Archive

Posts Tagged ‘Coco Chanel’

Armadyoga, filosofia del vestirsi

October 16, 2012 Leave a comment

L’unico pensiero che può consolare una donna davanti all’armadio è quello di non essere Kate Middleton, che quando sceglie cosa mettere deve pensare, oltre al principe, ai paparazzi e a tutti quelli che guarderanno le sue foto anche in prospettiva quadrangolare, pure a quali saranno le reazioni di una novantenne vintage il cui colore preferito è il giallo canarino e che sta a Coco Chanel come un liceale a Dean e Dan  di Dsquared2. A noi, in fondo, è sufficiente decidere cosa indossare per coprire quei due o tre difettucci fisici che fanno tanto donna vera, perché il massimo che può accaderci è di essere immortalate di sfuggita nella foto ricordo di qualche turista giapponese.
Tutto comincia con l’apertura dell’armadio e prosegue con l’assunzione della posizione del “saluto alla wintour”. Sedute sul letto a gambe incrociate , indice della mano destra  sulle labbra (va bene anche della sinistra, se siete mancine) e sguardo strabico tra i jeans, le camicie e magari, forse, un vestitino con un pensiero rivolto al blog della Marcuzzi che alla fine qualche consiglio utile te lo rifila sempre. E bisogna approfittarne adesso, perché, se riprenderà il look da single rampante, limiti fisici imprescindibili, tipo due gambe della Marcuzzi che ne fanno una mia, impediranno di seguirla ancora!
I primi dieci minuti sono di riflessione, ma anche un po’ di riposo … che dopo tante ore di fronte al monitor di un pc , guardare un armadio aperto  è come la vista dell’Oceano per un eschimese. E quando l’ora dell’appuntamento si fa vicina, le puntuali cominciano a vestirsi.
Le altre, invece, si perdono in riflessioni filosofico-sartoriali che a Valentino Garavani gli verrebbe voglia di mettersi la camicia hawaiana e andare a mangiare i tonnarelli cacio e pepe a Trastevere di sabato sera. Perché si, è vero, il pantalone nero è un passpartout e alla finejeans e maglietta, a parte la cellulite,  le smagliature e un fidanzato che ti fa andare le polpette di traverso, risolvono tutti i problemi, ma se una donna sta attraversando la fase “ho visto una foto di Sienna Miller con un vestitino nero e i bikers e se lei si veste così posso farlo anche io” è normale che, per scegliere il giusto outfit,  sia necessaria una riflessione filosofica accurata, che abbracci anche i principi base della sociologia e dell’antropologia. La parte in cui Sienna Millerdiventa la scusa per mettere una gonna più corta richiederebbe invece considerazioni  che più che davanti a un armadio andrebbero fatte sul divano di uno psichiatra. Uno bravo.
A questo punto è tardi, manca poco all’appuntamento e bisogna prendere una decisione. Anche se, vorrei sottolinearlo, non si è mai sentito che qualcuno abbia interrotto i pensieri di Schopenauer perché si sta facendo tardi per andare a prendere un aperitivo. Anche se forse un bicchiere di buon vino gli avrebbe fatto bene all’umore.

Comunque, jeans slim e maglietta bianca, che Elisabetta Canalis è sempre così glam quando li indossa. Eh, si, che poi dallo psichiatra, una volta nominata Sienna ci si butta in mezzo anche la Canalis. Ovviamente con il tacco alto perché indossare le ballerine sarebbe un atto di presunzione così grande che al confronto Mourinho riceverebbe il premio “Bagno d’umiltàautunno-inverno 2012/2013” Risultato soddisfacente con quelli che sarebbero stati solo dieci minuti di ritardo, se davanti allo specchio non avessi realizzato che vivi a Roma e devi fare l’aperitivo in centro, dove padroneggia il peggior nemico di un tacco alto, di una gamba slanciata e di una caviglia affusolata. Lui, il serial killer dei soprattacchi. Il sampietrino. Necessaria trasformazione in Sienna Miller. E mezz’ora di ritardo. (Valeria Carola)

Fonte: VM-Mag

Categories: Life-Visions Tags:

Chanel, collezione in edizione limitata per San Valentino

February 6, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Se Coco Chanel vedesse la sua maison svendersi nel giorno più consumistico dell’anno, probabilmente si rivolterebbe nella tomba. Da Karl Lagerfeld mi aspettavo un atteggiamento snobistico nei confronti di questa festività, ma tant’è.
La collezione in edizione limitata creata per San Valentino è indubbiamente adorabile, nei toni pastello del rosa e del beige, e comprende piccola pelletteria, scarpe e accessori vari.
Se avete un fantastico fidanzato, non perdere quest’occasione.

Fonte: In Moda Veritas