Archive

Author Archive

37XP,  Numarine’s impressive new flagship

November 4, 2021 Leave a comment

– At 37 m, she is the longest Numarine yacht ever – 37XP has seven cabins for 14 guests
– Hot Lab interior decoration package
– 5,000 nautical mile range at 10 knots

– Fourth unit of the 37XP Series was sold recently and will be delivered in 2022

Suggested social media hashtags:
#numarine #numarineyachts #37xp #ourhomethesea #denisonyachting

Numarine’s new stunning flagship is the 37XP model. At 37 m, she is the largest Numarine yacht ever. Unveiled for the first time at the Cannes Yachting Festival 2021, the unit #1 has a Hot Lab decoration package – the superyacht features a stylish decor from the sophisticated Italian studio.

The Numarine 37XP combines a refined but easily recognizable aesthetics with an ambitiously conceived functionality to deliver a first-class yachting experience,” said Omer Malaz, Chairman of Numarine.

The 37XP has the same beam as the 32XP, yet five extra meters were added forward of the engine room bulkhead adding to the guest and crew accommodation volume as well as the upper deck and sky lounge.

The superyacht sports a full displacement steel hull with a composite superstructure. She’s an impressive 345 GT with a 5,000 nautical mile range at 10 knots, which is on par with the world’s best expedition yachts in this class. The 37XP has the appropriate stability, seakeeping, maneuverability, and general handling to support offshore and worldwide cruising.

Excellent design

The collaboration behind the design remains the same with the shipyard’s long-time partners – Umberto Tagliavini is responsible for the naval architecture and Can Yalman is in charge of the exterior.

“The lines on the 37XP are a refinement of the robust look of the 32XP with flowing softer lines that extenuate the longer length, with less interruptions that create a balance between strength and elegance,” said Yalman.

The interior decoration of the first 37XP is by Hot Lab. This is the second Numarine project with the Milan-based studio. Grey, white, beige and brown tones dominate the interior creating a special atmosphere on board. A lot of natural light fill up the space through huge windows – they are the key feature for the entire XP Series range. The designers used a number of freestanding furniture from the famous brands, such as Fendi Casa, Promemoria, Giorgetti, and so on.

Said Hot Lab Partner Enrico Lumini“We received a few reference images and comments on what the owner wanted. Something more classic than his previous Numarine, richer in terms of details and materials and this is exactly what we are good at. It is the perfect classic. It is simply a modern revision of pure decorative elements and rich materials: ebony, mother of pearl, great quality leather. All of them merged into a balanced and straight forward design.”

All about space

The yacht has a spacious interior with several social areas. The main deck saloon and cabins benefit from large windows and are filled with sunlight. Said Ali Tanir, Head of International Sales at Numarine“The windows are from ceiling to the floor. On the portside, we have a big opening window next to the dining table. Moreover, Hot Lab designed the decoration package for this yacht. So as you can see, she’s amazing.”

The aft beach club features a bathing platform and an inside lounge literally sitting on the water level. Wide outside spaces are another major advantage of the new model.

The wide body flybridge is almost 10 m long and it turns into 80 sq. m space. The 37XP #1 hosts seven guest cabins on board, including the master suite on the main deck – in the bow. In addition, there are a huge VIP cabin amidships on the lower deck and owner’s suite on the upper deck. This space is exciting and has direct connection to the vast outside terrace via a glass door. That terrace, while underway, is used as a tender storage. The 37XP can carry up to 9 m long tender. And when it’s launched, the area may be used for outside sports or sunbathing or parties.

37XP #4 sold with Denison Yachting
On the verge of the Cannes Yachting Festival 2021, Numarine sold the 4th unit of the 37XP Series. The deal was stroked with a client by Ali Tanir, Head of International Sales of the shipyard, and Denison Yachting’s broker Alex G. Clarke along with Artie Davenport of Galati Yachts representing the buyer.

This yacht can feature a 6-cabin layout to accommodate 12 guests and a private skylounge. There are crew accommodations for seven with a captain’s cabin. Hull #4 of the Numarine 37XP series comes with plenty of top-quality features and amenities including a designated beach club, sundeck Jacuzzi, and a boat deck that can carry up to a 8.5-meter tender + 3 jet skis.

This is the third 37XP sold by Denison in the past six months, each to American clients. The fourth Numarine 37XP will be launched in late 2022.

Categories: Veiculi Tags:

Uomini in gonna… semplice comodità

August 5, 2021 Leave a comment

“Quando fa caldo, mi sento più a mio agio vestito così. Davvero, è molto più comodo” dice tranquillamente Jérôme Salomé al cronista del Parisien. E con la stessa tranquillità lui, eterosessuale e padre di due figli, gira da 14 anni per le strade di Limoges, in Alta Vienne, indossando una gonna. Non tutti i giorni, certo, “dipende dal tempo che fa”. Ma quando arriva il caldo la gonna per lui è la norma

Jérôme ha iniziato a mettersi le gonne nel 2003 e nel 2012 ha fondato anche un’associazione, Hommes en Jupe (Uomini in gonna), di cui è stato presidente per alcuni anni. “Le donne hanno combattuto a loro tempo per conquistare la libertà nell’abbigliamento ed è questo che rivendico anch’io, né più né meno. I pantaloni non hanno sesso e neppure la gonna” spiega.

L’uomo, un dipendente pubblico, ha trovato un ambiente di lavoro comprensivo e accogliente: i dirigenti non solo gli permettono di indossare la gonna anche in ufficio, tranne che per le mansioni in cui è a contatto con il pubblico, ma hanno anche approvato la sua idea di organizzare sul posto di lavoro una mostra sull’uso della gonna nella storia.

In famiglia le cose non sono andate altrettanto bene. La moglie non ha approvato per nulla le scelte di Jérôme: “Dal giorno in cui mi ha visto in gonna, non ha più osato toccarmi”. E così si sono separati. Probabilmente lei ha pensato che il marito le nascondesse di essere trangender o – seguendo un po’ i luoghi comuni – gay, quando in realtà Jérôme sostiene che si tratta di una semplice questione di gusti e di libertà, che non c’entra proprio nulla con l’identità di genere o con l’orientamento sessuale: la gonna è un semplice capo di abbigliamento, un pezzo di stoffa, perché mai dovrebbe determinare o raccontare qualcosa a proposito del nostro essere femmine o maschi, uomini o donne?

Se a qualcuno la pacata battaglia di Jérôme e degli Hommes en Jupe sembrerà assurda, forse conviene ricordare la storia dei pantaloni, per secoli vietati alle donne occidentali un po’ perché simbolo di una mascolinità fonte di un potere da cui dovevano essere escluse e un po’ perché questo capo di abbigliamento era considerato come un inno alla lussuria quando ricopriva un corpo femminile. Le donne dovevano indossare ampie gonne persino per svolgere lavori in cui questo vestito era un grosso impedimento o una fonte di pericolo (per esempio, perché poteva impigliarsi in un macchinario).

E non si parla solo di fanatici religiosi o di Medioevo: la rivoluzione francese portò una legge che proibiva alle donne di indossare pantaloni eccetto che per ragioni mediche, negli anni ’30 i calzoni erano uno dei simboli della “ambiguità sessuale” di Marlene Dietrich e ancora nel 1961 l’allora arcivescovo di Genova, Giuseppe Siri, avrebbe scritto che i pantaloni femminili avrebbero condotto a “un’epoca futura di incertezza, ambiguità, imperfezione e, in una parola, mostruosità”, come riporta Isidoro D’Anna in “La via della purezza” (2016). Eppure oggi i pantaloni femminili non scandalizzano neppure i cospirazionisti anti-gender, salvo rare eccezioni.

La gonna come indumento solo femminile? Chissà, forse già tra pochi decenni questa limitazione suonerà come un concetto arcaico e assurdo, ma anche decisamente buffo, di un passato incomprensibile, mentre gli uomini avranno riscoperto le gioie delle gonne. Che in realtà hanno indossato per millenni.

di Per Cesare Notaro

Fonte: Il Grande Colibrì

Categories: News, Tempo Libero

55m Al Waab II, the longest steel and aluminium yacht by Alia Yachts

August 2, 2021 Leave a comment

Alia Yachts launches 55m Al Waab II, the longest steel and aluminium yacht below 500GT in the world

  • –  Antalya-based Alia Yachts has launched its new 55-metre superyacht Al Waab II following an extremely challenging two-year contract time
  • –  Al Waab II remains below the 500GT threshold by emphasising the hull form and exterior areas, including a sprawling beach club
  • –  The official World debut will take place late September 2021

    The new 55-metre Al Waab II is the first superyacht to be launched from the new 2,000- tonne capacity ship lift, part of a wider investment by the Antalya Free Zone into its yachtbuilding infrastructure that includes bigger cranes and travel lifts as well as new hangars for superyacht construction and refit projects.

    “We’re very proud of Al Waab II. We believe it is the longest steel and aluminium yacht below 500GT in the world, setting a new standard in external & internal volumes offered to a client in

this category.” says Alia President, Gökhan Çelik. “Yachts are getting longer and wider, but owners still want to stay below the 500GT mark. We’ve seen increasing interest in this kind of yacht and so to be one of the first with such an impressive project is an important milestone for Alia.”

Notwithstanding the many challenges faced by Alia and other shipyards during the Covid-19 pandemic, the launch took place only a few weeks behind the original build schedule.

“The last two years have been difficult, but we took a lot of health and safety measures, and to offset delays experienced by our European suppliers we worked around the problem and found ways to recreate lost time,” continues Çelik. “The fact we’ve done it in just over two years despite everything is a credit to the determination of the men and women who work here.”

Al Waab II remains below the 500GT threshold by emphasising the hull form and exterior areas, including a sprawling beach club. With design and engineering by Vripack and

Dubai-based SF Yachts serving as the owner’s representative during the build, the yacht can sleep up to 12 guests in six staterooms and includes a lavish split-level master suite on the upper deck.

“The owner wanted a customised yacht that feels modern, fresh and most importantly like a home, and by that he means comfort, space, luxury, privacy and stability at sea,” says Francesco Pitea, CEO of SF Yachts. “The amount of outdoor space and the simplicity of the layout makes a big difference to the owner’s enjoyment of his yacht. It’s a dream moment after two years of hard work. We at SF Yachts couldn’t be more proud of Al Waab II and the amazing collaborations with Vripak and Alia.”

“For many owners, the concept of enjoying a ‘home at sea’ is what drives their passion for yachting,” says Bart Bouwhuis, Co-creative Director at Vripack. “The owner of Al Waab II had the explicit desire to use his boat as a family apartment. That desire became the founding principle of the entire design. The result is the very essence of living on the water.”

Once outfitting is complete, Al Waab II will undergo sea trials before delivery to her owner. The official World debut will take place late September 2021.

Categories: Veiculi Tags:

Christie’s, gioielli della figlia di Napoleone all’incanto

April 26, 2021 Leave a comment

A pochi giorni dal fatidico 5 maggio, Christie’s offrirà all’asta la parure di zaffiri e diamanti appartenuta alla figlia adottiva di Napoleone, Stephanie de Beauharnais

5 maggio 1821. Manca poco meno di un mese al bicentenario della morte di Napoleone e Christie’s annuncia una parure di zaffiri e diamanti proveniente dalla figlia adottiva di Bonaparte, la granduchessa di Baden Stephanie de Beauharnais. Andrà all’asta il prossimo 12 maggio, per una «straordinaria coincidenza», alla Magnificent Jewels di Ginevra.

Un insieme di 38 zaffiri dello Sri Lanka assemblati in un diadema, un collier, un paio di orecchini, un anello, un bracciale, e ancora spille e pendenti: sono nove i pezzi che compongono questo eccezionale tesoro e che saranno venduti singolarmente nel corso dell’incanto. Qualche stima? CHF 140,000-250,000 per la tiara, CHF 180,000-320,000 il collier, CHF 10,000-18,000 per l’anello. Ma non solo, perché a sfilare nella stessa data, insieme alla parure appartenuta a Stephanie de Beauharnais, vedremo un altro lotto di impressionante valore: la corona di zaffiri della Regina di Portogallo Maria II, offerta con una stima di CHF 170,000-350,000. L’intera collezione, inclusa la corona, raggiunge una valutazione compresa tra CHF 600,000 e CHF 1,1 milioni.

Ma qual è la storia di questi gioielli regali? Un documento trovato tra le scatole dei preziosi – spiegano da Christie’s – afferma che la parure di Stephanie de Beauharnais fu un dono della cugina Hortense de Beauharnais, che «lasciò Parigi nel 1816 con pochi soldi, ma molti gioielli» (così recitano le sue carte finanziarie, conservate nell’archivio di Napoleone, a Parigi). Alla morte di Stephanie, intorno al 1860, questa parure comprendeva collana, pendente, orecchini, 7 spille e una cintura. La sua secondogenita Josephine, che la ereditò, decise allora di dare una nuova forma agli zaffiri della cintura, per restare al passo con la moda dei tempi: ne ricavò così una fascia-tiara e un bracciale, per poi lasciare tutti i pezzi a suo figlio maggiore, Léopold, prima di morire nel 1900.

È a questo punto, pare, che la collezione di Stephanie de Beauharnais e la corona di zaffiri della Regina di Portogallo, Maria da Gloria, si incontrarono per la prima volta. La settima degli undici figli della Regina Maria, l’Infanta Antonia, sposò nel 1861 proprio Léopold, il principe di Hohenzollern Sigmaringen discendente da Stephanie, e il loro matrimonio portò all’unione delle due parure. Chissà che qualche collezionista, nostalgico, non decida di acquistarle di nuovo insieme, all’asta del 12 maggio, per tenere viva la storia di quelle incredibili pietre preziose.

di Erica Roccella

Fonte: Exibart

Dolce&Gabbana: la Colomba in tre ricette con Fiasconaro

March 31, 2021 Leave a comment

Dolce&Gabbana e Fiasconaro: la Colomba 

La ricerca delle materie prime più genuine, una lavorazione artigianale sapiente e attenta alla tradizione: ecco gli ingredienti immancabili della nuova creazione dolciaria tipica della tradizione italiana.

Disponibile in tre nuove ricette:

LA COLOMBA ALLE MANDORLE DI SICILIA

Una ricetta tradizionale che esalta la fragranza dell’impasto grazie ai canditi freschi d’arancia di Sicilia e alla copertura di glassa e mandorle rigorosamente siciliane.

LA COLOMBA CON CIOCCOLATO E CONFETTURA DI FRAGOLINE DI BOSCO DI SICILIA 

Una leccornia con doppia glassatura di cioccolato fondente e confettura di fragoline di bosco, arricchita da squisite gocce di cioccolato e accompagnata da un barattolo di crema di cioccolato di Sicilia.

LA COLOMBA AL CIOCCOLATO DI SICILIA

Racchiusa in una piccola latta ellittica, completa la collezioneuna colomba in formato mignon da 100 g ricoperta di glassa e con gocce di cioccolato di Sicilia.

Categories: Sapori Tags: ,

Reputation Science, mondo della moda posizioni in classifica

November 5, 2020 Leave a comment

Nel mese di ottobre i manager della moda hanno scalato la classifica Top Manager Reputation, guadagnando posizioni nel ranking, che annovera tra i top 20 classificati nomi come Giorgio ArmaniRenzo RossoRemo Ruffini e Miuccia Prada. Per i protagonisti della chart la sostenibilità si conferma sempre più un asset imprescindibile.

Nella top ten dell’Osservatorio permanente di Reputation Science sulla reputazione online dei vertici della aziende italiane, si incontra al sesto posto Giorgio Armani, seguito da Remo Ruffini, che guadagna una posizione, classificandosi nono.

Al dodicesimo si piazza Miuccia Prada, che ha presentato la primavera-estate 2021 su TikTok e che sale di nove posizioni anche grazie a diverse iniziative come l’asta di beneficenza per l’Unesco e il progetto Upcycled by Miu Miu sul riciclo di indumenti provenienti da mercatini e negozi di seconda mano.

Guadagna ben quattro posizioni, invece, Renzo Rosso, che compare al 15esimo posto. Un manager che si fa paladino della responsabilità sociale e ambientale: «L’Italia deve aspirare a diventare il Paese più sostenibile al mondo» è il punto di vista dell’imprenditore, che evidenzia gli investimenti del suo gruppo in salute.

Perde due posizioni, invece, Diego Della Valle, che incontriamo al 19esimo posto, mentre ne guadagna tre Brunello Cucinelli, 20esimo.

Niente podio per il mondo della moda: le prime tre posizioni vanno rispettivamente a Francesco StaraceJohn Elkann e Carlo Messina.c.me.

Fonte: Fashion Magazine

Mazu 82, a high-tech-yet-stylish creation of Mazu Yachts

October 13, 2020 Leave a comment

MAZU 82, A HIGH TECH-YET-STYLISH CREATION IS EQUAL PARTS SUPERYACHT AND CRUISER

-Full photography now available

-Bespoke interior design by Turkish designer Tanju Özelgin

-Mazu and Özelginaimed to create an onboard ambience more in tune with land-based architecture, creating a chic yet warm and inviting feeling

-The exterior profile of the 82-footer is characterised by the flush main deck with no steps and the angular lines of the all-glass deckhouse

-To create a chic yet warm and inviting feeling, walnut and leather has been used for the furniture

Built of a lightweight carbon composite, the Mazu 82 combines a clean profile, expansive decks and large hull windows with the outstanding performance, efficiency and handling. 

The celebrated Turkish designer Tanju Özelgin created the interior layout and design of the Mazu 82. Working closely with the shipyard, Özelgin optimised the generous volume and large hull windows, combining subtle textures, muted colours, and both direct and indirect light to create a vibe of understated elegance. 

The end result is an interior design that perfectly complements the edgy exterior styling of the Mazu 82, designed in-house by the shipyard’s founder, Halit Yukay: “The interior and the exterior should never be defined as two different aspects but should be seen as a whole as one is the extension of the other,” refers Yukay. “Both should create a coherent unity and reflect the main mood and feelings the designer intended.”

The exterior profile of the 82-footer is characterised by the flush main deck with no steps and the angular lines of the all-glass deckhouse. Wherever possible the shipyard has used one-piece glass panes, which meant increasing their thickness in accordance with class requirements. 

Hence the tempered and laminated windshield is over 22mm thick and with a PVB interlayer is literally bulletproof. The glass is also extra clear to eliminate distortion and reflections. Three openable ‘portholes’ at the front of the superstructure provide natural ventilation while under way. With its sliding aluminium roof, custom-made by OPAC in Italy, the main deck has an airy, loft-like feel.

On special request of the owner, Mazu modified the aft deck design to include terraced steps leading down to the swim platform. These steps function as built-in furniture so guests can sit down (they are wide enough to even lie down) and still converse with other guests. 

“Multifunctional design was very important for the owner,” continues Yukay. “In fact, the open foredeck has three different uses: as a sunbathing area, a dining area for 12 people, and a screen can be set up to turn it into an open-air cinema.”

Unique interior design 

Tanju Özelgin is a designer renowned for its ability to transmit meaning in design through subtle and abstract uses of form, symbol and material. He is widely recognised for his distinct style that is contemporary and abstract yet deeply aware of the fundamentals of human nature and environment.  

These same signature qualities distinguish the interior design aboard the new Mazu 82. 

“The main challenge with yacht interiors is that the space mostly never stands still and is constantly surrounded by water, says the Turkish designer, who aimed to create an onboard ambience more in tune with land-based architecture. “This aspect will direct your decisions regarding which materials to use, the weight and scale of every piece of furniture, and whether or not the furniture is anchored to the decks or built-in.” 

A major challenge for all yacht designers and builders is to draw in as much natural light as possible into the interior. In this regard, the Mazu 82 boasts very large deckhouse windows and strip glazing in the hull. In particular, the sliding sunroof, custom-made by OPAC in Italy, and 9-sqm windshield of ultra-clear laminated and tempered glass, lend the interior an airy, loft-like feel. 

“The space has to be as compact and light as possible without losing the illusion of feeling at home or in a cosy hotel,” says the interior designer. “This was one of our key aspects during the design phase of the yacht: to create a space that feels more as if you were in your own house with all the familiarity and comfort that comes with it.” 

Artificial lighting is just as important as natural illumination and has to be both functional and atmospheric. For this reason, a bespoke lighting system was developed for the Mazu 82.

“Lighting is an important tool for the designer to create an atmosphere and mood, which further improves the design of the space,” says Özelgin. “It is an extension of the feelings the designer wants to express and should always be considered as an reflection of the overall design.”

To create a chic yet warm and inviting feeling, walnut and leather has been used for the furniture – exclusively built by Mazu – while the walls are decorated with metallic finishes and teak paneling that has been textured and stained grey. The textiles and carpets were specially designed for the boat, as were the doors made of bronzed tempered glass and the stainless steel hardware that has been treated using thin-film deposit (PVD) techniques in the same bronze hue. 

“The chosen materials are as light as possible and the textures give a sense of spaciousness with a touch of warmth”  – says Özelgin.

The yacht is fitted with a state-of-the-art audio system (JL Audio for the exterior and Dali for the interior), which meant that close attention was paid to noise damping. Leather and Alcantara cladding and upholstery throughout help to mute unwanted sound. 

The wet surfaces are of a special synthetic material that has a soft leather-like finish, while the bathroom faucets and accessories are by luxury hardware brand Gessi. The high-end galley equipment was supplied by Gaggenau.

Mazu 82 brief specs

Length overall: 24.50m

Beam: 5.90m

Draft (max): 1.60m

Displacement: 50 tonnes

Material: Epoxy Sandwich System Carbon Composite

Engines: 3 x Volvo Penta IPS 1350 (3 x 1000 HP)

Max speed: 40 Kts

Cruising speed: 35 Kts

Fuel capacity:y 4500L

Class: CE / A

Categories: Veiculi Tags: ,

Marius Creati #iorestoacasa

March 23, 2020 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Marius Creati #iorestoacasa

Categories: News Tags:

Maurizio Talarico, il successo nell’arte della perfezione

February 18, 2020 Leave a comment

Maurizio Talarico

Talarico, la cravatta specchio dell’anima. Lo stilista: “Il successo nell’arte della perfezione”

Per un uomo di classe la cravatta è molto più di un semplice accessorio. È un modo di essere, uno strumento attraverso il quale far trasparire la propria creatività.
Non si tratta solo di un tessuto più o meno prezioso, ma di un qualcosa di intimo e personale che trasmette agli altri come siamo passioni e desideri.
Il nostro viaggio nel mondo del Mady in Italy prosegue alla scoperta di un brand che è una eccellenza del nostro Paese nel mondo.
Buona lettura!

Maurizio Talarico, classe 1968 – è venuto al mondo mentre i giovani erano sulle barricate anti sistema e in America c’erano ‘I figli dei fiori’ – nato sotto il segno del Leone, in una Catanzaro ricca di storia, di contraddizioni, di desiderio di emergere, di vivere, di emigrare. Un’avventura d’arte e di impresa che Talarico ha perseguito, lottando, facendo sacrifici, studiando, e soprattutto puntando sul suo genio estroso e della sua sensibilità del fare manuale: disegnare, raffrontare, cambiare, proporre. Così è nato Mr. Cravatta, il re del Made in Italy declinato in un accessorio che segna “l’eleganza di sentirsi all’altezza della situazione”. Così come lui annota, la folgorazione del futuro stilista è nell’osservare il papà quando indossa la cravatta. Una lingua di stoffa colorata che ha il potere di dare fiducia, sicurezza e audacia.

Una empatia magica e signorile che il giovane Talarico coglie al volo. È nato così il suo amore che lo ha portato a navigare lontano tra onde procellose e le secche dei fondali bassi degli inizi. Ci racconta le difficoltà, perché i sacrifici contano più dei risultati, e ti rimangono attaccati come il vero amore. “Ricordo un episodio che mi riporta indietro nel tempo quando ruppi un salvadanaio perché non avevo i soldi per comprare il latte a mio figlio, e ne uscirono pochi soldi, da lì l’impegno, la determinazione e la voglia di riscatto mi hanno portato ad essere l’uomo che sono oggi”

Ed ecco la svolta di Maurizio Talarico che ha battuto i record di creatività, di finezza nel dare vita nuova ad un accessorio scelto oggi dai leader di Stato, uomini d’affari, i big della Silicon Valley, manager più importanti d’Italia, personalità che hanno il fiuto del potere e del successo. Prima di loro, della loro presenza fisica e psicologica arriva la cravatta disegnata da Talarico, che racconta molto di chi la indossa. Le sfumature delle ambizioni umane, dei desideri, dei calcoli, promosse dal gioco dei colori che come in natura devono sedurre e attrarre.

La cravatta pensata da Talarico è una illustrazione che arriva negli occhi dei presenti e crea il personaggio che la indossa. Una scintilla calda di luce colorata che si apre alle suggestioni dell’estetica. Maurizio è un papà fiero e premuroso di 3 figli: Aurora, Tiziano e Sveva, per loro c’è affetto, amore, ma anche l’impegno nel seguirli per le strade che sceglieranno. “La cravatta è il simbolo dell’anima e il colore ne trasmette l’umore”, spiega lo stilista, “per questo abbiamo creato delle punte di colore pastellato nei toni del fucsia e del celeste che sono di gran moda”. Poi ci sono le ricercatezze della comunicazione politica, quando il colore riassume il personaggio.

“Galeotta fu la cravatta fucsia indossata dal leader”. Il piacere di indossare qualcosa che doni alla propria figura, che riesca nella magia di far risaltare quella parte nascosta di sé, quel dettaglio capace di galvanizzare se stessi e gli altri. Da questo sentimento è partito Talarico.

“L’amore per le cravatte nasce da bambino, quando i miei genitori la domenica ed in ogni occasione importante l’annodavano e ci sentivamo eleganti ed all’altezza della situazione”, racconta ricordando gli esordi, “a 31 anni arrivai a Roma in cerca di lavoro e consapevole del fatto di non trovare delle cravatte belle da indossare, cosi decisi di iniziare a disegnarle e aprì un piccolo laboratorio in zona Capannelle a Roma con 3 persone, io disegnavo, loro le realizzavano a mano”. Fisicamente prestante, alto, incline alla affettuosità e gentilezza, caratteriste non scontate per una persona di successo. Forte della sua personalità magnetica, nel credere che sarebbe riuscito ad emergere in un mondo difficile, e in quel filo di carisma che lo univa alle sue cravatte e alle persone che l’avrebbero indossate e apprezzato.

“Vendevo cravatte porta a porta negli studi dei professionisti, nelle aziende, è stato faticoso ma nel 2004 ho avuto la forza di aprire il primo show room in via dei Coronari 52 a Roma”. Ora è sull’Olimpo e dispiega i suoi “fan”: Obama, Trump, Bush il presidente del Giappone Shinzo Abe, la famiglia Al Thani del Katar sono solo alcuni dei celebri nomi che Talarico elenca, in assoluta modestia in quanto sono conquiste affettuose, sincere, di ammirazione per un lavoro ben fatto. ”Ricordo Silvio Berlusconi nel 1999 regalò una cravatta a George W. Bush e subito dopo l’ex presidente d’America Bush divenne mio cliente, le sue cravatte blu e bordeaux sono mie creazioni”. Dal Centrodestra al Centrosinistra, uniti dalla cravatta.

“L’allora presidente del consiglio Romano Prodi famoso per la fantasia regimental”, ricorda lo stilista, “l’ex presidente  del Consiglio Matteo Renzi decise con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una fase di spending review, di fare un regalo comune per 54 capi di stato e 700 ministri che arrivarono in Italia per la chiusura del semestre Europeo.

Anche il presidente Gentiloni  scelse le cravatte sartoriali sia come fornitura per cadeaux istituzionali anche per i capi di stato e le first lady che parteciparono al G7 di Taormina”. Il segreto è nella loro realizzazione, disegnare e creare, per Talarico sono gesti che racchiudono studio, precisione, cura, innovazione e, soprattutto, un sentimento poetico che solo lo spirito artistico può offrire.

“Le  nostre cravatte sartoriali”, spiega, “sono distinguibili in 3 varietà: 3,5,7 pieghe la realizzazione è fatta a
mano infatti si raccoglie il tessuto da angolo ad angolo 3,5, o 7 volte a seconda delle pieghe e della preziosità che si vuol dare a quella cravatta, sono tutte in seta e twell ed ho realizzato due brevetti importanti uno la cucitura a X che testimonia il processo manuale, in quanto sarebbe impossibile realizzare la cucitura a macchina, l’altro brevetto è l’utilizzo di seta e twell con un interno realizzato in lana pregiata per cui una volta riposta la cravatta, essa ritorna in posizione naturale annullando le fastidiose pieghe del nodo”. Prima di congedarsi, una osservazione sul suo metodo: “Perché un accessorio sia lussuoso deve essere perfetto per uno stile di successo. Il premier Conte indossa quotidianamente le mie cravatte e mi ha permesso di sdoganare i colori solari: uno stile più contemporaneo che avvicina l’interlocutore e rasserena”.

Il futuro vede Maurizio Talarico ancora protagonista dell’eccellenza Italia. Le ambasciatrici saranno le sue creazioni. “Le mie cravatte”, rivela, “saranno il cadeau diplomatico all’Expo di Dubai 2020 per le visite istituzionali”.

di Angelica Bianco

Fonte: La Discussione

Dolce Shine, eau de parfum di Dolce&Gabbana

February 7, 2020 Leave a comment

Dolce Shine Eau de Parfum è la nuova fragranza solare, allegra e irresistibilmente fresca che sprigiona una magnifica esplosione di gioia di vivere.

La fragranza si ispira a quel particolare momento dell’anno tra l’inverno e la primavera, quando i primi raggi di sole iniziano a filtrare nei giardini della Costiera Amalfitana.
Dolce Shine incarna la ragazza Dolce, sorridente e dal fascino magnetico, che risplende e cattura gli sguardi ovunque vada.

Raggiante, basta la sua sola presenza per rendere qualunque giornata più luminosa.

IL CONCETTO

Dolce Shine è una fragranza fiorita dai toni fruttati, solare, allegra e irresistibilmente fresca che sprigiona una magnifica esplosione di gioia di vivere. Succoso mango variopinto e vivace gelsomino si fondono con legni chiari baciati dal sole per creare il luminoso profumo Dolce Shine Eau de Parfum.

IL DESIGN

La bottiglia e l’iconico tappo scolpito si tingono di un delicato giallo solare. A impreziosire il flacone, l’immancabile nastro di grosgrain nero. Il nome della fragranza è scritto in un viola acceso, un tocco di colore che accentua l’energia positiva di Dolce Shine.

TESTA

La fragranza apre con colorate note di polposo mango contrastate dall’asprezza acidula dell’essenza naturale di pompelmo. Un tocco di croccante mela cotogna aggiunge carattere alla composizione olfattiva.

IL CUORE

Il cuore della fragranza fiorisce con un meraviglioso vortice di gelsomino arioso e solare fiore d’arancio. Un sorprendente accordo acquatico risveglia l’intensità dei fiori e, spinto da una leggera brezza, si posa delicatamente sui petali come gocce di rugiada.

FONDO

La radiosità solare della fragranza persiste nelle cremose note di fondo: un soffice accordo di legni chiari baciati dal sole, legno di sandalo australiano dai sentori affumicati e setoso muschio bianco richiamano la sensazione della pelle tiepida e morbida.

Categories: Cosmesi Tags: