Archive

Archive for the ‘Casati’ Category

Principe di Montenevoso, blasone conferito al poeta condottiero Gabriele d’Annunzio

October 6, 2015 Leave a comment

Principe di Montenevoso, dall’omonimo Monte Nevoso, è un titolo nobiliare, creato motu proprio da Vittorio Emanuele III Re d’Italia, su proposta del primo ministro Benito Mussolini per il poeta e condottiero della prima guerra mondiale e dell’Impresa di Fiume Gabriele d’Annunzio.
Il titolo non corrisponde ad un vero e proprio feudo principesco, ma come anche altri titoli conferiti in relazione alla vittoria sull’esercito Austriaco della prima guerra mondiale, fa riferimento a imprese militari nelle quali la persona cui furono conferiti si distinse sul campo, come ad esempio il Maresciallo Armando Diaz, firmatario dell’armistizio, che fu creato Duca della Vittoria, l’Ammiraglio Thaon di Revel, artefice della vittoria marittima che fu creato Duca del Mare, il Maresciallo Pietro Badoglio che ebbe il titolo di Marchese del Monte Sabotino (poi Duca di Addis Abeba), e gli Ammiragli Costanzo Ciano (padre di Galeazzo Ciano) e Luigi Rizzo, che ricevettero rispettivamente quello di Conte di Cortellazzo e Buccari e quello di Conte di Grado e Premuda.
Il titolo, trasmissibile ai maschi primogeniti e con trattamento di Don e Donna, concesso a Gabriele d’Annunzio venne creato con Regio Decreto del 15 marzo 1924, nel giorno delle celebrazioni per l’annessione della città di Fiume all’Italia e fa riferimento all’allora estremo confine italiano verso est, conferito a colui che aveva con l’impresa appunto dell’occupazione di Fiume, così strenuamente combattuto per l’unione della città al Regno d’Italia.
Il motto annesso allo stemma, il grido di guerra “Immotus nec iners” (Fermo ma non inerte), è un verso del poeta latino Orazio ed il blasone, concesso con R.D. del 29 aprile 1926 e RR.LL.PP. del 9 maggio 1926, descritto come ” d’azzurro al Monte Nevoso d’argento accompagnato in capo dalla Costellazione dell’Orsa Maggiore d’argento ( ossia 7 stelle di 7 punte)”, con una spada rivolta verso il basso e da un elmetto Adrian, fu dipinto da Guido Marussig. Come ornamento dello scudo il cordiglio francescano, ed elmo e corona da principe; spesso lo scudo si presenta alato per sottolineare la passione di Gabriele D’Annunzio per il volo. Il padiglione con il colmo di ermellino e frangia d’oro; con la cortina formata dalla bandiera della Reggenza Italiana del Carnaro (campo rosso con il serpe di verde-dell’eternità-mordentesi con la coda e con il nastro con lettere in oro “Quis contra nos?” (Chi contro noi?), racchiudente la Costellazione dell’Orsa Maggiore in argento. La cortina è fermata con i piuoli. Dietro il padiglione sorgono a trofeo le bandiere di Fiume (viola, oro, azzurro) e della Dalmazia (d’azzurro a tre teste di leopardo coronate d’oro).

Fonte: Wikipedia

Advertisements

Ordine dei Grimaldi

January 19, 2012 Leave a comment

L’ordine dei Grimaldi è una decorazione cavalleresca istituita nel principato di Monaco il 18 novembre 1954 dal principe Ranieri III.
Essa veniva concessa per ricompensare il personale di servizio ed i benemeriti verso il principe e la sua casata; esso viene per tanto conferito ancora oggi su sola discrezione del principe reggente.
L’ordine dispone di cinque classi di benemerenza:

  • cavaliere di gran croce: indossa la medaglia su una fascia che attraversa il petto dalla spalla destra al fianco sinistro, oltre a portare la stella sulla parte sinistra del petto;
  • grand’ufficiale: indossa la medaglia al collo tramite un nastro, oltre alla stella sulla parte destra del petto;
  • commendatore: indossa la medaglia al collo tramite un nastro;
  • ufficiale: indossa la medaglia sulla parte sinistra del petto con una rosetta;
  • cavaliere: indossa la medaglia sulla parte sinistra del petto

Insegne
La medaglia dell’ordine consiste in una croce matuna in argento ove sul diritto, nel medaglione centrale, si trovano le insegne del principato di Monaco, circondate dalla legenda francese “Rainer Grimaldi, prince de Monaco“. Sul retro, invece, viene riportata la data del 1954 e la scritta francese “Principauté de Monaco“. Il tutto è sostenuto da una corona principesca in oro.
La stella dell’ordine, invece, è di disegno moderno e riporta al centro lo stemma losangato dei Grimaldi di Monaco in un medaglione a cerchio.
Il nastro dell’ordine è bianco con una piccola striscia rossa su ciascun lato del nastro.

Fonte: Wikipedia

Categories: Casati Tags:

Windsor, casa reale del Regno Unito e dei regni del Commonwealth

December 5, 2011 Leave a comment

La casa Windsor, precedentemente conosciuta come casato di Sachsen-Coburg und Gotha (anglizzato poi in Saxe-Coburg and Gotha), è la casa reale del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, e degli altri regni facenti parte del Commonwealth. Nel 1917, durante la prima guerra mondiale, i sentimenti anti-tedeschi presenti nella popolazione spinsero la famiglia reale a mutare il nome, passando da titoli di chiara provenienza tedesca a nomi che assomigliavano più alla lingua inglese.
Il nome tedesco proveniva dal matrimonio della regina Vittoria con il principe Alberto, figlio di Ernesto I, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha, nel febbraio 1840. Sassonia-Coburgo-Gotha, comunque, non era il cognome personale del principe consorte, ma il territorio governato dalla sua famiglia; la sua casata si chiamava Wettin.
Così, il nome Hannover venne cambiato in Windsor, che divenne anche il nome della famiglia reale tramite un ordine in consiglio di re Giorgio V.
Comunque, l’ordine si riferiva solo a tutti i discendenti della regina Vittoria nella linea maschile, ma non necessariamente alle discendenti femminili. Nell’aprile 1952, due mesi dopo la sua ascesa al trono, la regina Elisabetta II pose fine alla confusione sul nome dinastico quando dichiarò al Consiglio della Corona la “volontà e gradimento che io e i miei figli dobbiamo essere designati e conosciuti come casa e famiglia Windsor, e che i miei discendenti che si sposano, e i loro discendenti, debbano portare il nome Windsor”.
Successivamente, l’8 febbraio 1960, la regina emanò un altro ordine in consiglio, confermando che lei e i suoi quattro figli sarebbero stati noti come casa e famiglia di Windsor, e che i suoi altri discendenti di linea maschile (eccetto quelli che sono “altezze reali” e principi o principesse) avrebbero preso il nome Mountbatten-Windsor.
Qualsiasi futuro monarca può cambiare il nome della dinastia se lo desidera. Un altro ordine in consiglio può annullare quelli di Giorgio V e di Elisabetta II. Ad esempio, se il Principe di Galles dovesse accedere al trono, potrebbe cambiare il nome della casa reale in “Mountbatten” in onore del padre e dello zio Louis Mountbatten.
Il regno di re Giorgio V iniziò nel 1910 sotto la casa di Sassonia Coburgo Gotha e si concluse nel 1936. Tuttavia lo Stato Libero d’Irlanda lasciò il Regno Unito nel 1922 e il nome effettivo del regno non fu cambiato fino al 1927, quando egli divenne re d’Irlanda.
Nei decenni che seguirono il 1927 colui che rivestiva la carica di sovrano diveniva re o regina anche di molti reami del Commonwealth, inclusi l’Australia, il Canada, lo Stato Libero d’Irlanda, la Nuova Zelanda, l’Unione Sudafricana, e così via. Precedentemente erano stati sovrani in, non di, questi stati attraverso una suddivisione dell’Impero Britannico. Dopo il 1927 la sovranità di tutti i regni risiedeva nella mani di un unico re. Fino al 1947 il re è stato designato anche imperatore dell’India.

Fonte: Wikipedia

Categories: Casati Tags: , ,