Archive

Posts Tagged ‘Santiago Calatrava’

Sergio Rossi, tributo a Santiago Calatrava per l’autunno inverno 2013 2014

This slideshow requires JavaScript.

Si è tenuta al 25° piano della Diamond Tower di Milano la presentazione della collezione a/i 2013-14 di Sergio Rossi. Una scelta, quella della location, non casuale per il brand di calzature che ha fatto dell’esaltazione della costruzione architettonica il fil rouge dell’intera collezione. Disegnata da Francesco Russo come tributo all’architetto Santiago Calatrava, la collezione prende vita da un’idea molto forte: l’esaltazione della scarpa in quanto elemento architettonico. La calzatura diventa a tutti gli effetti un micro building dove l’architettura non è da intendersi come un insieme di forme geometriche e di costruzioni finite, bensì come percorso di realizzazione e di sviluppo di un progetto. E’ così che lo scheletro della costruzione riacquista il suo valore; gli elementi strutturali prendono il soppravvento tanto da risultare volutamente visibili.  Esempio lampante e cuore della collezione Sergio Rossi è il modello dal tacco a spillo con gabbia in acciaio incastonata, quasi fosse una pietra preziosa, tra il tacco stesso e la suola. La gabbia in questo caso non è solo un dettaglio decorativo ma anche un elemento funzionale poiché, proprio come le intelaiature metalliche nelle opere architettoniche, essa sorregge la struttura della scarpa. I colori, per rispettare il concept di essenzialità della collezione, sono nero bianco e nudo; i metalli invece sono acciao e oro rosa. La scelta dei materiali come il pitone, oltre al camoscio e alla pelle, è dettata dalla sua tipica texture squadrata che risalta i giochi grafici ed enfatizza le intercapedini geometriche. (Daniela Compassi)

Fonte: VM-Mag

Stazione di Liegi, cattedrale del sogno

This slideshow requires JavaScript.

Dopo più di 10 anni di lavoro, la nuova stazione ferroviaria Liegi-Guillemins, la più grande d’Europa con i suoi 200 metri di lunghezza, 73 di larghezza e 40 metri d’altezza, è finalmente operativa, e in grado di accogliere i TGV. Firmata dall’archistar Santiago Calatrava, già autore delle più originali architetture mondiali di questi ultimi anni, la stazione non ha facciata, ma presenta un’immensa e spettacolare volta centrale d’acciaio e vetro, sostenuta da strutture in cemento armato bianco: una cattedrale di luce del 3° millennio. La luce naturale inonda, infatti, tutta la struttura, persino sotto i binari al piano inferiore delle sale d’attesa: la pavimentazione delle banchine è composta di mattoncini di vetro trasparenti. La stazione si presenta come una piazza aperta dall’accesso libero, sotto la sua imponente visiera esterna. Le sue travi d’accaio celeste con la portata più importante al mondo, hanno un’eleganza e una poesia che rinvia all’Art Nouveau. Oltre a fare della cittadina belga un nodo strategico per le comunicazioni nel Nord Europa, con i treni ad alta velocità ICE tedesco e il Thalys, la nuova stazione è già ai primi posti fra le attrazioni turistiche. “Non si costruisce più cattedrali da molto tempo, ma uno dei compiti dell’architetto è di fare sognare la gente” ricorda Calatrava.

Fonte: Futurix

 

Denver International Airport, conceptual design di Santiago Calatrava

This slideshow requires JavaScript.

Il futuro ampliamento e il programma di riqualificazione dell’aeroporto di Denver nel Colorado, porta la firma del noto architetto spagnolo Santiago Calatrava, già autore di capolavori sparsi sul pianeta, come uno degli ultimi: Stazione di Liegi, una cattedrale di luce. Il programma prevede un collegamento ferroviario, oggi inesistente, col centro di Denver, con relativa stazione nell’aeroporto, un ponte sul Pena Boulevard, un hotel da 500 camere con centro di conferenze, e una piazza con ristoranti, negozi, che offre una magnifica vista sulle Montagne Rocciose.

Fonte: Futurix