbonio nella parte posteriore dell’auto. La potete visionare nell-ultima foto in basso.

Fonte: GoLook.it
Categories: Behaviour, Veiculi Tags:

Ladurée, the lover’s celebration for Valentine’s Day

February 10, 2015 Leave a comment

Ladurée Valentine's Day

The Lover’s Celebration at Ladurée

For Valentine’s Day, discover the Classics of Ladurée with the exquisite flavors of rose, raspberry and a hint of ginger.

From the Juliette Saint-Honoré to the Special Valentine’s Day macaron, let yourself be amazed by our gourmet and refined creations.

For the greatest declaration of love, customize your dearest’s favourite macaron flavors with our especially designed gift box to be delivered directly to your Valentine.

Categories: Sapori Tags: