Archive

Archive for November, 2017

L’Eau Majeure d’Issey, nuova fragranza maschile di Issey Miyake

November 28, 2017 Leave a comment

L’Eau Majeure d’Issey, una nuova fragranza che trae ispirazione dall’acqua, come simbolo maschile di forza e movimento.
Primordiale. Essenziale. Primaria.
L’acqua come principio creativo.

EAU DE TOILETTE
Un accordo inedito di legno marino, carico della forza del mare. Designed by water.
Disponibile nei formati da 50 e 100 ml.

Advertisements
Categories: Cosmesi Tags:

“Art de Grisogono”, incanto memorabile per il diamante dell’anno da Christie’s a Ginevra

November 21, 2017 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

“Art of De Grisogono, Creation1”, la prestigiosa collana con smeraldi e diamanti, corredata con il diamante bianco D-flawless più grande mai battuto in un’asta, è stata venduta da Christie’s di Ginevra per 33,5 milioni di franchi svizzeri – pari a 28,7 milioni di euro. Il diamante da 163,41 carati é stato trovato in Angola nel 2016. La casa d’aste precisa che il prezzo include tasse e commissioni.

DECO’, la nuova fragranza femminile di Braccialini

November 15, 2017 Leave a comment

3D_DECO_50ml-w900-h900

DECO’ La nuova fragranza femminile di Braccialini
Una fragranza impalpabile, che ipnotizza come la ruota del pavone, per una donna contemporanea e sicura di sè, in cerca di un profumo accattivante e confortevole.

UN VENTAGLIO DI LUCE DI UNA BELLEZZA UNICA, UN’ARMONIA DI FORME, COLORI E SENSAZIONI.
Una simmetria totale, linee geometriche forti, e sinuosità delle forme in perfetto stile Art Dèco, si fondono perfettamente per un tocco eclettico in cui tutti gli elementi hanno un carattere ben definito e una decisa e delineata personalità.

La combinazione cromatica è di grande gusto.
La campitura verde è dominate, una tonalità raffinata e cangiante che impreziosita dagli inserti viola ed oro regala un’esplosione luminosa, rivelando una grande eleganza estetica e un fascino senza tempo.

Immersi in questo stile, Braccialini DECO’ vi accompagna in un viaggio affascinante in piena libertà, a bordo di una lussuosa nave da crociera, in un romanzo del primo ‘900, in una suite d‘hotel negli anni d’oro di Hollywood.
La nota si apre con i tocchi iridati del Pepe Rosa e la frizzantezza del Limone di Sicilia, amalgamati da cremosi fiori solari come l’Eliotropio, che donano da subito un volume vibrante alla fragranza.
Nel cuore, emergono sentori caldi gustativi del Rhum, arricchiti dal carnale Gelsomino e dall’esotico fiore di Tiarè a cui l’Iris dona volume ed una soffusa armonia.
Nel fondo, la sofisticatezza delle Ambre, il carattere deciso del Cuoio e i sentori legnosi del Patchouli contribuiscono a creare un effetto ipnotico e inconfondibilmente irresistibile.
Famiglia: Floral – Oriental – Woody – Musk
Piramide olfattiva:
Note di Testa: Pepe Rosa, Eliotropio, Limone di Sicilia
Note di Cuore: Rhum, Tiarè, Iris, Gelsomino d’Arabia
 Note di Fondo: Cuoio, Ambrox, Muschio, Patchouli
Naso:  Ilias Ermenidis
Il viaggio emozionale nel mondo Braccialini continua con la Body Lotion, che racchiude le inebrianti note di Deco: tentazioni beauty per un momento di pura estasi, esse trasformano un gesto quotidiano in un vero rituale di bellezza, suggellando sul corpo le lussuose ed inebrianti note olfattive della fragranza.
Formato e Prezzi:

EDP 100 ML  69,00 €
EDP 50 ML  47,90 €
BODY LOTION 200 ML 16,90 €

Categories: Cosmesi Tags:

Moncler, concluse le collaborazioni con Giambattista Valli e Thom Browne

November 13, 2017 Leave a comment

moncler gamme

Moncler annuncia la conclusione della collaborazione con Giambattista Valli e Thom Browne: la primavera/estate 2018 sarà l’ultima stagione delle collezioni Moncler Gamme Rouge e Moncler Gamme Bleu.

«Sono onorato di aver lavorato in questi anni al fianco di creativi dal grande talento come Thom e Giambattista», ha commentato il presidente e amministratore delegato Remo Ruffini, annunciando l’intenzione di volersi concentrare sulle nuove sfide future di Moncler, proprio come Valli e Browne si concentreranno sui propri marchi.

Intanto Remo Ruffini ha ribadito di non avere per ora intenzione di vendere: «Penso che ci sia ancora tantissimo da fare e mi piacerebbe portare a termine i progetti che ho in testa», ha affermato in un’intervista pubblicata oggi sul Corriere della Sera.

Nel lungo botta e risposta con la giornalista Maria Siliva Sacchi, Remo Ruffini racconta some si evolverà la distribuzione e si dice convinto che il negozio fisico resisterà: «Perché l’esperienza è fondamentale, poi non so in che percentuale sarà più fisico o più digitale ma per Moncler il negozio sarà sempre un punto importante».

 «Piuttosto – prosegue – c’è un forte aiuto dall’e-commerce per far conoscere meglio la marca e avvicinare il consumatore in modo più confidente al negozio fisico».

Quanto all’andamento dei mercati, «bene la Cina, anche se è molto volatile, sta tornando a essere quello che era qualche anno fa. Il mercato che vedo più complesso è quello americano, ma la sorpresa è l’Italia: dopo Expo è nato un Paese nuovo».

Fonte: Fashion Magazine

Jayne Mansfield, corsa folle nella Hollywood maledetta

November 13, 2017 Leave a comment

Jayne Mansfield-w900-h900

La corsa folle di una bellissima contro il tempo e il dolore della vita può apparirci come misterica. Questa bionda incredibilmente Hollywoodiana morì completamente sfigurata. Da allora, i camionisti americani hanno l’obbligo di collocare sotto il telaio una sbarra d’acciaio antincastro, che chiamano Mansfield Bar. La morte di Jayne Mansfield è servita a salvare altre persone sicuramente. Della Mansfied Bar beneficiano altri, forse meno vistosi o meno intelligenti, meno intraprendenti e sicuramente meno sovraesposti che si accontentano di una villetta e di un pomeriggio al centro commerciale ma che sognano Hollywood. L’infernale e divertente insieme Valle delle bambole dove Jayne la conoscevano e oggi la ricordano tutti.

In un afoso giugno del 1967, un trattore stava viaggiando per le campagne intorno a New Orleans spruzzando pesticida. Il vapore derivato dal pesticida che irrorava avvolse la strada con una fuoriuscita di fumo. Il fumo nero avvolse tutto nel suo senso più simbolico. Un camion con rimorchio, che spuntò oltre la curva, e sprofondò in quella nebbia scura e dovette inchiodare violentemente per fermarsi. Sopraggiungeva ad alta velocità un’auto, che non potè frenare. L’urto violento della macchina, una Buick blu, fece si che il veicolo si infilò sotto il rimorchio e si aprì come una scatola.

Nella autovettura erano stipati tre adulti e tre bambini. I bambini sopravvissero, anche se feriti. I grandi perirono. Morì l’autista, morì un avvocato e morì una giovane donna molto vistosa e ossigenata. Aveva 34 anni. E il suo nome era: Jayne… Jayne Mansfield. Un’icona. Una sex bomb incontrollabile.

Jayne era bionda platino, labbra carnose , grandi occhi da cerbiatta, naso cesellato. Aveva un corpo invitante e paradossale , con un giropetto di oltre 100 centimetri e un vitino incredibilmente sottile. Forse poteva aver dato fastidio alla carriera alla più minuta collega Marilyn negli anni Cinquanta, ma la rivale leggenda la Monroe, era morta nel 1962 a 36 anni. Jayne ormai era solo una fotocopia involgarita e inquietante. La carriera partì promettente con delle partecipazioni cinematografica di tutto rilievo, accanto a Dean Martin, Cary Grant ,Tony Randall per poi passare rapidamente alla serie B persino accanto a Franchi e Ingrassia in Italia. Jayne era ribelle con i produttori: aveva una personalità supponente, beveva, forse si drogava, collezionava uomini(ebbe cinque figli da tre uomini diversi). All’epoca del vedo e non vedo si spogliava in pubblico e sui giornali. Era una mina vagante, ma il mondo Hollywood era un mondo estremamente puritano almeno di facciata. La emarginarono. Era famosissima per il nudo, per la somiglianza con Marilyn e per gli scandali dunque finì per girare film solo serie B o perfino a esibirsi nei night di provincia ,in stato confusionale.
Jayne fin da piccola voleva fare l’attrice, diventare qualcuno, come milioni di americane della sua epoca e non. Era intelligente, colta, suonava il violino, il pianoforte e parlava cinque lingue, ma puntò unicamente e prepotentemente sulle doti esteriori. La finta bionda platino svampita e osè, poté comprarsi una villa rosa super kistch con 40 stanze e una piscina a forma di cuore a Beverly Hills. La sua vita fu un girotondo di uomini e di chihuahua che teneva sempre nel suo prosperoso grembo.
L’oca giuliva platino che pareva un fumetto aveva un quoziente di intelligenza di 162. Il boccone amaro da trangugiare insieme all’alcool era accettare l’emarginazione a Hollywood e forse che gli uomini la apprezzassero solo per le sue avvolgenti curve. Cadde sempre più in basso. Jayne negli ultimi tempi viveva con Sam Brody, l’avvocato che per lei aveva lasciato una moglie due figli, per loro fu l’ultima spiaggia. Ubriachi e sotto Lsd, avevano un rapporto violento tanto che lei era piena di lividi sotto strati spessi di cerone. Lui aveva il problema del gioco e voleva i soldi che lei guadagnava. Jayne veniva considerata persona sgradita ai festival del cinema, e nelle feste Hollywoodiane era troppo sexy e ormai spudorata, e beveva troppo, oltre a far uso di LSD. I due amanti sbandati, per macabra ironia della sorte iniziarono addirittura a frequentare un guru satanista del giro di Charles Manson (arrestato e condannato autore della strage che costò la vita nel 1969 Sharon Tate, giovane e bellissima moglie di Roman Polanski).

La bionda platino è l’America stessa , è la luce di un faro
valorizza una chioma ossigenata; non importa cosa si stia
costruendo o decostruendo sotto, la luce delle stelle porta
denaro ai botteghini, è un prodotto.

Si dice che alla Kim Novak in una delle tanti liti alla Columbia dissero “sei solo un pezzo di carne, devi solo sostituire quell’altra, che tra pillole e alcool tirerà le cuoia presto”.

Fonte: MondoRaro

Categories: Celebrities Tags: