Archive

Archive for September, 2015

La Prouveresse scented candle by Diptyque Paris

September 30, 2015 Leave a comment

la_prouveresse

La Prouveresse is the name of a lane that Yves Coueslant would take when he stayed in his house near Grasse. A path lined with fig and cypress trees, aromatic herbs and crunchy leaves. It comes in a matt porcelain pot crafted entirely by hand using the “terre mêlée” (mixed clay) technique, meaning every piece is unique.

Categories: Cosmesi Tags:

Macmillan Rose Geranium Bath Essence by Floris London

September 30, 2015 Leave a comment

floris-rose-geranium-bath-essence-with-box

The characteristic notes of geranium are enhanced by fresh citrus nuances and a hint of rose. A simple woody base note accord of cedarwood is all that is needed to complete this clean cut classic.

Floris presents a limited release of its now iconic Rose Geranium Bath Essence in aid of the charity Macmillan. Packaged within a specially designed sleeve illustrated by Marta Spendowska commissioned especially for the project, this 50ml bath essence retails for €72 of which €48 will be given to Macmillan. Just a few drops of this exhilarating essence in any bath will fill the room with a warm, relaxing aroma that has been filling bathrooms since it was conceived by Floris in 1890. Aficionados have included Marilyn Monroe.

Over the past 24 months the Floris team and wider business has been affected deeply by cancer, and as a small family business, felt the impact that this disease has, both to those inflicted with it, but also to those around them who love and care for them.
Macmillan has always promoted wellbeing and the importance of taking time for yourself, not just for the person afflicted with cancer, but for the carers, partners, friends and loved ones.

Categories: Cosmesi Tags:

Paul Seville X Coco de Mer, unique collaboration between two British institutions of erotica

September 30, 2015 Leave a comment

cdm-seville-x-coco-story-header-700x300

Paul Seville X Coco de Mer is a unique collaboration between two British institutions of erotica. Designed, crafted and produced in London, the collection fuses exquisite bondage with high fashion and is available exclusively at Coco de Mer.

Acquaintance, spectacular new 105-meter PYC-compliant yacht by Vitruvius Yachts

September 29, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Oceanco partners with designer Philippe Briand and his Vitruvius brand on a spectacular new 105-meter PYC-compliant yacht design. Lean and green, project name Acquaintance is designed to be 20 percent more fuel efficient than other motor-yachts of her size. With a razor sharp elegance that only Briand can draw, her fine lines and sleek layout exude an overall feeling of purity and lightness despite her 4302 gross tons.

Designed to accommodate 24 guests in extreme luxury, the main deck features a stunning swimming pool with a translucent aft glass panel and glass floor enabling it to be viewed from the aft of the yacht as well as from the skylight in the ceiling of the spa deck below. The pool deck lounge area flows seamlessly into the main deck salon. Enclosed by glass walls, the salon is showered in light and yields a 270-degree panoramic view. The 10 guest cabins are forward on the main deck and all benefit from large bay windows and sea views. Twin VIP staterooms will have a front facing views.

A central staircase and elevator service the primary decks from the beach club to the top deck. The next deck up from the salon is the bridge deck with the captain’s domain forward and a guest upper salon aft. Here too, there is a 270-degree view. A recessed bar, permitting unblocked views from the salon, is located on the aft upper deck and is protected from the wind. Forward on this deck is a touch and go helicopter pad allowing for instant mobility for the guests, should the need arise.

One deck above the bridge deck is the owners’ area. Here the owners enjoy total privacy. Their exclusive terrace, protected from the elements, has no external access so it is completely private and secure. From the aft facing bedroom suite there is a 180- degree panoramic view and forward is an observation lounge with much the same vantage point but facing the opposite direction. The top sundeck —accessible via the owner’s deck —has a sun protected bar and whirlpool aft.

The lowest guest deck onboard features a beach club, cinema, gym and spa at sea level and sports a skylight from which one can view the underside of the swimming pool overhead on the main deck. A garage supports a limo tender up to 12-meters in length as well as a myriad of other water-sports toys. Embarking and disembarking takes place amidships. When the beach club door is closed there is no exterior access to the yacht, thus ensuring 100 percent security.

Contemporary and clean, this yacht is modern without being minimal. It has everything a discerning yacht owner would want. Briand’s award-winning Vitruvius brand has hit new heights with this exclusive design for Oceanco.

ABOUT VITRUVIUS YACHTS

Vitruvius Yachts is an international superyacht design company based in London. The Vitruvius Yachts philosophy focuses on creating custom motor yachts that are efficient, robust and long-range, capable of independent global cruising. Drawing on the world-class pedigree of Philippe Briand’s highly evolved sailing yachts, of which over 12,000 have been produced to date, Vitruvius Yachts uses the Briand Optimised Stretched (BOS) hull design to take naval architecture of luxury motor yachts to the next level, based on the ethos of “ideal proportion” seen in Leonardo Da Vinci’s Vitruvian Man. The increased efficiency of the vessel reduces the operational costs of fuel consumption, extends its cruising range and minimises its environmental emissions. Currently, three motor yachts have been delivered to the Vitruvius Yachts design: 50m M/Y Exuma, 55m Galileo G and 73m M/Y Grace E – all built in collaboration with Picchiotti (Perini Navi Group).

The current range ability for the Vitruvius Yachts platform is 45 to 100+ metres. Each Vitruvius Yachts design is created to the owner’s specifications, with a number of boundary-pushing features that have included ice-class capabilities for polar cruising and diesel electric propulsion for improved. These constructions are conceived – in steel and aluminum – to offer the longest hull for a given volume and the shortest hull for this same given volume.

Categories: News Tags:

Tétouan, piccola Gerusalemme

September 18, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Le origini della città si perdono nella notte dei tempi; gli oggetti rinvenuti sino ad oggi sono datati verso il III° secolo A.C. e provengono principalmente dalla antica città di Tamuda. Il nome della città, secondo alcuni studi, deriva da “Tittawin” che nella lingua Tamazigh significa “gli occhi” o ancora “le sorgenti”. I Fenici stabilirono un grande magazzino di stoccaggio all’imbocco del fiume Martil. Fu nel 1307 che il sultano merinide Abou Thabef fece costruire la città fortificata di Tétouan con lo scopo di costruire una base avanzata in grado di recuperare Sebta. Popolata da soldati, la città diventò rapidamente un nido fortificato di pirati e davanti ai loro innumerevoli attacchi, gli spagnoli sbarcarono sulla costa e la distrussero completamente. Nel 1492, la caduta di Granada vide l’esodo dal sud della Spagna di migliaia di emigrati musulmani che si installarono nelle rovine della città, rinascendo così dalle sue ceneri e conoscendo in seguito fasti mai vissuti prima. La caduta del reame di Granada segnò la rinascita della città di Tétouan; la sua ricostruzione voluta da Sidi al-Mandri, seguito dai primi Mudèjar che fuggivano dalla Reconquista cristiana, fece della città un luogo d’accoglienza della civiltà andalusa. Protetta dalle barriere naturali di due montagne, aperta sul Mediterraneo, la città offriva una posizione strategica per gli esiliati che non cessavano di respingere la minaccia cristiana. Tétouan è in primis una città andalusa ed è la sola città marocchina costruita esclusivamente da andalusi. L’architettura militare andalusa di Tétouan è un tratto fondamentale della città, la cui ricostruzione all’inizio del XVI°secolo aveva come obbietivo principe quello della difesa contro i portoghesi che avevano già occupato tutte le città marocchine della costa. Beneficiando del vuoto politico che caratterizzava il Marocco di quell’epoca, si creò una città simile a quella che era stata abbandonata. Più dell’architettura, l’arte de vivre tetouanese è segnata dall’eredità andalusa tout court. Questa città chiamata « la colomba bianca » dai poeti arabi, venne designata con termini differenti come « la figlia di Granada » o ancora « la piccola Gerusalemme ». Diventò un luogo di incontro per diverse popolazioni, religioni e culture, da quella andalusa alla ottomana, attraversando quella locale ed europea, la cui simbiosi produsse una cultura tetouanese dominata dal carattere conservatore dei suoi abitanti, che assomigliano caratterialmente ai granadini.

La città ha assimilato l’architettura andalusa nei suoi muri, nelle kasbah,  nelle sue piccole case e nei suoi palazzi con patio, fontane e giardini, nei suoi minareti, mausolei e fondouks. Il XIX° secolo fu un secolo di decadenza per il Marocco con la conseguenza diretta della penetrazione economica europea. Questa città conobbe la peste del 1800, la terribile carestia del 1825 e la guerra di Tèteouan del 1860 che ne vide la sua sconfitta contro le truppe spagnole che si ritirarono nel 1862, dietro il pagamento di una indennità che rovinò economicamente la città. La decadenza economica di Tétouan iniziò comunque prima della guerra del 1860 e fu causata dagli spagnoli che affondarono diverse navi nell’estuario del porto della città, mettendo fine alle attività marittime della città. Nel XX° secolo Tétouan conobbe un nuovo assetto politico, economico ed artistico diventando capitale del Protettorato spagnolo nel nord del Marocco. La città moderna venne costruita a lato della antica medina. L’Ensache di Tétouan è attualmente un vero gioiello architettonico con le sue strade ed edifici in stile coloniale spagnolo, le sue piazze e i suoi mercati. L’influenza andalusa non è assente; l’interno della cattedrale di Tétouan può essere confuso con l’interno di una moschea andalusa. Le due parti della città si completano, malgrado i loro contrasti evidenti e a volte stridenti. La conservazione e lo sviluppo dell’architettura e dell’arte tradizionale tetouanese deve molto a Mariano Bertuchi, pittore orientalista spagnolo eccelso e grande amante dell’arte marocchina. Fondò il Museo Etnografico e la Scuola delle Arti e Mestieri tradizionali, un gioiello che rappresenta l’aiuto europeo all’arte andalusa di Tetouan, dove si trovano i preziosi ricami nasridi e mudéjar che perdurano nella broderie tetouanese ancora oggi.

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoCity Tags:

Michele Miglionico, conferito “The Look Of The Year Fashion Award 2015”

September 18, 2015 Leave a comment

Foto vincitrice modella Mia Maretic indossa abito Michele Miglionico HC.2 rid

MICHELE MIGLIONICO: CONFERITO THE  LOOK OF THE YEAR FASHION AWARD 2015 

Allo Sheraton Hotel di Catania si è celebrata la trentaduesima edizione di  

THE LOOK OF THE YEAR 2015

Si è celebrata allo Sheraton Hotel di Catania la trentaduesima edizione di  THE LOOK OF THE YEAR, illustrissima  vetrina internazionale del mondo della moda ed autorevole manifestazione e concorso in grado di proiettare nel gotha delle top model mannequin provenienti da 50 paesi di tutto il mondo dotate di  assoluta  bellezza, personalità ed eleganza .

La competizione nel corso degli anni, ha saputo esaltare indossatrici che hanno rappresentato e rappresentano tuttora icone mondiali di stile e femminilità , quali  Cindy Crawford, ,Natasha Stefanenko, Gisele Bundchen, Stephanie Seymour, Linda Evangelista e le italiane Elenoire Casalegno, Elena Santarelli.

Sotto la sapiente guida del producer Nuccio Cicirò e la direzione di Ivana Triolo, la manifestazione ha goduto dell’affascinante conduzione di Youma Diakite, top model ed attrice maliana.

Nel corso della manifestazione le modelle hanno indossato abiti di Alta Moda della collezione “Madonne Lucane” dello  stilista Michele Miglionico. Con la sua ultima collezione lo stilista si è ispirato alla Basilicata , sua terra d’origine, mescolando sacro e profano presenti nella quotidianità in un racconto d’amore della sua terra, filtrato dall’alta moda attraverso donne che rievocano ricami e tessiture della tradizione. Nei suoi abiti prevalgono pizzi e nero, con veli e trasparenze che in alcuni casi definiscono un annodarsi accennato di colori per poi virare cromaticamente su intrecci d’oro o vesti rosse che si sposano costantemente con i rosari tenuti in mano dalle splendide indossatrici.

In tale occasione è stato conferito allo stilista Michele Miglionico “The Look Of The Year Fashion Award 2015” per la sua creatività e professionalità.

Il culmine della serata è avvenuto  con  l’attribuzione del titolo di vincitrice The Look Of The Year Model Award  alla 16enne croata Mia Maretic premiata dal producer Nuccio Cicirò.

Categories: Life-News Tags:

Marocco, case da segno tra Atlantico e Mediterraneo

September 17, 2015 Leave a comment

CASE DA SOGNO IN MAROCCO,

Tra l’Atlantico e il Mediterraneo, circondati da spiaggie e falesie, questa case da sogno godono di una vista a 180°,  imprendibile e mozziafiato.

A seguire un Best of sulle più belle residenze marocchine del nord.

Se Tangeri potesse raccontarsi lo farebbe attraverso le mille e una residenza che bordano le sue rive atlantiche e mediterranee.  La Maison de l’Eléphant Blanc, incastonata sulle alture di Tangeri, possiede una delle viste più incredibili della città.  Tony e Khera, viaggiatori del mondo, hanno scelto: si sono installati laggiù dove l’oceano e il mare si incontrano;  lo stretto di Gibilterra.  Letteralmente affascinati dalla natura a metà strada tra la Sardegna e la Grecia, hanno gettato le loro basi su due piccoli pensioni di fianco ad una falesia ed hanno creato la Maison de l’Eléphant Blanc. Addossata alla kasbah e rivolta verso lo stretto, la sua terrazza di 240 mq già da sola è tutto un programma; imponenete belvedere, ci si sente come su di una nave che attraversa le turbolente acque dell’oceano atlantico-mediterraneo, guardando Tarifa negli occhi, avvistando una leggendaria Atlantide, legittima in questi luoghi. L’interior design predilige il total white che si sposa con una architettura contemporanea e di una allure prestigiosa acquisita  in toto dalla città secolare. Ceramiche bianche e nere rivestono la parte inferiore del muro della scala e vetri rossi, gialli e blu sono stati aggiunti per un tocco meticcio al luogo, ricordando le origini siriane e spagnole di Khera e Tony. Le sette suites della casa non lesinano sul lusso né sul confort, premiando questa dimora come una delle più belle della Dream City. Si ritrova al suo interno la maestosità  ed il mistero che il suo nome lascia immaginare. La Casa dell’Elefante Bianco puo’ accogliere sino a 12 persone che avranno a disposizione, tra le altre cose, di un Hammam privato, di un personale attento e discreto  e di uno sguardo personale sulla Spagna vicina, sul cielo e sul mare intatti e profondi.

Tangeri non ha ancora terminato di elargire tutto il suo charme quindi i promotori immobiliari hanno ora preso d’assalto le zone che circondano il capo Malabata : un corridoio sempre affascinante e una foresta ancora intatta. Balcony è il frutto di un brainstorming tra il promotore del progetto e Patrik Collier, architetto francese che esercita in Marocco dagli anni ’70. Il suo approccio a capo Malabata è stato “un atto di umiltà verso il sito, l’ambiente circostante, la dimensione culturale e alle tecniche costruttive“. Innamorato  follemente della zona, Collier ha immaginato un complesso dove “l’outdoor” non è solo un espressione dei tempi. Tutta la costruzione si sviluppa attorno a diverse terrazze che regalano agli occhi la baia di Tangeri, il suo porto e la Kasbah. Nel parco del Soussa-Massa invece, Nasser Laraki ha fermamente voluto e pensato un luogo che dispensa le delizie del cocooning, in una maison d’hôtes che sprigiona una allure di kasbah, battezzata Ksar Massa.  La maggiorparte dei proprietari di maison d’hôtes opta per una architettura balneare ricordando sempre la vicininza del mare; Nasser ha voluto integrare una visione messicana nel suo progetto. Tra Agadir e Tiznit, la maison d’hôtes si estende lungo una spiaggia selvaggia e come sfondo, altamente scenografico, la catena maestosa dell’Anti-Atlas. Dune che riversano in mare i loro granelli di sabbia, piste affascinananti in un paesaggio desertico del sud atlantico, tra blu e bianco, beige e verdi intensi. Materiali semplici, facili a posare e da mantenere, con il ricorso della mano d’opera locale. Il pavimento in cemento colorato e i muri in calce o di tadelak creano una contemporaneità certa e riconoscibile. Esteriormente la pietra dell’Ourika è regina, suadente ed elegante. Rivolta verso l’Atlantico, maison d’hôtes, casa provata, bivacco e appartamenti, questo luogo da prova di tutto il savoir-faire delle maestranze marocchine, garantendo un livello di confort essenziale  a questa oasi di pace. Ksar Massa coniuga piacere e “dolcefarniente” lasciando dentro l’anima l’impressione di essere sospesi tra il cielo e il mare.

Fonte: My Amazighen

Sahara, deserto di anime e colori

September 17, 2015 Leave a comment

sahara marocco

Per molti il Sahara si trova in Algeria; errato. Il Sahara marocchino offre ai suoi visitatori una ampia gamma di paesaggi molto diversificati tra di loro: oasi di tutte le forme e dimensioni sono presenti nei principali punti dove sgorgano sorgenti e nelle parte costiera desertica l’elemento principale è il vento sferzante e la bruma atlantica, che offrono un aspetto unico  a questi luoghi, offrendo una costa vergine con una luce particolare e affascinante. Il limite Nord del Sahara è soggetto a discussioni: alcuni lo situano ai bordi di Guellemin e Ouarzazate (a partire da 100 mm di pioggie annue), ma altri pensano che il Sahara inizi più a Sud, a partire da Tan-Tan e da Zagora, sopra i 50 mm di pioggie annuali. Da tenere presente comunque che possono passare anche alcuni anni di siccità totale prima di vedere qualche mm di pioggia. Le temperature estive sahariane sono elevate  al Nord con punte di 50° mentre nelle zone costiere non si soffre di caldo. In inverno nella parte Est di Zagora il gelo è frequente mentre altrove le temperature sono clementi. Il Sahara non era cosi’: i letti dei fiumi ancora presenti sono ampi e le pioggie modeste degli ultimi secoli non sono state in grado di scavare queste profondità e larghezze: le incisioni rupestri, in particolare nella regione di Tata, rappresentano una fauna selvaggia (elefanti, tigri, leoni, rinoceronti) che esigeva per il loro sostentamento ampi pascoli verdi. Ci sono stati periodi più umidi, l’ultimo datato tra i 1.000 e i 3.000 anni P.C.. Dopo di questo gli uomini hanno dovuto adattarsi e gli allevatori di bovini migrarono verso il Nord (nel periodo almoravide un enorme ondata di popolazione sahariana si sposto’ verso quei luoghi), quelli che rimasero riconvertirono i loro allevamenti con i dromedari e le capre. Queste variazioni climatiche sono state legate sino ad oggi a dei fenomeni planetari naturali. L’effetto serra odierno, dovuto alle emissioni di gas nell’atmosfera stanno provocando un effetto antagonista: un aumento delle pioggie ma in egual misura una evaporazione più forte dell’acqua disponibile nel suolo. La causa maggiore, attualmente, della progressione del deserto verso Nord è dovuta all’aumento della popolazione umana e le sue ripercussioni devastratici sull’ambiente. Primo disastro è stata la scomparsa di molta fauna sahariana. Sono sparite le grandi antilopi, come l’Oryx e l’Addax, la gazzella dama e lo struzzo. Ghepardi e iene sono minacciate di estinzione. Anche la gazzella Dorca, tanto presente negli anni ’50 è diventata rara: è troppo facile cacciare in 4X4!! Solamente la piccola fauna riesce a mantenersi viva nei grandi Ergs come il Fennec che esce allo scoperto per cacciare la notte. E poi i nomadi. Quelli autentici si incontrano a partire dalla regione di Zagora, insieme agli “Aarib” (arabi sahraoui della regione di Mhamid).

Di fatto i nomadi attuali vivono nel Sahara occidentale ed appartengono a diverse tribù di cui le più importanti sono quella di Tekna ( da Guelmim a Laayoune), i Reguibate(regione di Laayoune, Smara e più a sud) e quella dei Oulad Delim (presenti a sud di Dakla). Tutte queste tribù parlano un dialetto arabo,  “Hassanya“, ugualmente utilizzato in Mauritania. Storicamente sono chiamati uomini blu per via dei loro abiti colorati con l’indigo, che col calore passa sulla pelle, riflettendo quel tipo di blu ma, nella realtà i Tuareg originali sono completamente assenti dal Marocco. I nomadi vivono nelle “Khaiime”, tende montate su una struttura formata da due colonne di 2 mt di altezza,  che sostengono una barra in legno scolpito, l’Ahammar. Questo portico in legno è poi sostenuto da una banda di tessuto legata a dei picchetti con corde e funi. Le tende sono formate da bande di tessuto di lana nere e marroni di 40/60 cm di larghezza per 6/10 mt di lunghezza. Queste bande in lana di capra o di cammello sono chiamate “Flijs”,e sono tessute dalle donne con un telaio orizzontale. Una tenda media misura 25 mq e necessità di una decina di Flijs, solidamente cuciti tra di loro dagli uomini. Tutto intorno i picchetti tendono la tenda a circa 80 cm dal suolo lasciando circolare l’aria. Il portico centrale divide la tenda in due parti: quella delle donne, sovente nascosta ad occhi estranei con tende sottili, che contiene tutti gli utensili necessari e  la parte maschile, dedicata agli uomini ed aperta ai visitatori. Tappeti molto alti sono sparsi ovunque a ricoprire il suolo ed isolare dal freddo in inverno. La zona più spettacolare del Sahara marocchino si trova nei pressi di Merzouga/Erfoud/Zagora dove inizia l’Erg Chebbi. Una distesa di sabbia con dune alte anche sino a 50 mt, che cambiano posizione in base alla velocità del vento. Il sole riesce, con una ammirabile alchimia, a cambiare il colore di queste dune, in base alle ore e alla esposizione. La notte magica dell’Erg Chebbi diventa ancora più magica sotto un portico di stelle che si immagina di toccarle tanto sono vicine. Scrivero’ sull’Erg Chebbi in una pagina a parte perché ne vale realmente la pena visitarlo ed averlo poi come un ricordo unico e prezioso del Sahara marocchino.

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoViaggi Tags: ,

Marius Creati, decorative artisan wealth

September 15, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

The careful and accurate craftsmanship is enhanced in the constant pursuit of details through the diligent combination of accessories, fabrics and patterns analyzed to create a unique and excellent product, intended to satisfy the needs of original individuals able to perceive the indelible essence of creations. Exhumation of ancient details, expert cutting, precious materials, innovative techniques and tradition in order to create a product of higher quality. Reliability, integrity and remarkable value to seal a deal of irreproachable continuity.

These the essential characteristics of the new concept of MARIUS CREATI, who blends the essence of beauty with a flair for design.

The elaboration of the collection starts from the design of models and its accessories. The idea merges with the reality, the inspiration expands the refined elaboration of the goldsmith and tailoring manufacturing.

The processing of metals concerns a deep knowledge of the high jewelry by goldsmiths, and it makes use of techniques of the under vacuum-seal pressure in hot chamber, in which the molten metal is injected at high pressure into a metal mold of cast iron, or lost wax, whose melting process provides first the realization of the wax model, after finished with a plaster mold and then baked in furnaces encloses the soul from which the little gems in rough state are produced.

Later, after proper cooling, it proceeds to the refining of the artifacts to improve the quality of purity, to filings and finally, after any welding of the parts, the final polishing.

18K and 24K gold, sterling silver, bronze and copper are metals that adorn the style of the brand, giving rise to minute creations by a yesteryear character understood as small contemporary art objects.

The tailoring enjoys a remarkable mastery used to sew single articles according to technical references acquired through years of experience and jealously guarded in our laboratories. Modeling is elaborated on each model manually; cutting is performed according to the traditional methods of working without neglecting new techniques of technological innovation; meticulous stitching and attach of buttons is performed practically by hand. You can evaluate the option of manual finishing touch… an impeccable detail for the most demanding customers. The complementary buttons are made of real natural mother of pearl.

Not just simple collections, but real style trinkets to be worn with ease. High-quality materials, fine fabrics, craftsmanship wealth and vintage trend.

All strictly Made In Italy… excellence of the Italian beauty and research.

Categories: Lux-News, Lux-Visions Tags:

Marius Creati, ricchezza artigianale esornativa

September 15, 2015 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

L’attenta e accurata lavorazione artigianale si valorizza nella costante ricerca dei dettagli mediante l’accostamento diligente di accessori, tessuti e modelli studiati per creare un prodotto unico ed eccellente, destinato a soddisfare le esigenze di individui originali in grado di percepire l’essenza indelebile delle creazioni. Esumazione di antichi dettagli, taglio esperto, materiali pregiati, tecniche innovative e tradizione per dare vita ad un manufatto di qualità superiore. Serietà, integrità e valore rimarchevole per suggellare un patto di continuità irreprensibile.

Queste le caratteristiche essenziali del nuovo concetto di MARIUS CREATI, il quale amalgama l’essenza del bello con il gusto per il design.

L’elaborazione della collezione inizia dalla progettazione dei modelli e dei suoi accessori. L’idea si fonde con la realtà, l’ispirazione si espande nell’elaborazione ricercata della manifattura orafa e sartoriale.

La lavorazione dei metalli concerne una conoscenza profonda dell’alta oreficeria da parte dei maestri orafi e si avvale delle tecniche della pressofusione sottovuoto a camera calda, in cui il metallo fuso viene iniettato ad alta pressione in uno stampo metallico di ghisa, o della cera persa, il cui procedimento di fusione prevede dapprima la realizzazione del modello in cera, successivamente rifinita con uno stampo in gesso che poi cotta nelle fornaci racchiude l’anima da cui vengono creati i piccoli gioielli allo stato grezzo.

In seguito, dopo il raffreddamento adeguato, si procede alla raffinazione dei manufatti per migliorare le qualità di purezza, alla limatura ed infine, dopo eventuale saldatura delle parti, alla lucidatura finale.

Oro 18k e 24k, argento, bronzo e rame sono i metalli che adornano lo stile del marchio, dando origine a minute creazioni dal carattere d’antan intese come piccoli oggetti d’arte contemporanei.

La lavorazione sartoriale gode di una maestria rimarchevole impiegata per confezionare i singoli capi secondo riferimenti tecnici acquisiti in anni di esperienza e custoditi gelosamente nei nostri laboratori. La modellistica viene elaborata su ogni singolo modello manualmente; il taglio viene eseguito secondo i metodi di lavorazione tradizionali senza tralasciare le nuove tecniche dell’innovazione tecnologica, la cucitura meticolosa e l’attaccatura dei bottoni viene eseguita praticamente a mano. E’ possibile valutare l’opzione della rifinitura manuale… un dettaglio impeccabile per i clienti più esigenti. I bottoni complementari sono in vera madreperla naturale.

Non semplici collezioni, ma vere chincaglierie d’autore da indossare con disinvoltura. Materiali pregiati, tessuti finissimi, ricchezza artigianale esornativa e tendenza retrò.

Tutto rigorosamente Made In Italy…. eccellenza della bellezza e ricerca italiana.

Categories: Lux-News, Lux-Visions Tags: