Archive

Archive for the ‘Lux-Visions’ Category

Couach Yachts, 115 years of shipbuilding history and savoir-faire

March 28, 2014 Leave a comment

CouachLogo3b

115 YEARS OF SHIPBUILDING HISTORY AND SAVOIR-FAIRE Just like its boats that are subjected to the caprices of the ocean, Couach shipyard is today a mature and modern business, with its focus truly fully future. Its strength lies in the savoir-faire it has accumulated over the last century; the very first Couach shipyard came into being in 1897. Immediately after the Second World War, the second generation of Couach ventured into mass boat manufacture, and their reputation soon knew no limits. Thanks to its success, the shipyard progressively focused on two main themes: • Yachts, with a range that today contains units from the 23 metre yacht to the 50 metre superyacht. • Patrol craft and speedboats, used in marinas and administrations in over twenty countries throughout the world.
The company’s recent history is a perfect illustration of the energy and creativity invested by Couach’s teams:
2006: launch of the new 33 metre 3300 Fly and launch of 3 new projects: a 30 metre, 37 metre and 50 metre yacht.
2007: the 3700 FIy, Couach’s biggest ever yacht, was a huge success with six orders received for this sleek model. At the same time, the shipyard began major construction work, building a 4400 m² hall to accommodate the first 50 metre yacht.
2008: work begins on the first two 5000 Fly units and a gigantic launching ramp is built.
2009: the company becomes CNC – Chantier Naval Couach. An agency and showroom are opened in Cannes on the old port.
2011: Nepteam acquires the company.
2012: delivery of the first 5000 Fly in June, the flagship of the new Yacht Couture collection, christened La Pellegrina.
2013: Couach hits the headlines with the presentation of its new range and the launch of the 2600 Fly and the Hornet 1300.
Besides pleasure yachts, Couach shipyard also designs military patrol boats and surveillance speedboats under the PLASCOA brand. These boats are constructed using composite materials that confer them with the exceptional sea keeping qualities for which they are renowned. The internationally recognised marine qualities of the military range and the reputation of Couach yachts for reliability are the fruit of four generations of savoir-faire: from Albert Couach who invented the first marine engine in 1897, to Guy Couach, to today’s technological innovations.
International Marine Services (IMS), a wholly owned subsidiary of Couach, has been a reference site for refit and repair work in the Mediterranean for many years. Its fine reputation has earned it the right to act as the maintenance centre for, amongst others, Heesen and Palmer & Johnson. The yard can handle vessels up to 50m. Couach Yacht Maintenance is co-located at the IMS site and is the after sales service centre for Couach vessels operating in the Mediterranean.

Advertisements
Categories: Lux-Visions Tags:

Albini Group, le collezioni PE 2015 ispirano i creativi di tutto il mondo

March 24, 2014 Leave a comment

N3D_6370Albini Group, leader mondiale nei tessuti per camicia, ha presentato a Milano Unica le collezioni  Cotonificio Albini, Albini, donna, Thomas Mason e David & John Anderson. Tessuti in nuovi colori, filati, basi, stampe e fantasie che ispireranno camiciai specializzati, sarti e griffe per la Primavera-Estate 2015. Cotonificio Albini, il potere della leggerezza Parola d’ordine: leggerezza. Questo il concetto che ha ispirato il team creativo diCotonificio Albini per dar vita ad una collezione contemporanea, capace di esaltare la bellezza e la qualità dello stile italiano. The New Tailor: anche il classico diventa fancy. Tra le proposte della collezione, i tessuti in filato 100/1 “Piumino feeling” – un must di Cotonificio Albini – si arricchiscono con moltissime disegnature fatte di nuove zone di colore accanto ai più classici bianchi e azzurri e al grigio che si trasforma in nuovo neutro, giocato da solo, oppure accostato all’azzurro e a colori più accesi. Novità assoluta il Voile, un tessuto fluido ma croccante allo stesso tempo. Il Voile è realizzato con un filato studiato in esclusiva da Albini Group per ottenere un tessuto leggerissimo, mosso e scattante, dal corpo consistente, che viene declinato in diverse strutture come il Twill, il Popeline e l’Oxford. I tessuti bianchi si vestono di movimento per trasformarsi nei Nuovi Bianchi. Le basi diventano mosse e ricche, ideali anche per camicie dedicate ad un pubblico giovane che sceglie la camicia sartoriale. Giochi di struttura enfatizzano la leggerezza dell’estate e possono arrivare ad effetti optical. E ritornano le righe. Le fantasie rigate tradizionali sono riviste in una duplice identità: più sobrie e dai colori smorzati su base chambray, anche fiammato, oppure nitide e definite su base Piumino. Il Lino è uno dei protagonisti della collezione estiva, soprattutto nella versione délavé declinata nei colori più sofisticati che si ispirano alle spezie, alla terra, all’India. Le fantasie vanno degli uniti fino al Madras – con un richiamo ai dobby e al gusto drapperia – con prevalenza di check sfumati, miscelati, in cui i colori sembrano quasi impastati tra loro. Il Sahara – il tessuto di Cotonificio Albini ottenuto dal miglior lino europeo di Normandia tinto in filo dall’aspetto brillante – acquista sempre più forza grazie all’utilizzo dei colori più intensi come l’arancione, il turchese, il giallo, il fragola, il rosso. L’anima innovativa del brand si conferma con l’inserimento di nuovi tessuti realizzati con filati in lino e shantung o in crêpe di lino e con bellissime stampe su base lino. Si conferma il successo di ECOtone, il tessuto doppio ritorto realizzato interamente con cotone organico di altissima qualità presentato alla scorsa edizione di Milano Unica. La materia prima impiegata per tessere ECOtone proviene esclusivamente da campi di cotone biologici, nei quali il cotone viene coltivato senza utilizzo di pesticidi, insetticidi, fertilizzanti chimici e OGM. ECOtwill, ECOzephir, ed ECOpopeline sono solo alcuni dei bellissimi tessuti in cotone organico che fanno parte della piccola collezioneECOtone, realizzati nella versione tinta unita e fantasia. La stampa è improntata sulla continua ricerca del nuovo. L’importante investimento di Albini Group nei cilindri per la stampa tradizionale testimonia il continuo interesse dell’azienda nella ricerca e nell’innovazione, per garantire una qualità sempre eccellente e un’altissima definizione nella stampa dei tessuti. La collezione è composta da più di 400 diverse varianti, tutte disegnature esclusive che vanno dai microdisegni geometrici e floreali fino al tema coloniale, dalle fantasie sfuocate ai disegni paisley, fino alle stampe etniche degli indiani d’America, declinate sulle strutture e sui titoli più variegati, anche sul tinto filo. Novità tra le novità, il cotone pensato per il BeachwearCotonificio Albini presenta una nuova base in 100% cotone che possiede le caratteristiche di leggerezza e traspirabilità uniche del cotone ma che acquisisce – grazie ad uno speciale finissaggio – le stesse performance di asciugatura del nylon. Un tessuto quindi ideale per realizzare costumi da bagno anallergici e morbidi. Albini, Donna: la regola del cinque Cinque regole: freschezza, leggerezza, delicatezza, emotività cromatica ed emotività strutturale. Cinque materiali: 100% cotone, 100% lino, cotone e seta, cotone stretch, seta stretch. Cinque tipologie di prodotto: tinto filo, tinto pezza, strutture armaturate, stampe e dévoré. La ‘regola del cinque’ contraddistingue la collezione Albini, donna per la Primavera-Estate 2015: tessuti freschi e leggeri, sinonimo di eleganza e seduzione, creati grazie all’esperienza di Albini Group unita alla ricerca della femminilità più contemporanea. La gamma di 32 colori va dalle tinte pastello della camiceria più classica – neutro, azzurro e rosa  fino ad una gamma di colori vitaminici, per arrivare alletonalità etniche e agli scuri sobri e misteriosi. La stampa si conferma il punto forte della collezione donna e si rinnova attraverso freschi micro-motivi floreali e geometrici, puntando su inedite armonie di colore: verde acqua, bluette, camelia e arancio o nei raffinati toni d’azzurro e blu. Stampe sofisticate sviluppate e realizzate su diverse tipologie di materiali. La stampa a pigmento bianco su bianco o bianco su nero crea piccoli giochi ottici e sofisticate ombre dall’effetto simile a jaquard su base in cotone stretch; La stampa a corrosione sulla mussola stretch, leggerissima e impalpabile, presenta microfantasie declinate nei toni del blu, del bianco, del terracotta. La lavorazione dévoré su tessuti di cotone e nylon, in cui la corrosione crea disegni e ricercati giochi di trasparenze ottenendo effetti inaspettati. Non manca il madras bianco su bianco e la stampa microfiori su sofisticati seersucker. Tra le disegnature, risaltano i quadretti vichy monocromo su base in cotone stretch e il rigato bianco e blu su base in piquet. Colori e filati alternano brillantezze immateriali a opacità materiche, finezze aeree e superfici compatte, rese sempre più particolari nella resa cromatica e nel tatto – come nel lino vintage – e proposte per suggerire la creazione di una camiceria insolita. Thomas Mason, largo a righe e colori Questa stagione più che mai il colore identifica la collezione Primavera-Estate 2015 del brand inglese di tessuti, punto di riferimento dell’eleganza maschile fin dal XIX secolo e caratterizzato da un imprinting rigorosamente British, che si esprime nell’eccentricità delle fantasie e dei colori. I colori primari e intensi – giallo, verde, blu, rosso, rosa, fucsia – sono declinati sia negli uniti che nelle fantasie, soprattutto nelle righe, tipiche dell’heritage del brand, che diventano sempre più importanti, sia nella versione bicolore che multicolor. Non mancano i quadri, in una doppia versione: il tartan rivisitato e l’evoluzione contemporanea del gingham. Le basi storiche come Silver, Zephir 1818, Zephir 4489, Regent e Portland ritornano protagoniste, secondo la loro originale identità. Ancora una volta emerge la forte creatività di Thomas Mason, che conferma ed esalta la sua forte personalità British, tradizionale ed eccentrica allo stesso tempo. Una collezione per veri intenditori, che sanno anticipare le tendenze di un vestire formale che diventa d’avanguardia. David & John Anderson: il massimo della perfezione Il massimo della perfezione nel tessuto per camicie. Tecnologia al servizio della sartorialità. Il più famoso marchio di camiceria scozzese, acquisito da Albini Group nel 1992, èinterprete dell’haut de gamme di Albini Group. Tessuti realizzati con filati finissimi, ricavati dai cotoni e dai lini più pregiati al mondo. L’eccezionale know-how di David & John Anderson riesce a trasformare il filato di cotone più sottile in un tessuto morbido e setoso al tatto, studiando il giusto ritmo tra filo e telaio, modulandone la velocità per poter tessere i finissimi filati in Giza 45. Golden Jubilee in 330/4Millennium Star 330/3, Great Mogul 300/3, Cullinan 300/2 Sancy 240/3. I cinque diamanti più splendenti al mondo danno il nomea “The Diamonds” by David & John Anderson: la collezione di tessuti in cotone più preziosi mai realizzati. Completa la collezione una rinnovata gamma di tessuti bianchi, ideali per una camicia sartoriale e che al meglio esprimono la reale qualità di un tessuto. Tutto in cotone Giza 45, il cotone conosciuto anche come “The Queen of Cotton”, il più ricercato e prezioso Extra-Long Staple egiziano dalla fibra lunga e particolarmente resistente, che permette di realizzare filati di ineguagliabile finezza, sia nella versione 100% cotone che in cotone-lino.

“Versace Dejà Vu”, ospite lo stilista Michele Miglionico

March 7, 2014 Leave a comment

Locandina.1

MICHELE MIGLIONICO OSPITE AL “VERSACE DEJA’ VU” – BARI
In occasione  dell’evento “Versace Dejà Vu”  che va in scena al Palace Hotel di Bari lo stilista Michele Miglionico presenta un flash  delle sue creazioni di alta moda e dona in beneficenza un abito ispirato allo stile di Gianni Versace.
“Versace Dejà Vu” si tiene sabato 8 marzo 2014 alle ore 20.30 nel Palace Hotel nel cuore di Bari  l’evento nasce da un’idea di Daniela Mazzacane, giornalista di Tg Norba 24 e responsabile della rubrica di costume “Tg Prima”, con il patrocinio della Commissione Cultura del Comune di Bari.
La direzione artistica è affidata  alla regista Rosanna Amati mentre l’organizzazione è della designer di gioielli  Rosa Ladisa. Media partner dell’evento Telenorba eApulia Magazine.
La manifestazione riporta in passerella le creazioni dell’ icona della moda italiana nel mondo Gianni Versace. In esposizione al Palace Hotel di Bari alcuni dei pezzi più prestigiosi della collezione di Antonio Caravano, collezionista napoletano che ha raccolto in ogni parte del mondo 900 articoli dello stilista Gianni Versace, tra abiti e oggetti d’arredamento. Un’anteprima della collezione Caravano è esposta nei punti vendita baresi di Asselta (Via Argiro, 68) e Angarano Gioielli (Via Principe Amedeo, 309).
Ospiti a “Versace Dejà Vu” i designers dell’Alta Moda Italiana Michele Miglionico, Gianni Calignano e  Michele Gaudiomonte  che hanno creato per l’occasione un look  ispirato a Versace. Gli abiti ed accessori realizzati saranno donati in beneficenza a Telethon e alla ricerca scientifica per la cura delle malattie genetiche con la collaborazione della BNL
In tale occasione lo stilista Michele Miglionico presenta un flash degli abiti più significativi delle sue ultime creazioni di alta moda.
Ulteriore ospite della serata il giornalista e scrittore foggiano Tony Di Corcia, che presenta il suo volume “Gianni Versace. La biografia”. Un libro che ripercorre le tappe principali della vita di Gianni Versace e del suo percorso artistico svelando, attraverso la testimonianza degli amici più intimi e dei collaboratori più stretti, la personalità dello stilista e dal quale verrà tratta una fiction tv.
L’evento vede protagonista anche il corpo di ballo “Ars Nova” con le coreografie di Valentina Vitone e la supervisione e il balletto di Adolfo Marazita, direttore della Compagnia Stabile del Musical.
Indossatori d’eccezione per la linea uomo i pallanuotisti della Waterpolo Bari mentre le modelle sono della Carmen Martorana Eventi.

Natale 2013, quattro alberi di Natale tra i più lussuosi al mondo

December 6, 2013 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

La festività più aspettata dell’anno, il Natale 2013, è ormai in rapido avvicinamento e, con il passare dei giorni, crescono le proposte esclusive per illuminare le atmosfere in questo periodo.
Per questo, abbiamo deciso di deliziare i nostri lettori con una selezione di 4 alberi di Natale tra i più lussuosi al mondo; il più celebre è sicuramente quello montato all’interno del Rockfeller Center di New York, illuminato in cima da una stella in Swarovski, che ne esalta il fascino glamour. Si tratta di una decorazione con 25.000 cristalli e 1.000.000 di sfaccettature, in un corpo largo quasi tre metri e profondo mezzo.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Visions

Forbes, dieci dimore più costose al mondo

December 6, 2013 Leave a comment

casa-beckham

Oltre alla passione per le auto che abbiamo tirato più volte in ballo nei nostri articoli precedenti, i calciatori spendono le loro fortune economiche acquistando anche grandi dimore di lusso che sarebbero capaci di deliziare i più esigenti, facendo addirittura invidia a molte stelle dello spettacolo.
Detto questo, di seguito vedremo proprio la classifica dei 10 calciatori che hanno speso di più per acquistare le loro proprietà:

  1. David Beckham con 20 milioni di sterline;
  2. Rooney con 17.83 milioni;
  3. Drogba con 14.5 milioni;
  4. John Terry con 7.5 milioni;
  5. Lampard con 7 milioni;
  6. Cristiano Ronaldo con 6 milioni;
  7. Balotelli con 5 milioni;
  8. Messi con 5 milioni;
  9. Iniesta con 4.6 milioni;
  10. Kakà con 3 milioni.

Come potete vedere, si tratta di tutte stelle del calcio mondiale che, con il passare degli anni, hanno dimostrato più volte di essere dei veri e propri fenomeni, mettendo in mostra tutte le loro abilità calcistiche ed ottenendo spessi risultati di grande nota, come coppe e palloni d’oro.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Visions Tags:

Cristiano Ronaldo, calciatore più pagato al mondo

November 26, 2013 Leave a comment

cristiano-ronaldo777

Dopo avervi riportato nello scorso articolo la classifica dei calciatori più pagati al mondo, eccoci con un nuovo post che vede come protagonista il famosissimo Cristiano Ronaldo, che proprio un paio di mesi fa ha rinnovato il suo contratto con il Real Madrid.
Ronaldo, con il suo nuovo contratto firmato al Real Madrid, sorpassa David Beckham nella classifica dei calciatori più pagati al mondo con ben 17 milioni netti a stagione: l’accordo, stipulato in diretta TV, ha legato dunque il giocatore alla squadra del Real Madrid fino al 2018, facendolo guardagnare quasi il doppio senza contare diritti d’immagine e introiti pubblicitari, che per Cristiano sono da sempre una grande fonte di guadagno.
Il fuoriclasse portoghese sorpassa così anche in fatto di guadagni il suo più acerrimo nemico, Lionel Messi, con 1 milione in più e, considerando che la sqaudra sul suo contratto deve versare il 52% di tasse, lo stipendio del giocatore gli costerà ben 38 milioni di euro a stagione.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Visions Tags:

Casa Bianca, valore stimato edificio simbolo degli Stati Uniti d’America

November 26, 2013 Leave a comment

Casa-Bianca

Vi siete mai chiesti quale sarebbe il prezzo di vendita della Casa Bianca? Beh, ovviamente, il palazzo del potere statunitense non è di certo sul mercato, ma c’è da dire che molte volte ci si concede anche qualche reflessione sconnessa dalla realtà.
A farsi la stessa domanda, infatti, sono stati i ragazzi di Zilliow, uno dei siti immobiliari più gettonati del pianeta che, senza pensare ai personaggi che ci hanno abitato e quelli che sono stati ospitati, ovvero tra i personaggi più influenti del pianeta, hanno condotto uno studio per far venire a galla il vero valore della Casa Bianca.
Secondo gli analisti della società, che hanno studiato l’intera piantina del palazzo, compresi arredamenti e servizi, l’edificio simbolo dell’universo a “Stelle e Strisce” potrebbe essere piazzato sul mercato immobiliare alla stratosferica cifra di 319 milioni di dollari. I gestori di Zilliow, inoltre, ipotizzano che da una costruzione del genere ci si potrebbe ricavare un affitto mensile di 1,8 milioni di dollari, il che farebbe ricavare l’intero valore del palazzo in meno di 15 anni.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Visions Tags: