Archive

Archive for the ‘Domus Novĭtas’ Category

World Island Beach Club, primo fantastico resort di The World a Dubai

January 4, 2012 Leave a comment

Dopo vari rinvii, ecco arrivare l’inaugurazione del tanto atteso World Island Beach Club di Dubai, facente parte dell’immenso complesso The World.
In poche parole, si tratta del primo complesso di questo genere aperto a Dubai dopo il crollo del mercato immobiliare nel paese di qualche anno fa.
Questa spettacolare struttura, offrirà agli ospiti alcune villette di lusso, un ristorante per 100 coperti, 50 posti lungo la spiaggia e la possibilità di attraccare fino a 40 yacht di lusso di media e grande lunghezza.
La struttura è stata realizzata dal facoltoso imprenditore indiano Wakil Admed Azmi e sarà aperta al pubblico entro questa settimana.

Fonte: GoLook.it

Marrakech, casa al contrario di Jean-François Fourtou

January 2, 2012 Leave a comment

É nella sua proprietà di dieci ettari, nel cuore della Palmeraie di Marrakech, che l’artista francese Jean-François Fourtou ha realizzato il suo sogno di bambino : costruire una casa al contrario ! L’artista, 40 anni, che vive da oltre dieci anni in Marocco, ha costruito una perfetta casa che ricorda quella dei suoi nonni, ma al contrario. L’interno della casa, a cui vi si accede da una finestra, è come l’esterno, perfettamente rifinita e arredata, ma sempre al contrario.  In questa casa, battezzata “Caduta dal cielo”, si cammina sui soffitti, le scale sono anch’esse al contrario e il bagno e il lavabo pendono dall’alto. Le sculture animalier che hanno costruito la meritata reputazione dell’artista francese negli anni ‘90 sono esposte  un pò ovunque nella casa “caduta dal cielo” e nel parco adiacente la stravagante e inabitabile casa. Da vedere!

Fonte: My Amazighen

Galactic Suite Space Resort, albergo spaziale

December 20, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

No, non è un modo di dire. La Galactic Suite Space Resort – sviluppata da Galactic Suite – è una mini stazione spaziale orbitante tra l’atmosfera e le fasce di van Allen (tra i 160 e i 2000 km di altitudine), progettata per ospitare passeggeri privati, i cosiddetti turisti spaziali. Obiettivo della missione: rendere il turismo spaziale una cosa accessibile a tutti.
La Galactic Suite
La Galactic Suite è una compagnia aerea fondata a Barcellona nel 2007 da Xavier Claramunt, con il compito di creare e sviluppare soluzioni per migliorare l’esperienza del turismo spaziale. Ad oggi, l’azienda è coinvolta nella progettazione, sviluppo e promozione del progetto Galactic Suite Experience. La compagnia sta sviluppando il primo hotel spaziale con moduli abitativi orbitanti alla Terra, in grado di accogliere in futuro i turisti spaziali. Per fare ciò, l’azienda ha riunito un team interdisciplinare composto da ingegneri, architetti, designer industriali, economisti e avvocati che hanno contribuito a rendere questo progetto una realtà.
Galactic Suite Space Resort
La Galactic Suite Space Resort, come accennato nella introduzione, è una mini stazione spaziale orbitante nella bassa orbita terrestre (LEO) in grado di ospitare persone a bordo. Inizialmente sarà dotata di due moduli, in grado di ospitare 2 passeggeri ed un membro dell’equipaggio. Successivamente, verranno aggiunti 3 moduli per un totale di 6 persone (quattro passeggeri e due membri dell’equipaggio). Tutti i moduli disporranno di atmosfera artificiale, controllo termico e sistemi di controllo per la produzione di energia, quest’ultima necessaria per il funzionamento della stazione.
L’hotel si troverà ad una altitudine di 450 km per un rapido accesso e per proteggerla dalle radiazioni cosmiche delle fasce di van Allen. I passeggeri resteranno in orbita per un periodo che va da 4 a 6 giorni, compiendo un giro intorno al Pianeta Blu in soli 90 minuti, e quindi godere di 16 albe e tramonti al giorno.
Galactic Suite Space Ship
Il raggiungimento della stazione sarà possibile grazie alla Galactic Suite Space Ship, una navetta in grado di trasportare 4 passeggeri e 2 membri dell’equipaggio. La navetta partirà dal Galactic Suite Space Port, uno spazio-porto che si troverà su un’isola tropicale dei Caraibi. I motori e i serbatoi saranno situati nella parte posteriore della fusoliera, mentre, la sezione frontale, ospiterà i passeggeri e l’equipaggio in posti configurabili, che saranno ritirati una volta che la nave sarà in orbita, per sfruttare al meglio lo spazio proposto. La navicella assicurerà 2 viaggi al mese per il trasporto di passeggeri o per mettere in orbita satelliti commerciali.
Galactic Suite Space Port
Il Galactic Suite Space Port sarà il posto dal quale partiranno le navicelle della stessa compagnia. È situato su un’isola tropicale dei Caraibi e si svilupperà su una superficie totale di 100.000 m2. Sarà costituito da tutti i servizi necessari per il decollo, l’atterraggio e la manutenzione dei veicoli. La costruzione si ispira al paesaggio circostante e sarà edificata secondo i più rigidi criteri di sostenibilità ambientale. All’interno sarà possibile trovare tutte le strutture di formazione, una centrifuga umana, una piscina, palestre, sale conferenze, una biblioteca e un’infermeria.
Conclusioni
Questo, insieme al progetto di Virgin Galactic, è il primo passo verso la conquista dello spazio. Perché, se già in questo decennio siamo arrivati a questo punto, figuriamoci nel prossimo cosa sarà in grado di fare l’uomo con l’aiuto della tecnologia. Ma non mi dilungo troppo perché, come si dice in questi casi, chi vivrà vedrà.

Paolo Falcone

Fonte: Skimbu

Virgin Galactic, viaggi nello spazio diventano realtà

December 3, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Steve Jobs è stato sicuramente uno dei più grandi imprenditori della nostra epoca, e io personalmente lo apprezzavo proprio per le sue doti imprenditoriali, ma bisogna ammettere che non è l’unico. Richard Branson è sicuramente uno degli imprenditori più potenti e creativi al mondo, che ha fondato la gigantesca Virgin Group. L’ultima idea concreta di Virgin è la Virgin Galactic, di cui si parla già da anni e che diventerà operativa sicuramente entro due anni (forse già nel 2012). Si tratta di una compagnia aerea davvero particolare…
Virgin Galactic
Virgin Galactic è una compagnia aerea spaziale fondata da Richard Branson nel 2004 con lo scopo di progettare un’aereo/astronave al fine di compiere dei voli spaziali con passeggeri. Il prezzo a persona è di 200.000 $ e Virgin a settembre 2011 ha annunciato che i posti per un anno (500) sono già stati occupati. Dal 2004 Virgin Galactic ha prodotto ben due aerei già testati, essi sono lo SpaceShipOne e lo SpaceShipTwo. Gli aerei sono stati progettati per garantire la massima sicurezza e comodità e sono già funzionanti. In realtà l’aereo “operativo” è lo SpaceShipTwo, che si tratta di una evoluzione del primo modello, ma come funziona?
Funzionamento dello SpaceShipTwo
Lo SpaceShipTwo (immagine sopra) è formato da tre aerei, i due aerei uguali esterni sono chiamati WhiteKnightTwo e, come immaginerai, hanno lo scopo di “lanciare” in alto l’astronave madre (quella centrale) chiamata MotherShip Eve e rilasciarla. Questo è un modo certamente più sicuro e comodo rispetto alle partenze tradizionali delle astronavi, che partono direttamente dal terreno. Gli aerei sono costruiti con i migliori materiali in circolazione, il telaio è formato da un guscio composito di carbonio che garantisce una maggiore leggerezza.
Ma la parte più interessante è sicuramente il motore, ovviamente diverso dalle missili tradizionali, come saprai, dal momento che per fornire energia al mezzo è necessaria la combustione e per la combustione è necessario l’ossigeno, diventa difficile trovare l’ossigeno nello spazio, che si trova in quantità scarsissime. Ecco perché gli aerei hanno bisogno di un elemento ossidante che permetta la combustione. Nella SpaceShipTwo l’ossidante è sottoforma di liquido mentre il carburante è un solido, quindi basta una valvola per fermare il passaggio dell’ossidante nel carburante ed ecco che il motore di spegne. Questo vuol dire che in caso di emergenza i piloti possono spegnere il motore in qualunque momento e ritornare “a casa” utilizzando il sistema di atterraggio dello SpaceShipTwo. Per atterrare gli ingegneri si sono ispirati al volano, ovvero quella pallina usata in uno sport poco frequente in Italia: il badminton.
Magnifica Spaceport America
Nel 2005 è stato raggiunto un accordo tra Virgin Galactic e lo stato americano del New Mexico per la costruzione del primo spazioporto per il turismo spaziale: lo Spaceport America. Lo spazioporto si trova appunto nel New Mexico, a Les Cruces, vicino a El Paso. Si tratta di uno spazioporto grande ben 60mila metri quadrati, in grado dunque di sostenere non solo le partenze di Virgin Galactic, ma anche di altre future compagnie aerospaziali. Virgin Galactic ha già dichiarato che stabilirà a Spaceport America la sua base di lancio nonché la sua sede.
Conclusioni
È incredibile di come, dal 2004, la Virgin Galactic sia riuscita a costruire il primo aereo in grado di portare 6 passeggeri e 2 piloti nello spazio ad un prezzo di 200.000$, che sicuramente si abbasserà nei prossimi anni (tra 10 anni probabilmente saranno già 100.000$). Si tratta di un progetto a lunga durata, che prevede la costruzione di nuove “astronavi” e che prevede di assumere decine di astronauti che stanno attualmente frequentando il corso speciale per la SpaceShipTwo.
E tu, vorrai andare a fare un viaggio nello spazio? I biglietti si possono prenotare in questa pagina!

Alberto Ziveri

Fonte: Skimbu

Galeries Lafayette, ingresso in Marocco

November 21, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Galeries Lafayette fa il suo ingresso in Marocco, con l’inaugurazione prevista per il 5 dicembre prossimo nel gigantesco Morocco Mall di Casablanca, entrando nel Guiness dei primati in ragione della sua facciata, la più grande mai realizzata in un centro commerciale nel mondo. Composta da tre piani, con un altezza di 14 metri, la facciata retro-illuminata  è in alluminio bronzato  e misura 3.381,92 mq, circondando di fatto tutta la galleria per 241 mt. Il design della antica cupola storica dei magazzini  parigini è ripresa sulla gigantesca facciata che darà al Morocco Mall una prestigiosa allure internazionale. Galeries Lafayettes di Casablanca prevedere di accogliere 15 milioni di visitatori per anno, su di una superficie di 10.000 mq e sarà il terzo punto vendita dell’insegna all’estero, dopo Berlino e Dubai. Il Morocco Mall invece sarà la più grande attrazione turistica ed economica del bacino mediterraneo, d’Europa e del sud  Africa, ospitando oltre 350 label internazionali, installato su dieci ettari a bordo mare.  L’infrastruttura commerciale che ha richiesto un investimento di due miliardi di DH, è composta da un centro commerciale di 250.000 mq di cui 70.000 adibiti alla vendita, 30.000 mq di spazi esterni, 14.000 mq di giardini ed un parking di 90.000 mq. Numeri importanti che faranno del Morocco Mall un punto di riferimento per lo shopping sia nazionale che internazionale.

Fonte: My Amazighen

Sleepbox, box installazione degli architetti Arch Group

September 29, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Lo Sleepbox degli architetti Arch Group diventa realtà. Il primo box realizzato è stato installato all’interno dell’aeroporto moscovita Sheremetyevo, contiene due posti letto ed è possibile noleggiarlo dei 30 minuti a più ore.
Lo Sleepbox è dotato di lampade a LED, prese elettriche per ricaricare computer e telefoni cellulari. Questo primo esemplare è stato realizzato in legno, in MDF per la precisione, ma come si vedeva dalle immagini del progetto, la volontà è quella di produrlo in materiali plastici.
Il prototipo è stato posizionato a metà agosto scorso e ha riscontrato sin da subito interesse e curiosità nei viaggiatori che transitavano all’interno dell’aeroporto; l’idea è sicuramente vincente e lo studio spera di avere maggior visibilità per una produzione in serie del box.

Fonte: Linea Di Sezione

Island Maison, isola di Louis Vuitton a Singapore

August 19, 2011 Leave a comment

La sfarzosa Island Maison di Louis Vuitton sarà inaugurata il prossimo 18 settembre nel complesso Marina Bay Sands, a Singapore; a dargli il benvenuto ci sarà una cerimonia degna del suo sfarzo.
Per chi non lo sapesse, la Island Maison di Louis Vuitton è una boutique di lusso galleggiante, progettata dall’architetto Peter Marino; la struttura è caratterizzata interamente da ampie vetrate che affacciano sull’incantevole baia del Marina Bay Sands.
Oltre ad un elegante salotto privato, l’Island Maison offrirà una vera e propria loggia esterna che condurrà alle vetrine, simile ai pontili per l’attracco degli yacht.
All’interno, i clienti del brand potranno trovare tutti i prodotti che desiderano, che saranno disposti ad alternanza con opere d’arte contemporanee, così da dare l’impressione di acquistare in una galleria d’arte.

Fonte: GoLook.it

Quotel, flat concept dallo studio polacco mode:lina Architecktura

This slideshow requires JavaScript.

Quote + Hotel = Quotel – L’unione di queste due parole fa nascere il concept di un appartamento utilizzato per ospitare alcuni visitatori della Fiera internazionale a Poznan in Polonia. Un design semplice, minimalista e decisamente scandinavo, abbinato a frasi più o meno famose, per far sentire il visitatore a proprio agio. La ristrutturazione dell’unità è stata realizzata dallo studio polacco mode:lina Architecktura.

Fonte: Linea Di Sezione

Tesco, il supermercato virtuale dello shopping

July 20, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Tesco, la famosa catena di supermercati di Gran Bretagna, e l’uno dei maggiori leader mondiale della grande distribuzione, si è posta un obiettivo ambizioso in Corea del Sud, dove e’ numero due dietro E-Mart. Come aumentare le proprie vendite senza moltiplicare i suoi punti vendita, e diventare il primo distributore? Diversi studi mostrano che i sud coreani privilegiano il lavoro, e hanno poco tempo per fare la spesa al supermercato. Perché non mandare il negozio all’incontro dei consumatori? L’approccio innovativo di Tesco: convertire il traffico pedonale dei pendolari, in business, sfruttando le ultime tecnologie degli smartphone. La Corea del sud vanta un’infrastruttura di trasporti pubblici tra le più efficienti e all’avanguardia del mondo, in grado di spostare ogni giorno più di 20 milioni di persone. La nuova strategia: integrare il supermercato virtuale nel mondo fisico, e sfruttare i tempi morti delle persone. Grazie a questa strategia di wait marketing, i tempi d’attesa nel metro diventano altrettante occasioni di fare shopping. Risultato? Per Tesco Home plus, il brand di distribuzione in Corea, le vendite online tra novembre 2010 e gennaio 2011 sono aumentate del 130%. Tesco ha posizionato nelle banchine della metropolitana dei cartelloni luminosi, che riproducono molto bene fotograficamente in scala reale, gli scaffali dei supermercati. Ogni articolo riprodotto sui pannelli possiede il proprio QR code che, fotografato con lo smartphone, entra nel carrello virtuale. La merce ordinata e pagata con lo smartphone, viene consegnata fisicamente a casa. Da vedere il video sotto.

Fonte: Futurix

Makepeace Island, isola a forma di cuore in Australia

Richard Branson, il patron della Virgin, ha deciso di aprire al pubblico una delle sue proprietà più esclusive acquistate insieme al socio Brett Godfrey.
Stiamo parlando della sua isola privata dal nome Makepeace Island, situata nelle acque di Noosa, sulla Sunshine Coast in Australia.
Il celebre magnate britannico ha deciso di proporre in affitto questa splendida isola a forma di cuore per un prezzo di 8 mila dollari a notte; con questa somma, i fortunati ospiti potranno godere dei 35 acri di terreno che compongono l’isola, in piena tranquillità e privacy.
Sull’isola, inoltre, ci si potrà rilassare tra le mura della residenza Bali House oppure nelle altre ville di lusso presenti; in più sarà presente una piscina, un centro benessere ed un grande campo da tennis.

Fonte: GoLook.it