Home > MondoCity > Tétouan, piccola Gerusalemme

Tétouan, piccola Gerusalemme

September 18, 2015 Leave a comment Go to comments

This slideshow requires JavaScript.

Le origini della città si perdono nella notte dei tempi; gli oggetti rinvenuti sino ad oggi sono datati verso il III° secolo A.C. e provengono principalmente dalla antica città di Tamuda. Il nome della città, secondo alcuni studi, deriva da “Tittawin” che nella lingua Tamazigh significa “gli occhi” o ancora “le sorgenti”. I Fenici stabilirono un grande magazzino di stoccaggio all’imbocco del fiume Martil. Fu nel 1307 che il sultano merinide Abou Thabef fece costruire la città fortificata di Tétouan con lo scopo di costruire una base avanzata in grado di recuperare Sebta. Popolata da soldati, la città diventò rapidamente un nido fortificato di pirati e davanti ai loro innumerevoli attacchi, gli spagnoli sbarcarono sulla costa e la distrussero completamente. Nel 1492, la caduta di Granada vide l’esodo dal sud della Spagna di migliaia di emigrati musulmani che si installarono nelle rovine della città, rinascendo così dalle sue ceneri e conoscendo in seguito fasti mai vissuti prima. La caduta del reame di Granada segnò la rinascita della città di Tétouan; la sua ricostruzione voluta da Sidi al-Mandri, seguito dai primi Mudèjar che fuggivano dalla Reconquista cristiana, fece della città un luogo d’accoglienza della civiltà andalusa. Protetta dalle barriere naturali di due montagne, aperta sul Mediterraneo, la città offriva una posizione strategica per gli esiliati che non cessavano di respingere la minaccia cristiana. Tétouan è in primis una città andalusa ed è la sola città marocchina costruita esclusivamente da andalusi. L’architettura militare andalusa di Tétouan è un tratto fondamentale della città, la cui ricostruzione all’inizio del XVI°secolo aveva come obbietivo principe quello della difesa contro i portoghesi che avevano già occupato tutte le città marocchine della costa. Beneficiando del vuoto politico che caratterizzava il Marocco di quell’epoca, si creò una città simile a quella che era stata abbandonata. Più dell’architettura, l’arte de vivre tetouanese è segnata dall’eredità andalusa tout court. Questa città chiamata « la colomba bianca » dai poeti arabi, venne designata con termini differenti come « la figlia di Granada » o ancora « la piccola Gerusalemme ». Diventò un luogo di incontro per diverse popolazioni, religioni e culture, da quella andalusa alla ottomana, attraversando quella locale ed europea, la cui simbiosi produsse una cultura tetouanese dominata dal carattere conservatore dei suoi abitanti, che assomigliano caratterialmente ai granadini.

La città ha assimilato l’architettura andalusa nei suoi muri, nelle kasbah,  nelle sue piccole case e nei suoi palazzi con patio, fontane e giardini, nei suoi minareti, mausolei e fondouks. Il XIX° secolo fu un secolo di decadenza per il Marocco con la conseguenza diretta della penetrazione economica europea. Questa città conobbe la peste del 1800, la terribile carestia del 1825 e la guerra di Tèteouan del 1860 che ne vide la sua sconfitta contro le truppe spagnole che si ritirarono nel 1862, dietro il pagamento di una indennità che rovinò economicamente la città. La decadenza economica di Tétouan iniziò comunque prima della guerra del 1860 e fu causata dagli spagnoli che affondarono diverse navi nell’estuario del porto della città, mettendo fine alle attività marittime della città. Nel XX° secolo Tétouan conobbe un nuovo assetto politico, economico ed artistico diventando capitale del Protettorato spagnolo nel nord del Marocco. La città moderna venne costruita a lato della antica medina. L’Ensache di Tétouan è attualmente un vero gioiello architettonico con le sue strade ed edifici in stile coloniale spagnolo, le sue piazze e i suoi mercati. L’influenza andalusa non è assente; l’interno della cattedrale di Tétouan può essere confuso con l’interno di una moschea andalusa. Le due parti della città si completano, malgrado i loro contrasti evidenti e a volte stridenti. La conservazione e lo sviluppo dell’architettura e dell’arte tradizionale tetouanese deve molto a Mariano Bertuchi, pittore orientalista spagnolo eccelso e grande amante dell’arte marocchina. Fondò il Museo Etnografico e la Scuola delle Arti e Mestieri tradizionali, un gioiello che rappresenta l’aiuto europeo all’arte andalusa di Tetouan, dove si trovano i preziosi ricami nasridi e mudéjar che perdurano nella broderie tetouanese ancora oggi.

Fonte: My Amazighen

Advertisements
Categories: MondoCity Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: