Archive

Posts Tagged ‘Napoleone Bonaparte’

Savona, viaggi nel tempo alla scoperta del grande generale Napoleone Bonaparte

June 11, 2013 Leave a comment

1280px-Balestrino-panorama_borgo_vecchio

Napoleone e i Viaggi nel Tempo a Savona: 6 nuovi itinerari alla scoperta del grande generale con la guida degli storici
CartOrange, in collaborazione con la Provincia di Savona, attraverso Bonesprit progetto finanziato nell’ambito del Programma Italia Francia Marittimo 2007/2013, ha creato i tour che ripercorrono le orme del grande condottiero. Tra rievocazioni storiche, antichi borghi e splendidi paesaggi, pacchetti pronti o su misura per tutti i gusti, da vivere insieme agli esperti.
Sei nuovi itinerari storici nel Savonese per rivivere le gesta di Napoleone agli albori della sua ascesa come condottiero e per scoprire un territorio ricco di bellezze artistiche e paesaggistiche, oltre che di sapori. Sono il frutto del lavoro di CartOrange, tour operator specializzato in itinerari culturali e maggiore azienda italiana di Consulenti di viaggio, scelta dalla Provincia di Savona come partner per valorizzare il patrimonio napoleonico nell’ambito del progetto Bonesprit, l’iniziativa transfrontaliera nata per valorizzare il patrimonio napoleonico in Francia e Italia. «La volontà era quella di abbinare alla ricerca storica una proposta turistica per tutte le tasche e tutti i gusti, per singoli e gruppi, in modo da attirare visitatori da lontano ma anche per far vedere con occhi nuovi agli abitanti del posto i luoghi in cui vivono» spiega Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange.
A spiegare come si è proceduto è Silvia Romagnoli, consulente scientifica per l’elaborazione degli itinerari turistici del progetto: «Una équipe di storici che ha raccolto e sistematizzato la documentazione sui movimenti di Napoleone in Liguria, facendo luce su aspetti ancora poco conosciuti di quelle vicende, mentre una squadra di esperti di turismo ha individuato i percorsi, le strutture ricettive, le attrattive artistiche e naturali che completano gli itinerari per renderli dei veri e propri “pacchetti” da uno o due giorni, già predefiniti o personalizzabili».
Le proposte CartOrange fanno parte della linea “Viaggi nel Tempo”, tour culturali che hanno la particolarità di svolgersi sotto la guida di uno storico, che tiene tra l’altro lezioni preparatorie prima della partenza. L’effetto “macchina del tempo” è garantito anche dalla possibilità di assistere, su richiesta, a minuziose e coinvolgenti rievocazioni storiche con costumi e attrezzature d’epoca.
«Ho creduto moltissimo in Bonesprit, un progetto internazionale che ha valorizzato il patrimonio napoleonico presente sul nostro territorio e che ci ha permesso di riscoprire ed approfondire momenti storici fondamentali per il Paese – afferma il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza -. Gli itinerari napoleonici nel savonese presentati da CartOrange sono quindi una felice occasione per rileggere con attenzione un periodo che ha profondamente segnato la storia e la cultura ligure e, al contempo, offrono l’opportunità di fruire della nostra bellissima costa e nel nostro suggestivo entroterra in tutte le stagioni dell’anno».
Gli itinerari napoleonici – «Nel territorio del Savonese l’Armata d’Italia, impegnata contro austriaci e piemontesi, assunse a partire dal 1795 sempre più importanza, grazie alla perizia dei suoi comandanti, ai quali ben presto si aggiunge un giovanissimo Napoleone -spiega Silvia Romagnoli- Proprio qui furono poste le basi per la futura Campagna d’Italia che avrebbe cambiato per sempre l’assetto geopolitico europeo e portato nel nostro paese le idee rivoluzionarie. Nella Liguria occidentale si sperimentarono quelle tattiche di guerra fulminea che fecero di Napoleone il più grande generale della storia». Incontro con l’Armata di’Italia è una giornata da trascorrere sulle alture di Poggio Balestrino per scoprire le strategie di guerra e la vita quotidiana dei soldati dell’Armée d’Italie. La Battaglia di Loano 1795 ricostruisce in due giorni un evento che mise le basi del predominio dei francesi, e si svolge fra Albenga, Toirano, Zuccarello, Castelvecchio di Rocca Barbena, Bardineto e Loano. Sui sentieri di battaglia è l’itinerario escursionistico di due giorni nell’area del Poggio Grande che segue le tracce del fronte francese fra panorami mozzafiato. La Battaglia di Cosseria racconta le gesta eroiche dell’armata di Napoleone fra Millesimo, il borgo di Cosseria e il Castello del Carretto. Napoleone e la Val Bormida porta i visitatori tra i campi di battaglia di Millesimo, Cosseria, Altare, Carcare, Monte Negino, il Colle di Cadibona e Savona. Sui sentieri delle prime battaglie napoleoniche è un itinerario escursionistico di due giorni che rievoca le battaglie di Montenotte e Dego, sulle vie percorse dai soldati di Napoleone, con tappe a Carcare, Altare e nel Parco dell’Adelasia.
Le pubblicazioni – Le prime battaglie del generale Bonaparte comandante l’Armata d’Italia e La battaglia di Loano 1795 sono le due pubblicazioni gratuite, realizzate da CartOrange con il contributo e la collaborazione della Provincia di Savona, nell’ambito del progetto Bonesprit. I curatori sono Lorenza Simonetti e Alessandra Gambaro per la Provincia e Silvia Romagnoli per CartOrange. I due opuscoli raccolgono itinerari, mappe, dettagli storici e schede turistiche per le località interessate e saranno disponibili gratuitamente, insieme a cartine e flyer, in tutti gli uffici turistici della provincia di Savona. Si possono inoltre richiedere contattando un Consulente di Viaggio CartOrange attraverso il sito www.cartorange.com e il sito www.napoleoncities.eu
Viaggi su misura – I pacchetti CartOrange comprendono una lezione introduttiva al viaggio e uno storico CartOrange al seguito. Prezzi a partire da 100 euro, con un supplemento se si desidera assistere a una rievocazione storica. Contattando un Consulente di Viaggio CartOrange è possibile personalizzare i pacchetti per durata, percorsi e attività collaterali come escursioni in bicicletta, a cavallo, con le racchette da neve o in parapendio.

Bay van der Bunt, mirabile vendita all’incanto per rara collezione di bottiglie

February 10, 2012 Leave a comment

Anche un cognac Brugerolle che accompagnò Napoleone in battaglia.
Migliaia di bottiglie di rari cognac, whisky e altri liquori, alcuni dell’epoca della Rivoluzione francese, sono da oggi in vendita: il collezionista, Bay van der Bunt, editore olandese di Breda, conta di ricavarne milioni di dollari. Descrivendola come la “più grande collezione di vecchi liquori del mondo”, un portavoce di van der Bunt ha spiegato che circa 5,000 bottiglie di cognac, whisky, armagnac e altri liquori sono in vendita ad un prezzo totale stimato a sei milioni di euro.
Van der Bunt “aveva promesso alla moglie che avrebbe venduto la collezione quando sarebbe andata in pensione a 65 anni e ha mantenuto la promessa”, ha spiegato ancora all’Afp Bart Laming, aggiungendo che Van der Bunt, 63 anni, che ha ereditato parte della collezione dal padre e dal nonno e la ha depositata in una cantina della sua casa di Breda, non ha avuto figli a cui lasciarla in eredità.
La collezione include una bottiglia di vetro soffiato a mano di sei litri di cognac Brugerolle del 1795 che sarebbe stata requisita dagli ufficiali dell’esercito rivoluzionario francese. “Si ritiene che questa bottiglia abbia accompagnato Napoleone Bonaparte nelle sue campagne ed è l’unica rimasta nel mondo”, ha detto sempre Laming. Da sola, la bottiglia ha un prezzo di base di 138,000 euro, anche se Van der Bunt spera di vendere la maggior parte della collezione in un singolo lotto. Van der Bunt – che ha aggiunto “pezzi” per gli ultimi 35 anni – ha acquistato il Brugerolle ad un’asta di Christie a Chicago negli anni ’90. Il collezionista che, ironia della sorte, non beve alcolici, ha anche acquistato alcune delle bottiglie da famosi ristoranti come Maxim’s a Parigi e Le Cirque a New York.
Secondo il portavoce diversi potenziali compratori hanno già manifestato interesse per la singolare collezione, soprattuto dalla Cina e dalla Russia. Tuttavia il cognac più vecchio, che risale al 1760, non sarà in vendita. “Si tratta di una vera rarità. Rimarrà con Van der Bunt”, ha concluso il portavoce.

Fonte: TMNews