Archive

Archive for the ‘MondoViaggi’ Category

Malesia, luna di miele perfetta tra gli gli atolli maldiviani

February 5, 2013 Leave a comment

malesia-w600-h600

GLI “INGREDIENTI MALESI” PER LA LUNA DI MIELE PERFETTA IN MOSTRA A MILANO SPOSI, FIERA ASSAGO.
L’ENTE DEL TURISMO DELLA MALESIA E LOFT STUDIOVIAGGI, TOUR OPERATOR SPECIALISTA DELLA DESTINAZIONE,  PARTECIPANO A “MILANO SPOSI”, FIERA DI ASSAGO
Atolli bagnati da acque color zaffiro contrastate da spiagge di sabbia soffice, foreste pluviali di un verde smeraldo lucente, primi piani di buffi oranghi e simpatiche scimmie nasiche e inquadrature futuristiche di ardite architetture che svettano su vivaci skyline. Sono tutti scatti “rubati” dagli album fotografici di un viaggio di nozze in Malesia, souvenir sempre più frequente tra gli sposi italiani.  Tra gli oltre 41.000 italiani che hanno visitato la Malesia nel 2012 (con un incremento medio del 3,2% rispetto ai flussi 2011) sono, infatti, in forte crescita coloro che scelgono questa destinazione del Sud est asiatico come meta del loro viaggio di nozze e lo fanno perché questa destinazione offre tutti gli ingredienti per una luna di miele perfetta.
“Un viaggio di nozze in Malesia permette di miscelare gli ingredienti chiave che gli sposi spesso desiderano – esotismo, soft adventure, città moderne e relax mare –  in maniera molto equilibrata – afferma Giulio Bonetti, product manager LOFT studioviaggi, e specifica –  “ Kuala Lumpur è una moderna capitale asiatica e Malacca svela tutto il fascino delle città coloniali.  Le foreste della Penisola e del Borneo sono dei veri tesori naturali dove è facile avvistare oranghi, elefanti e molti altri animali e che si possono esplorare comodamente a bordo delle lance che navigano l’intricata ragnatela di fiumi lambiti da mangrovie o passeggiando a “altezza alberi” sulle passerelle. Il mare tropicale, sempre al top nell’interesse dei neo sposi, accontenta tutti i gusti, in tutte le stagioni”.
La bellezza delle località di mare in Malesia è pari alla loro varietà: ci sono gli atolli “maldiviani” a largo delle coste del Borneo, come Pom Pom Island, dove fare il bagno tra le tartarughe marine,  resort più mondani e golosi sulle isole a largo della Penisola e, come fiore all’occhiello, l’incanto di Tioman, scelta da Time Magazine per sfilare nell’elenco delle 10 isole più belle al mondo.
Il comune denominatore al ventaglio di possibilità offerte da un viaggio di nozze in Malesia è lo standard di servizio elevato. Vincenza Andreini, direttore marketing dell’Ente del Turismo malese sottolinea che – “la Malesia vanta  un ottimo rapporto qualità-prezzo e offre agli sposi la possibilità di viaggiare in un paese che miscela l’avventura e il fascino dell’esotico con la tranquillità di una destinazione sicura, ben organizzata e accogliente”.

Categories: MondoViaggi Tags:

Marocco, sei proposte originali per trascorrere la Pasqua con la famiglia

January 21, 2013 Leave a comment

Sunset-Marrakech-Marocco-500x800

In Marocco con tutta la famiglia: 6 proposte originali per TRASCORRERE la PASQUA
Marocco, terra di avventure. Tante le proposte di viaggio per vivere una Pasqua indimenticabile insieme alla propria famiglia ma lontano dai sentieri battuti: un percorso tra le mulattiere dell’Alto Atlante, un’escursione nel deserto a dorso di dromedario o in cammello, un viaggio “family chic” nella terra di Mogador, un soggiorno in un ecolodge, un’esperienza di vita all’interno di un riad, una vacanza tra surf e natura a Dakhla.
PERCORSO TRA LE MULATTIERE DELL’ALTO ATLANTE
Passeggiare tra le valli dell’Alto Atlante e attraversare il cuore dei monti Toubkal e M’goun, le cui cime oltrepassano i 4000 metri, accompagnati dal passo esperto di una guida di montagna e dalla sua équipe di mulattieri. Risalire torrenti, attraversare valli e villaggi, superare valichi e sostare nei rifugi presenti lungo il cammino. Per trascorrere serate indimenticabili, è possibile sostare nelle tende montate in mezzo al deserto: un’esperienza unica fattibile anche con i bambini. 
Tra i diversi itinerari proposti, la Vallée des Roses, un percorso semplice e di una bellezza sorprendente, eccezionale nel mese di aprile o a inizio maggio, periodo in cui iniziano a schiudersi i boccioli di rosa. Una forma di scoperta autentica, in cui rivivere i piaceri della condivisione. Un’esperienza straordinaria, resa unica dalla bellezza dei luoghi e dall’ospitalità degli abitanti. 
Indirizzi utili:
Alto Atlante – Imlil
Kasbah du Toubkal 
Ai piedi del Jbel Toubkal, la cima più alta del Nord Arfica, a 1800m di altitudine e a soli 60km dalla città di Marrakech, la  Kasbah du Toubkal offre accoglienza berbera ai propri opsiti. Definito da Condé Nast Traveller come “la migliore vista sui tetti del Nord Africa”.
Indirizzo: BP 31, 42152 Asni (Marrakech)
Telefono: +212 524 485 611
Sito web: www.kasbahdutoubkal.com
Kasbah Tamadot
A disposizione degli ospiti 27 camere e suite, tra cui 9 lussuose tende berbere, decorate con raffinati motivi marocchini tradizionali. La Kasbah Tamadot è stata nominate al quinto posto dei Condé Nast Traveller Readers’ Travel Awards 2012.
Indirizzo: BP 67, 42152 Asni (Marrakech)
Telefono: +212 524 368 200
Sito web: www.kasbahtamadot.com
Dadès e la Vallée des Roses – Skoura
Les Jardins de Skoura 
Nel cuore del palmeto di Skoura, rinomato per le sue kasbah, quest’antica dimora apre le proprie porte su un universo minerale e vegetale. In un magnifico giardino dai profumi molteplici si inseriscono cinque camere spaziose e tre suite. Les Jardins de Skoura conciliano la ruralità della campagna marocchina all’intimo comfort a cui aspira il viaggiatore in cerca di un’oasi di pace.
Indirizzo: La Palmeraie de Skoura – Skoura
Telefono: +212 524 852 324
Sito web: www.lesjardinsdeskoura.com
Ait Ben Moro
Autentico castello del XVIII secolo ristrutturato e convertito in hotel. Un capolavoro di architettura tradizionale che offre ai propri ospiti il fascino di un viaggio nella storia del Marocco. Sullo sfondo le montagne dell’Alto Atlante e il verde palmeto centenario che contrastano il paesaggio desertico.
Indirizzo: Douar Taskoukamte – Skoura (Ouarzazate)
Telefono: + 212 524 852 116
Sito web: www.aitbenmoro.com
IN DESERTO A DORSO DI UN DROMEDARIO O DI UN CAMMELLO
Dopo le montagne, ecco il deserto. Il dromedario si sostituisce al mulo. La sera, mentre il cuoco è alle prese con i fornelli, il tè e la crêpe della merenda hanno lasciato posto all’appetito e i sacchi a pelo giacciono adagiati nelle tende, arriva il momento di scalare le dune! A poche ore di strada da Ouarzazate, due località, Tazzarine e M’hamid, aprono le porte al deserto e all’avventura. Tazzarine, piccola cittadina situata ai piedi del versante sud dei monti di Jbel Saghro, è conosciuta per le sue incisioni rupestri. Il meraviglioso palmeto che si estende nelle vicinanze è tra gli ultimi esistenti prima di incontrare il deserto della Hamada du Drâa. A sud di Zagora, M’hamid, ultima cittadina di fronte all’immensità del Sahara.
Indirizzi utili:
Palais Asmaa 
Asmaa è un nome arabo che significa “la bellissima, colei che ha un bel viso”. Una qualità che si addice particolarmente all’hotel Asmaa di Zagora, arredato nel rispetto della tradizione marocchina, con tutti i comfort moderni. Il Palais Asmaa propone sia una cucina internazionale che marocchina. Il suo superbo arredamento d’ispirazione fassie (dalla città di Fès) ha lo stile da Mille e Una Notte.
Indirizzo: BP 78 45900 – Zagora
Telefono: +212 524 847 599
Sito internet: www.asmaa-zagora.com
Riad Lamane
Situato all’interno di una delle oasi del fiume Draa, il riad è circondato da antiche piantagioni di datteri e melograni. Gli ospiti potranno degustare specialità della cucina marocchina tradizionale o berbera. La struttura organizza escursioni e viaggi della durata di una giornata nel deserto.
Indirizzo: Amezrou – Zagora
Telefono: +212 524 848 388
Sito web: www.riadlamane.com
Caravane du Sud Zagora
A 15 km da Zagora, tra il deserto e le montagne marocchine, la Caravane du Sud offre agli ospiti alloggio nelle tradizionali tende marocchine con vista strepitosa delle stelle e delle montagne circostanti. A disposizione degli ospiti anche guide per escursioni a dorso di cammello o 4×4, trekking.
Indirizzo: BP 13 47900 – Zagora
Telefono:+212 524 847 569
Sito web: www.caravanesud.com
VIAGGIO “FAMILY CHIC” NELLA TERRA DI MOGADOR
A tre kilometri da Essaouira, sorge una stazione balneare di nuova generazione, dove il turismo vive nel rispetto dell’ambiente e delle popolazioni locali: Mogador. Qui possiamo trovare i più grandi giardini filtranti al mondo che permettono di recuperare fino a 10 milioni di metri cubi di acqua potabile. Quest’iniziativa è stata sviluppata in un’ottica di tutela della fauna e della flora, per assicurare l’integrità delle dune di sabbia e limitare l’estensione dei terreni edificabili. Un sentiero immerso tra giardini e foreste di ulivi, eucalipti e mimose selvatiche collega la cittadina all’oceano e alle sue spiagge vergini, Qui, le popolazioni di uccelli sono degne di una riserva naturale. In questo luogo consacrato alla natura, tutte le attività per il tempo libero – sci nautico, escursioni, percorsi in bicicletta, tennis e golf – acquistano un fascino inconsueto.
Indirizzi utili:
Sofitel Essaouira Mogador Golf and Spa
Nuova meta per il turismo ecosostenibile situata in una riserva naturale tra le dune e la foresta. Per gli amanti del golf e del benessere. Immerso in un’area forestale, protetto da una spettacolare duna naturale e costeggiato da una spiaggia selvaggia, il Sofitel Mogador Golf & Spa è stato concepito quale omaggio alle ricchezze naturali che lo circondano. Ideato da Didier Gomez, l’hôtel riunisce compiutamente design moderno e motivi marocchini tradizionali.
Indirizzo: Domaine Mogador – 44000 Essaouira
Telefono: +212 524 479 400
Sito Web: www.sofitel.com
Le Médina Essaouira Hotel – Thalasse sea & spa – MGallery Collection 
Ispirato ai sublimi riad marocchini ed al tradizionale colore rosso di Mogador, l’MGallery Essaouira Medina & Spa è situato in riva al mare, non lontano dalla Medina. Per questo è la struttura ideale per effettuare la thalassoterapia e beneficiare di una moderna spa.
Indirizzo: Avenue Mohamed 5 – 44000 Essaouira
Telefono: +212 525 072 526
Sito Web: www.mgallery.com
Villa Maroc
Villa Maroc, il riad per eccellenza nel cuore della piccola Medina di Essaouira, classificato patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Indirizzo: 10, rue Abdellah – Ben Yassine – Essaouira
Telefono: +212 524 473 147
Sito Web: www.villa-maroc.com
SOGGIORNO IN ECOLODGE A AGADIR
A pochi kilometri da Agadir, immersa nella biosfera dell’Arganeraie, Atlas Kasbah svetta con le sue quattro torri sulla cima di un colle arido. L’intera struttura vive in perfetta armonia con l’ambiente: l’energia è solare, i materiali sono naturali, i cibi provengono da agricolture biologiche e sono coltivati sul posto, e le attività ricreative prevedono il coinvolgimento della popolazione locale. Atlas Kasbah si è così aggiudicato nel 2009 il Trofeo Marocco per il Turismo Responsabile.
A sud di Agadir, invece, nel Parco Naturale di Souss Massa, il Khaïma Hôtel Bio Découverte sorge nelle immediate vicinanze dell’oceano, nei pressi di un villaggio di pescatori di Douira. Le attività qui proposte sono numerose: passeggiate, possibilità di fare surf sulla spiaggia, rinfreschi bio a base di prodotti locali, visite alle aziende agricole o alle cooperative di produzione di olio d’argan, o ancora escursioni ornitologiche alla scoperta delle 250 specie di uccelli che abitano la regione.
Indirizzi utili:
Atlas Kasbah – Ecolodge Agadir 
Indirizzo: Village de Tighanimine El Baz – BP 5323 QI – Agadir
Telefono: +212 661 488 504
Sito internet: www.atlaskasbah.com
Khaïma Hôtel Bio Découverte 
Indirizzo: BP 879 80150 Aït Melloul, Douar Douira
Telefono: +212 661 902 400
Sito internet: www.khaimahotelbio.com
UN’ESPERIENZA DI VITA ALL’INTERNO DI UN RIAD
Ci sono più di 800 riad a Marrakech. Strutture ristrutturate che consentono di trascorrere qualche giorno nel cuore della Medina, a diretto contatto con gli abitanti del posto e nelle immediate prossimità dei souk. Soggiornare in un riad significa immergersi nello stile di vita marocchino e scoprire gli usi e i costumi delle famiglie di Marrakech. Al contempo sobri e raffinati, intimi e comunicativi, luminosi e adombrati, i riad esprimono i valori del pudore, della coesione, dell’ospitalità e della solidarietà insiti nella società marocchina. Le fontane e i patii vi conferiscono fascino e freschezza. Luoghi della tradizione che ammaliano i viaggiatori con il saper vivere tipico della cultura arabo-andalusa.
Indirizzi utili: 
RIAD Chamali 
Nascosto in un labirinto di vicoli dal sapore autentico, dietro a una facciata anonima si scopre un’oasi di pace che dà accesso a un mondo incantato. Qui potrete gustare l’arte di vivere marocchina, vera sorpresa per i sensi che saranno meravigliati da questa scoperta.
Indirizzo: 49, Derb Zemrane – Quartier Berrima – Medina, 40000 Marrakech
Telefono: +212 668 247 713
Sito internet: www.riad-chamali.com
Angsana Riad Collection 
Immergetevi nella magia della storia marocchina soggiornando all’Angsana Riad Collection. Riad storici, situati nel cuore della Medina di Marrakech, ristrutturati dalle mani esperte degli artigiani locali secondo i motivi della tradizione marocchina.
Indirizzo: 1-2-4 Derb Abbas El Fassi Riad Zitoune Jdid – Medina, 40000 Marrakech
Telefono: +212 524 388 905
Sito internet: www.angsana.com
SURF E NATURA A DAKHLA
Estremità sud del Marocco, stessa latitudine delle Hawaï. Temperatura dell’acqua dell’Oceano Atlantico costante intorno ai 25°C, inverno compreso. È questo il paradiso per gli amanti degli sport acquatici, dove surfisti, appassionati di kitesurf e windsurf si danno appuntamento. Ma non solo. Dakhla è anche il luogo di incontro tra l’Oceano Atlantico e il deserto del Sahara. Un’unione strepitosa da cui nascono paesaggi mozzafiato. A ciò bisogna aggiungere la presenza di un parco nazionale, a testimonianza dell’esistenza di una fauna d’eccezione. Dakhla si dimostra una destinazione ancora peculiare, non battuta dal turismo di massa, luogo ideale per le famiglie che amano lo sport, il surf e la natura!
Indirizzi utili:
Dakhla Attitude 
All’estremità sud del Marocco, tra il deserto, l’oceano e la natura incontaminata, sorge il Dakhla Attitude, paradiso delle attività nautiche, della degustazione dei frutti di mare e delle escursioni nel deserto, nonché una delle migliori location al mondo per dedicarsi a kitesurf e winsurf.
Indirizzo: 11 Avenue Al Moukawama – BP41 Oued Eddahab – Dakhla
Telefono: +212 661 835 010
Sito internet: www.dakhla-attitude.ma
Per ulteriori informazioni: www.visitmorocco.com

Categories: Diari e Dintorni, MondoViaggi Tags:

Messonghi

January 21, 2013 Leave a comment

Messonghi

Un tempo Messonghi (o Mesongi) era un piccolo villaggio di pescatori attraversato dal pittoresco fiume di nome Messonghi.
Ancora oggi il paese conserva la semplice vita rurale che è così evidente nel villaggio.
Messonghi si sviluppa prevalentemente lungo il lungomare per poco meno di un chilometro e mezzo, con la maggior parte delle strutture turistiche situate lungo la spiaggia.
Rispetto alla vicina Moraitika il paese è molto tranquillo con un’atmosfera rilassata e amichevole.
Ideale per coppie e famiglie, senza problemi di traffico che è la rovina di tanti villaggi simili.
Ci sono viste mozzafiato sul porticciolo di Messonghi e della chiesa di San Nectarios, dalla collina dietro a Messonghi.
Spiaggia:
Sabbia e ghiaia (solo a riva) e mare pulito. Lettini ed ombrelloni disponibili a noleggio. Sport acquatici disponibili. L’acque calda e bassa è adatta per i bambini
Shopping:
Supermercati e negozi turistici disponibili per vendita di gioielli, vestiti, souvenir, articoli in pelle e sculture in legno di ulivo.
Strutture e Servizi:
Parrucchiere, estetista, medici, café, Chiesa cattolica, escursioni in tour Aqualand e  in giro per l’isola.
Mangiare fuori:
Messonghi Corfu vanta alcuni buoni ristoranti: consigliati Bakchos, Seaside, To Meraki e Spiros on the Beach.
Il Seaside Snack Bar Mare si trova proprio di fronte al mare, vicino al molo, offre un eccellente menu e vario a prezzi ragionevoli. Il posto perfetto per rilassarsi tutto il giorno in quanto è fornisce una vista fantastica e un’atmosfera accogliente.

Categories: MondoViaggi Tags:

Natura, dieci cascate più alte del mondo

January 2, 2013 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Le cascate sono tra le più spettacolari manifestazioni che la natura possa offrire. Migliaia e migliaia di litri d’acqua cadono da profondi dirupi che possono sfiorare quasi il chilometro di altezza, per poi infrangersi in gole o in laghi. Con l’articolo di oggi, vi mostreremo le 10 cascate più alte del mondo!
Spettacoli della natura
Impetuose, grandissime, in caduta libera, che mettono in mostra la straordinaria potenza della natura; stiamo parlando delle cascate; uno dei più suggestivi spettacoli naturali che incanta ed affascina chiunque voglia vederle. Le più famose sono probabilmente le Cascate del Niagara, in Canada, che permettono visite ravvicinate a bordo di imbarcazioni. Non sono però le più alte: raggiungono appena i 52 metri di altezza. Un’inezia, se paragonate alle Angel Falls, che arrivano a sfiorare il chilometro di quota. Gran parte delle cascate maggiori sono concentrate nelle regioni degli Stati Uniti e della più vicina Norvegia, con qualche punta di spicco nel continente africano.
Angel Falls
Alta quasi un chilometro, precisamente 979 metri, il Salto Angel (detto anche in inglese Angel Falls) detiene il titolo di cascata più alta del mondo. Si trova in Venezuela, e precipita senza interruzioni per ben 807 metri dall’altopiano della montagna Auyantepui, per poi riversarsi nel fiume Kerepakupay. Il nome viene dal suo scopritore, il pilota americano, Jimmy Angel. Gli indigeni la chiamavano “Parakupa-vena” o “Kerepakupai merú” ed era considerata insieme alla montagna un luogo sacro. Poiché si trova nel cuore della foresta amazzonica, si deve fare un’escursione di due giorni attraverso il fiume o sorvolare la zona con piccoli aerei (sempre tempo permettendo).
Tugela Falls
Poco più basse, con un’altezza totale di 948 metri, la cascata del Tungela è la seconda più alta del mondo. E’ composta da ben cinque livelli (il più alto è di 411 metri) e si getta da una montagna detta Mont Aux Sources, nella Repubblica del South Africa. Solitamente il flusso della cascata è debole, fatta eccezione nel periodo delle piogge in cui il flusso è maggiore. Poiché è una nota meta turistica, raggiungerla è abbastanza facile. Si hanno due possibilità: seguire un sentiero lunghissimo (circa 6,5 Km) che porta in cima alla montagna, oppure seguire un’ulteriore sentiero poco più corto da percorrere a piedi attraverso il Royal Natal Nation Park per vedere la parte inferiore della cascata.
Tres Hermanas Waterfalls
La terza cascata più alta del mondo si trova nella remota regione di Ayacucho, in Perù. La cascata, nota come Cataratas las Tres Hermanas (letteralmente “Cascate delle Tre Sorelle”) è alta 914 metri ed è chiamata così per via dei suoi tre livelli distinti che ne interrompono il flusso. Questa cascata è difficile da ammirare a causa della lussureggiante foresta pluviale in cui è quasi impossibile penetrare.
Olo’upena Falls
Olo’upena Falls è la quarta cascata più alta del mondo. Come la “Pu’uka’oku Falls” (n°8 della lista) si trova nella remota isola hawaina di Molokai, precisamente sulla sponda nord-orientale dell’isola. Alta 900 metri, la cascata è composta da più livelli che scendono giù da una delle scogliere più alte del mondo, le “Cliffs Haloku”. Purtroppo, la cascata è inaccessibile, perché essendo circondata su entrambi i lati da enormi montagne, non esistono sentieri per raggiungerla. L’unico modo per vederla è in volo o noleggiando un’imbarcazione.
Catarata de Yumbilla
Come vedete dalla foto, la cascata Yumbilla non ha una grande portata d’acqua, ma raggiunge comunque la rispettabile altezza di 895 metri. A causa della sua posizione nel Perù, si hanno poche foto a disposizione per poterla ammirare.
Vinnufossen
Con i suoi 865 metri di altezza, Vinnufossen non solo è la sesta cascata più alta del mondo, ma anche la più alta d’Europa. Si trova in Norvegia ed è molto ammirata dai turisti per via della sua natura (infatti dal salto iniziale si distaccano “rami” sempre più piccoli). La cascata piomba dalla montagna Vinnufjellet, fino a raggiungere il fiume Driva, e le sue acque sono alimentate dal giacchiaio Vinnufonna.
Baläifossen
Baläifossen è un’altra cascata della Norvegia che si avvicina alla precedente, con un’altezza di 850 metri. I ghiacciai presenti nelle montagne contribuiscono a ingrossare le sue acque, ma il culmine arriva dopo la stagione delle nevi, quando quest’ultime si sciolgono.
Pu’uka’oku Falls
Molto simile alle Olo’upena Falls anche questa cascata si trova nell’isola hawaiana di Molokai, arriva a circa 840 metri.
James Bruce Falls
La più grande cascata del Nord America si trova in Canada, nel Princess Louisa Marine Provincial Park, e con i suoi poco meno di 840 metri si piazza al nono posto. E’ alimentato da due correnti parallele provenienti dalle nevi sciolte, solo una delle quali è presente tutto l’anno.
Browne Falls
Non meno spettacolare delle altre è la Cascata Browne, nel Fiordland National Park della Nuova Zelanda. L’acqua sgorga dal lago Browne e si riversa con un salto di 836 metri nella foresta sottostante. Una delle più spettacolari.

Manfredi Schiera

Fonte: Tasc

Categories: MondoViaggi

Tangeri, una colomba appollaiata sulla spalla dell’Africa

December 27, 2012 Leave a comment

tangeri1

Qualcuno ha paragonato Tangeri ad una colomba appollaiata sulla spalla dell’Africa. Io la immagino invece come un pavone, superbo e fiero, mentre ruota la sua splendida coda in cerca di consensi, perforando con il suo sguardo di pece i critici, le malelingue che vogliono Tangeri oramai persa nell’oblio della storia, dimenticata, pericolosa e straniera. Tangeri soffre. E’ vero. La città sprofonda sotto la sua stessa leggenda, sotto la sua inappagata nostalgia che la incarta, il mito cosmopolita fatto di intrighi, misteri e traffici è incollato alla sua pelle. Lei è sola davanti allo Stretto di Gibilterra, sola con il suo piccolo braccio di mare tra il Marocco e la Spagna dove si ritrovano gli immigrati d’Africa e il loro sogno di cavalcare l’onda che potrà trasportarli nell’Eldorado europeo. Si dice che Tangeri piange per chi non la conosce e piange quando l’hanno conosciuta. I poeti e gli artisti di tutto il mondo che l’hanno conosciuta l’hanno cantata. La si puo’ toccare, accarezzare i suoi muri polverosi, deflorare le sue porte in legno leccate dal tempo. Si puo’ grattare la sua terra nera, camminare nella sabbia sempre umida. Si respira ancora l’odore del tabacco grigio, di gelsomini e di Kif. Ma Tangeri non è solo poesia, ricordo struggente o mito. E’ la sua periferia con i quartieri dormitorio allineati uno dietro agli altri sulle colline vicine. Beni Makada, Bir Chifa, Saddam Hussein: i viali di cemento dove crescono i due terzi degli 800.000 abitanti ricordano che Tangeri è abbandonata, sommersa di rancori sotto il peso della povertà e l’attivismo dei musulmani integralisti. Tangeri non è più l’Europa ma non ancora il Marocco. Dalla notte dei tempi la sua posizione strategica di “porta d’Africa” ha suscitato l’interesse delle grandi potenze straniere. Quando la regione del Rif era sotto protettorato spagnolo (non francese come si scrive sovente) i suoi dintorni, nel 1923, presero lo statuto di “interzona” o “zona franca internazionale”. La regione era amministrata da funzionari marocchini, da sei potenze europe, dagli U.S.A. e dall’URSS, situazione unica nella Storia. Questo periodo opulento contribui’ alla reputazione esplosiva di una città fatta di bordelli, di sesso gay a buon mercato, di spionaggio internazionale, di lussuria e divertimenti, di artisti e nullafacenti che si godevano la vita. Nel 1956 torno’ sotto il regno del Marocco ma conserva ancora oggi le sue particolarità e la sua indipendenza. Lo spagnolo soppianta il francese nel parlato quotidiano. Vedere un ritratto di Mohammed VI appeso alle pareti dei locali pubblici non è usuale, come accade in tutte le altri parti del Marocco. Tangeri è il solo luogo del Marocco dove è possibile gustare un thé alla menta in un caffé deco’ deliziosamente retro’!. Ma per conoscere Tangeri bisogna considerare il suo porto. Il 70% delle persone che si recano in Marocco per via marittima  passano da qui. Turisti e marocchini che tornano a casa al volante delle loro vetture cariche all’inverosimile. Città di transito, interfaccia tra i due continenti, ultima città importante all’estremità nord dell’Africa, Tangeri, con la sua posizione geografica, offre un terreno fertile per attività illegali e poco raccomandabili. Per comprendere pero’ bisogna spostarsi di qualche Km nella regione nord del Marocco. Il Paese non si è ancora liberato totalmente del suo passato colonialista. Due città dell’antico protettorato spagnolo esistono ancora sulla costa mediterranea del reame. Ceuta e Melilla. Due porti franchi spagnoli che beneficiano di vantaggi economici rilevanti come l’esenzione delle tasse sulle merci, sull’alcool e sugli idrocarburi. La TVA non è ugualmente applicata. Il commercio quindi è fiorente, in specialmodo quello di contrabbando con i vicini marocchini. Ceuta (74.000 abitanti) accoglie ogni giorno 20.000 transfrontalieri che si dedicano al contrabbando di merci che alimentano i souks delle città del nord e del centro del Marocco, Tangeri compresa. Queste due enclavi europee poi sono diventate una porta d’accesso all’immigrazione clandestina. Si sta costruendo un muro, ipertecnologico, intorno a queste due città, dopo che nel settembre 2005 una folla di africani, 1200 si dice, tentarono di entrarci. Risultato: sei morti e centinaia di feriti. Si stima che ogni anno salpino dalle coste dello stretto dai 20.000 ai 100.000 disperati in cerca di una vita dignitosa. E Tangeri accoglie questa massa di persone che vegetano e cercano di guadagnare i soldi necessari per tentare (o ritentare) l’attraversata. I “bruciati” come vengono chiamati qui, perché la prima cosa da fare è bruciare ogni tipo di documento che possa identificarli, per rispedirli al mittente.  Le coste di Tangeri sono costellate non solo di ville splendide e di jet-set internazionale ma anche di accampamenti dei clandestini che vivono in condizione igieniche precarie. La mafia regna sovrana e guadagna milioni di dollari in questo sporco “affaire” sulla pelle di migliaia di uomini che devono tenere conto che forse non ce la faranno, che moriranno in acqua e che forse i loro corpi non si troveranno mai più. Ma l’immigrazione e il contrabbando non sono niente vicino al traffico che fa vivere questa regione e arricchire qualche europeo: l’Haschic, o Kif in marocchino. Il Rif  è  il primo produttore mondiale di cannabis e la quasi totalità di haschic che viene consumato in Europa è di provenienza marocchina. La monocoltura della cannabis è 46 volte più reddittizia delle colture agricole tradizionali. Secondo l’Osservatorio delle droghe francese il profitto della cannabis, nel 1997, è stato di 2 milioni di dollari, calcolando che il turismo, nello stesso anno ha portato alle casse del reame “solo”  1 .260 milioni di dollari. Certo è che una politica repressiva avrà conseguenze disastrose come un esodo rurale di massa  (1 milione di persone lavorano alla produzione di cannabis nel Rif) verso le grandi città e verso l’Europa e si andrà ad ingrossare le file dei migranti clandestini che l’Europa non vuole sul suo suolo. Ma Tangeri è anche  il Grand Soco, piazza centrale, linea di demarcazione tra la Medina e la città nuova. Qui Tangeri è un incrocio dove il rumore e il kaos regnano sovrani. La grande moschea di Arbein, dove si suppone abbia ospitato e favorito i kamikaze degli attentati di Casablanca, nel 2003 e quelli di Madrid, il cinema Rif, storico e carico di fascino, che diventerà un museo del cinema a breve, per non dimenticare. Dietro al parco di Mendoubia, un cimitero abbandonato, reame di gatti e di ortiche. Era all’epoca, il cimitero dove gli europei interravano i “loro“. Oggi i sepolcri sono distrutti da anni di indifferenza e di oblio. Per alcuni mesi gli “harraga“, i bruciati, si installarono nel cimitero poi la polizia, nel 2005, li caccio’. Poco più in là l’Hotel El Minzah, uno dei più belli del Paese. Jean Genet (vedi anche Cat.Portraits) adorava soggiornare in questa città perché amava vedere “l’eleganza nel servire un cane sporco come me“. Il Caffé de France, ritrovo di artisti come Paul Bowles, situato nei pressi del Consolato francese. Un luogo capitale, per gli incontri di ieri e di oggi. Accanto il Lofti dove non è raro vedere un barbone che si avvicina ad un tavolo e si appropria del bicchiere di un cliente prima di andarsene. “Nessuno dice niente, perché non c’é niente da dire“. Rue d’Amerique, il quartiere dei bar, discreto di giorno e incandescente la notte. Il Dean’s aperto nel 1937 che ha visto passare nelle sue due sale minuscole la Beat Generation, generazione maledetta e bohemé del dopo guerra, con William Burroughs e Allen Ginsberg.  Sul boulevard Pasteur il Pique-Nique, frequentato da Mick Jagger nei caldi anni 60-70, il bistrot spagnolo Rubis Grill con i suoi camerieri d’antan ingellati, in camicia bianca. Negresco, Regina, Scott’s..da un bar all’altro europei nostalgici, nuovi e anziani ricchi dei quartieri fashion della Montagna o di Marshan, dragano la notte in cerca di emozioni a buon mercato. Che troveranno, come ogni notte, da sempre, a Tangeri. E infine la baia. Spettacolare e unica, un mare ed un oceano che si incontrano, che si uniscono, differenze che si accoppiano. Stradine poco illuminate, pensioni fané per marinai di passaggio e camionisti stanchi. Il porto di notte dorme, eccetto per i contrabbandieri, i trafficanti di droga, i clandestini e i venditori di sesso. Avenue de FAR, i Grands Hotels che si affacciano sul mare. Tutto é calmo. Al Café Associados, ultimo stabilimento della lunga spiaggia di Tangeri, c’é il rifugio dei tangerini “di mondo”. Tutti vogliono credere che la città é sulla rotta del grande cambiamento, che si sta svegliando  dal suo lungo letargo. Né é prova i ripetuti soggiorni del Re Mohammed VI, i giganteschi cantieri del nuovo porto commerciale e i lavori di riabilitazione della medina. Davanti al mare un gruppo di giovani, belli di giovinezza, guarda il mare e le luci vicine della Spagna, senza parlare. Notti di sospiri a Tangeri.

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoCity, MondoViaggi Tags: ,

Marocco, weekend bianco sulle montagne marocchine ammirando il deserto all’orizzonte

December 22, 2012 Leave a comment

Oukaïmden

UNA NUOVA STAGIONE: L’INVERNO, PER SCOPRIRE IL LATO INSOLITO DEL MAROCCO
Proposte alternative per vivere un weekend bianco… in Marocco. Come? 
Sulle piste da sci delle montagne marocchine, ammirando il deserto all’orizzonte
E’ in arrivo l’inverno che porta con sé la voglia di lasciarsi avvolgere dalla magia e dal candore della neve, anche in Marocco. Atmosfere uniche e indimenticabili ad alta quota, tra cime innevate e rocce rosse, con vista mozzafiato sul deserto che si estende all’orizzonte. Può sembrare la sceneggiatura di un film ma in Marocco tutto questo è realtà. È di certo una proposta fuori dagli schemi, sconosciuta ai più, ma che proprio per questo merita di essere vissuta. Il Marocco d’inverno è una meta alternativa in grado di sorprendere e affascinare viaggiatori, turisti, appassionati di sci e amanti della montagna in generale, grazie alla possibilità di sperimentare usi, costumi e tradizioni di vette lontane dall’immaginario occidentale.
Una serie di proposte valide per tutta la stagione invernale consentono di scoprire l’emozione della neve nella meravigliosa cornice del massiccio dell’Atlante. Gennaio e febbraio anche in Marocco si confermano i mesi migliori per poter approfittare degli impianti sciistici.
Per coloro che vogliano abbinare la passione per le destinazioni invernali alla scoperta di antiche culture e tradizioni, l’ideale è fare tappa nelle calde e imperiali Marrakech e Fès. Un suggerimento potrebbe essere quello di trascorrere una fresca mattinata sulle piste innevate delle montagne di Oukaïmeden, per poi godersi il pomeriggio tra i caratteristici souk dei vicoli della piazza Jemaa El Fna diMarrakech.
OUKAÏMEDEN 
Oukaïmeden, o “Louka”. È la principale stazione sciistica del Marocco, nonché quella  meglio attrezzata e quella più elevata, situata a soli 75 km da Marrakech (1 ora di tragitto), conosciuta per essere anche la più innevata. Il monte Oukaïmeden raggiunge un’altitudine di 3200 metri e la zona sciistica si trova fra i 2500 e i 3200 metri. Gli sciatori possono usufruire di 6 seggiovie e di una ventina di piste da sci che si estendono per oltre 300 ettari sul pendio nord dell’Oukaïmeden. 
Da novembre ad aprile una seggiovia – la più alta del Nord Africa – conduce alla cime del Jbel Oukaïmeden (3273 m), mentre diversi skilift permettono ai principianti di allenarsi sui pendii più semplici. Tra le attività possibili ci sono anche lo sci di fondo e il fuoripista. 
IFRANE e MICHLIFEN
A sessanta chilometri da Fès, a oltre 1700 metri di altitudine, sorge Ifrane, soprannominata la “Piccola Svizzera” del Marocco per via degli chalet dai tetti pendenti che evocano in modo sorprendente la Svizzera. Ifrane è un grosso borgo dallo stile alpino chic, una meta elegante, in cui in inverno è possibile praticare lo sci di fondo e da discesa. I turisti arrivano per provare piste le innevate o semplicemente per godersi il piacere del meraviglioso panorama. La stazione sciistica, inaugurata nel 1950, consta di 5 piste e 2 skilift ed è situata nel massiccio del Medio Atlante a 1650 m di altitudine, in un’oasi circondata dal verde della grande foresta di cedri. 
A 19 km a sud di Ifrane è possibile sciare nella bellissima stazione di Michlifen. Una ricca proposta di strutture d’alto livello che si snodano ai piedi delle piste. Questa località sciistica, situata a 2000 metri d’altezza, sorge all’interno di un cratere di un vulcano estinto, in una conca poco profonda circondata da boschi di cedri. 
DOVE DORMIRE
OUKAÏMEDEN 
Hotel Louka 
Oukaïmeden – Haut-Atlas 
Tel:+212 524 31 90 80
http://www.loukaimeden.com
Le Courchevel 
Oukaïmeden
Tel: +212 524 31 90 92
http://www.lecourchevelouka.com
Chez JuJu / Hotel de l’Angour (hotel & ristorante) 
Oukaïmeden
Tel: +212 524 31 90 05 
http://www.hotelchezjuju.com
Chalet de l’Oukaïmeden
Gestito da: Caf Maroc
Oukaïmeden
Tel: +212 522 99 01 41
http://caf-maroc.com  
IFRANE e MICHLIFEN
Michlifen Ifrane Hotel Suites & Spa
Avenue Hassan II – BP N° 18
Ville d’Ifrane
Tel: +212 535 86 40 00
http://www.michlifenifrane.com 
Recentemente rinnovato, questo hotel ha un gusto raffinato ed è indicato sia per chi vuole una vacanza sportiva, sia per chi cerca la tranquillità. Al suo interno, una spa offre una vasta gamma di trattamenti naturali e tradizionali e un water bar. Il concept si ispira alle tradizioni nordiche ed è un’esperienza unica in Marocco. 
MARRAKECH nuove aperture
Selman Marrakech 
Km 5, Route D’Amizmiz 
Marrakech
Tel: +212 524 45 96 00
http://www.selman-marrakech.com
Palais Namasker 
Route de Bab Atlas, No.88/69, 
Province Syba
Marrakech 
Tel: +212 524 29 98 00
http://www.palaisnamaskar.com
Delano Marrakech 
Angle Av. Echouhada et Rue des Temples
40000 Marrakech 
Tel: +212 524 42 42 42 
http://www.delanomarrakech.com
DOVE MANGIARE
OUKAÏMEDEN 
Hotel Louka 
Oukaïmeden – Haut-Atlas 
Tel:+212 524 31 90 80
http://www.loukaimeden.com
Le Courchevel 
Oukaïmeden
Tel: +212 524 31 90 92
http://www.lecourchevelouka.com
Chez JuJu / Hotel de l’Angour (hotel & ristorante) 
Oukaïmeden
Tel: +212 524 31 90 05 
http://www.hotelchezjuju.com
IFRANE e MICHLIFEN
Michlifen Ifrane Hotel Suites & Spa
Avenue Hassan II – BP N° 18
Ville d’Ifrane
Tel: +212 535 86 40 00
http://www.michlifenifrane.com 
Recentemente rinnovato, questo hotel ha un gusto raffinato ed è indicato sia per chi vuole una vacanza sportiva, sia per chi cerca la tranquillità. Al suo interno, una spa offre una vasta gamma di trattamenti naturali e tradizionali e un water bar. Il concept si ispira alle tradizioni nordiche ed è un’esperienza unica in Marocco. 
MARRAKECH
La Tanjia
14 Derb J’did – Hay Essalam
Mellah, Medina
Marrakech
Tel: + 212 524 38 38 36
letanjia-marrakech.blogspot.it
Dar Moha 
81 Rue Dar El Bacha
Medina
Marrakech
Tel: +212 524 38 64 00 
http://www.darmoha.ma
Le Salama 
40 Rue Des Banques
Jemaa El Fna, Kennaria, Medina
Marrakech
Tel : +212 524 39 13 00
http://www.lesalama.com
 

Categories: MondoViaggi Tags:

Marocco, tra paesaggi cultura e leggenda nel regno del golf

December 13, 2012 Leave a comment

morocco golf

MAROCCO, IL REGNO DEL GOLF:
GREEN A STRAPIOMBO SULL’OCEANO O AI PIEDI DELL’ATLANTE, TRA PAESAGGI, CULTURA E LEGGENDA
Per gli amanti del golf, ecco le proposte targate Marocco per unire passione per lo sport e vacanza, 365 giorni l’anno
Clima mite 365 giorni all’anno, è la condizione essenziale per approfittare del piacere del golf in qualsiasi periodo dell’anno: sono 22 gli esclusivi campi da golf presenti sull’intero territorio marocchino, lungo le coste dell’Oceano o nel cuore dell’Atlante, tra terreni leggendari.
Il Marocco offre un’ampia possibilità di scelta per soddisfare i desideri di tutti gli amanti del golf, dal principiante al professionista, dallo sportivo al business man, dal single alla famiglia. Tutti coloro che praticano il golf per lavoro o per passione, dunque a qualunque livello, potranno scegliere tra un’ampia varietà di terreni e strutture con servizi personalizzati. Tutti i green in Marocco, senza alcuna eccezione, combinano panorami da sogno con prestazioni di alta qualità, eleganza, convivialità e relax. Ogni campo da golf possiede un proprio carattere distintivo, frutto dell’eccellenza dei diversi architetti che li hanno progettati e della grande varietà di superfici offerte dal Marocco.
Ciliegina sulla torta della vacanza, i golfisti potranno scegliere di dedicarsi a escursioni culturali, di svolgere percorsi benessere di alta qualità o di passeggiare nella natura. I numerosi aeroporti internazionali nel Paese permettono, inoltre, di collegare ogni campo da golf con il resto del mondo in poche ore.
Il Marocco mette a disposizione 4 circuiti diversi:
il golf sulle rive del Mediterraneo: nel nord del Marocco, all’altezza del punto di incontro tra il Mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico. Tre campi da golf particolari, molto popolari tra i giocatori europei d’estate e d’inverno. Questo circuito costituisce un’occasione per scoprire la “Perla dello Stretto”, Tangeri, e visitare Tetouan, la cui Medina è stata dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Unesco.
il golf alle pendici dell’Atlante: cinque green con vista sulle montagne innevate dell’Alto Atlante, aria pura e sole. I campi da golf sono situati nei dintorni di Marrakech, la città del golf per eccellenza.
il golf nel cuore della cultura: dieci campi da golf realizzati intorno ad alcune delle principali città marocchine: Rabat, Fez, Meknés, Casablanca, El Jadida o Benslimane. Un sontuoso viaggio storico e culturale nel cuore di città millenarie, autentiche, segnate dalla storia del Marocco Imperiale, dove la modernità convive con le più eccezionali opere architettoniche arabe ed islamiche.
il golf sotto il Sole: quattro green nelle immediate vicinanze di Agadir, città che sta acquistando un ruolo di rilievo nel panorama golfistico marocchino. Tra mare  e monti, con i suoi 360 giorni di sole l’anno, una temperatura mite e 10 km di spiagge bellissime, Agadir propone ai suoi giocatori, oltre al golf, molte attrazioni turistiche per soggiorni che prevedono la scoperta culturale di un entroterra favoloso, il benessere (con la creazione di centri di talassoterapia) e, naturalmente, la scoperta della cucina marocchina. Ad accogliere i golfisti un’atmosfera di vacanza, con profumi di eucalipto, ginestre, mimose che incorniciano questa famosa baia sulla costa Atlantica.

Categories: MondoViaggi, Tempo Libero Tags:

CartOrange, viaggio nel tempo alla scoperta del genio visionario di Leonardo

November 5, 2012 Leave a comment

Un Viaggio nel Tempo alla scoperta del genio visionario di Leonardo
CartOrange firma un itinerario che ripercorre la vita di Leonardo partendo dalla sua Casa Natale di Anchiano, nel comune di Vinci (FI), per riscoprirne la modernità, accompagnati da uno storico della scienza e del Rinascimento
Genio poliedrico e dalla curiosità onnivora, Leonardo da Vinci partiva dalla natura a lui vicina per compiere le osservazioni e le scoperte che diventavano poi il contenuto delle sue opere, da quelle pittoriche e scultoree fino alle sue invenzioni e alle sue macchine. Leonardo, pur avendo vissuto in più luoghi italiani e risieduto in Francia per diverso tempo, considerò sempre come luogo a lui più caro Anchiano, località nel comune di Vinci (FI) dove Leonardo nacque, compì le sue prime osservazioni e dipinse il suo primo paesaggio. Oggi la Casa Natale di Leonardo da Vinci, da poco restaurata e riaperta al pubblico a fine giugno con un nuovo allestimento multimediale, è il fulcro di un Viaggio nel Tempo firmato da CartOrange, leader dei viaggi su misura. Grazie alla guida di uno storico esperto di scienza e Rinascimento, la figura di Leonardo prenderà vita durante un viaggio che parte dalla Toscana per conoscere i luoghi a lui cari. L’itinerario è stato presentato il 14 settembre durante una conferenza stampa nella Casa Natale di Leonardo di Anchiano.
«Seguire le orme di Leonardo è un’avventura straordinaria perché c’è sempre da imparare sulla sua opera di artista, ingegnere, inventore e scienziato –spiega Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange– ed è proprio su questi ultimi aspetti che verterà il nostro Viaggio nel Tempo. Andremo a conoscere un uomo che grazie al suo genio e alla sua capacità visionaria dirompente ha cambiato la storia dell’umanità. Ma non solo: è anche l’occasione per conoscere un territorio meraviglioso, pieno di arte, cultura, natura e perle enogastronomiche. Una vera e propria esperienza a cinque sensi».
Per il sindaco di Vinci, Dario Parrini, la collaborazione con un partner d’eccezione come CartOrange è un onore che può contribuire al rilancio del turismo nel territorio: «I Viaggi nel tempo ideati da Cartorange  sono davvero un’idea nuova e affascinante. L’offerta di un pacchetto turistico dedicato a Leonardo, ingegnere e scienziato, che parte dal luogo in cui tutto ha avuto inizio, cioè dalla Casa Natale ad Anchiano, e prosegue con la visita alla città e al Museo Leonardiano rappresenta per Vinci uno strumento importante per fare sempre più apprezzare i propri punti di forza a un pubblico nazionale ed internazionale. Per ammodernare la Casa Natale abbiamo reperito fondi in un periodo difficile, ma i numeri ci danno ragione: a luglio e agosto ci sono state 20mila visite alla Casa Natale e i turisti a Vinci sono aumentati del 10%. Sono numeri mai visti, ma che vogliamo che crescano ancora».
È intervenuta anche Silvia Romagnoli, storica e archeologa dell’Università di Bologna che cura la parte storico-scientifica dei viaggi di CartOrange: «Partire dalla dimora natale di Leonardo ad Anchiano è stata una scelta naturale: il nuovo allestimento museale, arricchito da efficaci contenuti multimediali, permette di incontrare Leonardo e scoprire la sua vita privata tanto spesso ignorata, ed esaltare la sua opera pittorica e grafica. Spostandoci al Museo Leonardiano, affronteremo il tema principe di questo viaggio, il Leonardo scienziato e inventore. Pensando a Leonardo viene subito in mente la Gioconda e la sua attività pittorica; nel nostro itinerario abbiamo invece deciso di concentrarci e sviluppare una tematica altrettanto affascinante e moderna come quella della genialità leonardesca applicata alla trasformazione e alla comprensione della natura. Quella capacità rivoluzionaria, che è propria solo dei geni visionari, di immaginare ciò che ancora non esiste e impegnarsi a realizzarlo. I Viaggi nel Tempo servono proprio a questo, a ricostruire figure e momenti storici sia per scoprire nuove destinazioni, sia per guardare a luoghi celebri con occhi nuovi».
L’itinerario
La Toscana è la terza regione in Italia come destinazione per i viaggiatori culturali: è scelta dal 15,2% degli italiani e dal 17,2% degli stranieri. È dunque terreno fertile per proposte articolate e mirate come quella di CartOrange, in cui la riscoperta di un personaggio storico importante si abbina a luoghi di rara bellezza e anche a un itinerario enogastronomico. L’itinerario, da costruire su misura secondo le esigenze e la curiosità dei partecipanti, ha il suo centro nel Museo Leonardiano di Vinci, con la Casa Natale di Anchiano appena restaurata e la gigantesca scultura lignea di Mario Ceroli che raffigura l’Uomo Vitruviano. Al Museo si assisterà a una splendida lezione sui Codici leonardiani, con la possibilità di ammirarne i facsimili. L’itinerario –dedicato alla riscoperta di un Leonardo “concreto”, che con i suoi insegnamenti derivati dall’osservazione e dalla sperimentazione anticipa il pensiero scientifico moderno– può durare da 3 a 5 giorni, ed arriva a toccare Milano, con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, e le sponde dell’Adda, con il traghetto-funivia di Imbersago che fa la spola tra le rive del fiume, per toccare con mano un’opera leonardesca ancora in funzione. Prima della partenza i partecipanti assisteranno a una lezione online che ripercorrerà, attraverso le opere d’arte, le invenzioni e i manoscritti, la personalità di Leonardo da Vinci. Uno storico esperto di scienza e storia del Rinascimento calerà la figura di Leonardo al centro di un’età straordinaria, carica di fervore artistico e culturale.
I Viaggi nel Tempo CartOrange
Viaggiare con accanto un esperto per valorizzare le esperienze fatte in tour oggi è possibile grazie a CartOrange. La nuova formula dei Viaggi nel Tempo accompagna per mano i partecipanti alla scoperta della storia grazie a un percorso guidato che inizia già a casa, grazie a video lezioni preparatorie tenute da storici e archeologi, che si possono seguire via web in diretta, prima della partenza. Gli stessi esperti, poi, partecipano di persona al viaggio: si ha così sempre al proprio fianco una guida appassionata e preparata, pronta a far rivivere le emozioni della Storia e a spiegare tutti quei dettagli che, per un non addetto ai lavori, è difficile cogliere.  Anche il catalogo è organizzato in modo innovativo: «Abbiamo diviso gli itinerari in tre sezioni, in modo da poter individuare con facilità l’argomento che più interessa -spiega Silvia Romagnoli, archeologa dell’Università di Bologna che cura la parte storica dei viaggi-. I percorsi dei Grandi Personaggi fanno rivivere personalità come quelle di Elisabetta I d’Inghilterra, Napoleone e Ludwig II, il re delle favole. La sezione Meraviglie della Storia comprende sia gioielli dell’Unesco sia destinazioni meno note (Abruzzo, Molise e l’antica Sardegna). Infine ci si può lasciare incuriosire dagli Enigmi della Storia, partendo alla scoperta di Celti, Etruschi e Templari». I viaggi sono interamente personalizzabili sia negli itinerari che nei budget investiti, come prevede da sempre la formula di CartOrange, mentre la durata varia da uno a otto giorni. Si può scegliere in quale classe di alberghi soggiornare e anche in quale tipo di ristorante fermarsi per uno spuntino o una cena: la proposta comprende anche un itinerario enogastronomico da abbinare per “gustare” il viaggio a tutto tondo. Le esigenze del cliente sono in prima linea in tutte le scelte del viaggio. Le possibilità sono infinite: gruppi di familiari o amici, di almeno 8 persone, avranno il loro itinerario su misura, partendo quando vogliono, mentre chi parte individualmente può aggregarsi ai viaggi già programmati. Per informazioni: http://www.cartorange.com.
CartOrange – Viaggi su misura. CartOrange (www.cartorange.com) è la più grande azienda di Consulenti per Viaggiare®, attiva in Italia da oltre dieci anni con più di 400 professionisti e svariate filiali sul territorio nazionale. Conoscenza approfondita del viaggiatore, studio minuzioso di ogni destinazione, visite periodiche presso le strutture alberghiere e formazione costante sono alcuni degli ingredienti che permettono ai Consulenti per Viaggiare® di CartOrange di proporre ai viaggiatori esperienze uniche e su misura.

Boukhari Bou Dmia, l’ultimo custode del sapere

October 18, 2012 Leave a comment

Si chiama Boukhari Bou Dmia e in una Kasbah/fortezza non lontano da Tiznit, nell’Anti-Atlas, custodisce i segreti dei suoi antenati, che controllavano le rotte carovaniere del Sahara. “C’era una volta…”, potrebbe iniziare cosi’ la storia del Regno di Illigh che ha come protagonista principale un sant’uomo che rispondeva al nome di Sidi Ahmed Moussa, osannato dalle folle che per ascoltarlo percorrevano lunghi viaggiestenuanti da luoghi lontani. Mori’ nel 1549 e uno dei suoi innumerevoli nipoti, lungimirante, penso’ di trasformare questa eredità ”sovranaturale” in un Principato che per ben tre secoli rivaleggio le sue enormi ricchezze con i sultani di Marrakech. Tutto questo potere e tutte queste ricchezze nascevano da un unica, lunga, desertica pista che si perdeva tra i picchi dell’Atlas e che attraversando il Sahara raggiungeva il sogno: Timbuctù. Nella Kasbah, fatta di terra, paglia e sudore, un lungo porticato che rompeva i raggi ardenti e voraci del sole; colori sgargianti come il giallo dello zafferano, bene prezioso, e l’ocra delle montagne. Sotto queste arcate sedevano i notai, che registravano i preziosi carichi delle lunghe carovane di cammelli che qui trovavano rifugio, accoglienza e commercianti pronti a mercanteggiare i rari e preziosi carichi d’oro, di spezie e di schiavi, dopo lunghi mesi di deserto che brucia e arde l’anima. Illigh era uno Stato potente che all’inizio del XIX°secolo possedeva un capitale pari a 10 tonnellate d’oro puro, oltre ad un esercitocombattivo e temerario, composto da migliaia di cavalieri berberi amazighe israeliti, oltre ad una guardia nera africana, feroce e senza scrupoli, simile a quella dei sultani. A partire da questo Stato si controllavano tutti gli spostamenti di merci e persone sino a Mogador, l’attuale Essaouira, dove grandi navi attendevano le merci per partire verso l’Europa, avida di spezie e tessuti pregiati. Nella fortezza di Illigh uno scrigno di sapere, di documenti, di pergamene rare, provenienti da tutta l’Africa. Contratti commerciali, discendenze dei signori di queste terre aride, cataste di bauli che cercano di proteggere manoscritti vergati su pergamene in pelle di leone. Alberi genealogici che risalgono a famiglie israelite e amazigh e leggerli, toccarli delicatamente, aprirli con un soffio d’alito, significa entrare nella storia magica, irreale, antica e struggente di tanto tempo fa, quando esisteva un Principato leggendario, oggi quasi sconosciuto e degno di essere valorizzato e tramandato alle future generazioni. Pareti di fango, chiaroscuri che si stendono pigri sulle volte di questi magazzini preziosi e unici,  5.000 esistenze passate che hanno lasciato traccie indelebili sul nostro futuro. Come in un film, nel silenzio assordante di un pomeriggio d’estate, ai lati del cortile, il rumore ovattato di centinaia di schiavi neri affatticati, legati a catene che mai saranno spezzate, merci accatastate che brillano al loro futuro lontano,  jellaba azzurri orlati di nero, perle e coralli di mari lontani,  e la voce profonda del muezzin che si staglia nell’orizzonte a rivendicare il momento di Dio. Alzi gli occhi, e su di un altipiano accecato dalle nubi, sul Jebel Agouti, 1,5 km da Illigh, si staglia il cimitero israelita, testimonianza di una comunità che da queste parti ha lasciato segni di ricchezza, laboriosità e ingegnio. Grandi studi su questa comunità sono fatti effettuati da Paul Pascon, conoscitore profondo della zona, deceduto poi in Mauritania nel 1985 a causa di un incidente stradale.

Il Douar d’Illigh si trova a 10 km dalla pista di Tachtakt. Da Tiznit sono presenti alcune indicazioni. L’insieme della costruzione è composta da una mellah (quartiere ebreo) e da un granaio collettivo in pisé (terra e paglia) con camere e magazzini. Il tutto circodato da mura di protezioni con quattro porte d’acceso. E’ visitabile, chiedete di Boukhari Bou Dmia, custode del Museo.

Paolo Pautasso

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoViaggi Tags:

Tioumliline, luogo magico dell’Atlas dove natura e spirito si incontrarono

October 8, 2012 Leave a comment

Nell’autunno 1952, uno sparuto gruppo di monaci benedettini lasciarono il sud della Francia per installarsi nel cuore del Medio Atlas, a 4 km da Azrou. Il monastero di Tioumliline venne costruito nel bel mezzo di una foresta, a 1600 mt di altitudine, e porta il nome della sorgente che alimenta Azrou. I padri di Tioumliline  costituirono la prima comunità religiosa cristiana in Marocco, iniziando un cammino di preghiera, di lavoro, di silenzio e di austerità. Oggi, il monastero sta cadendo in rovina, i tetti sfondati, i vetri completamente distrutti, i muri crollati. Soltanto i pastori vagano con le loro greggi laggiù, sostituendo le grida dei bambini con i belati degli ovini. I monaci, lontani dall’idea di vivere reclusi, accolsero ed allevarono 50 bambini del paese, orfani abbandonati da tutti. Un dispensario, diretto da un monaco medico, aiutava anche la popolazione con consultazioni pediatriche e di puericultura. Il monastero diventò anche un albergo per i visitatori di passaggio sull’Atlas e contava 17 camere, dei piccoli bungalows e un camping durante la bella stagione. Studenti, appassionati di montagna, pellegrini e visitatori, il monastero riceveva anche la visita di personalità di spicco sia politiche che intellettuali. A partire dal 1956 numerose conferenze internazionali vennero organizzate al monastero, animate da eminenti intellettuali e teologi dell’epoca. Educazione e sviluppo erano all’ordine del giorno e queste riunioni erano condivise con i più alti responsabili marocchini e stranieri. Nazionalisti e artisti si ritrovavano all’ombra dei secolari cedri, come Medhi Ben Barka o il pittore Jilali Gharbaoui, che possedeva un atelier di pittura sul posto. Da non dimenticare che il monastero era anche un centro intellettuale per i giovani con una importante biblioteca che era disponibile a tutti gli studenti di Azrou. Oggi tutti questi libri sono in balia degli ovini e delle intemperie o ancora per accendere il fuoco. Questa oasi di pace e di natura era in primis, uno spazio di libertà individuale per tutti gli studenti e questo decretò  la sua fine. Gli attori politici dell’Istiqal accusarono i monaci di voler conventire al cristianesimo la popolazione e il monastero venne chiuso nel 1968. I membri dell‘Associazione degli Anziani di Azrou, ricevuti dal defunto Hassan II, chiesero di poter trasformare il monastero in una scuola di “Acque e Foreste”, come racconta nel suo libro “Il collegio di Azrou, la formazione di una élite berbera civile e militare in Marocco 1927/1959“, l’ex studente Mohamed Benhlal. L’autore descrive l’entusiasmo di SAR Hassan II per il progetto che venne poi abbandonato in favore della apertura della scuola a Salè, lasciando Tioumliline all’abbandono. Un pezzo di storia del Marocco che si perde, senza tenere conto dell’importanza culturale di questo luogo magico, incastrato nell’Atlas, dove la natura e lo spirito umano libero si incontrarono, tanto tempo fà…

Paolo Pautasso

Fonte: My Amazighen