Home > Interviste > Intervista di Viviana Musumeci a Andreina Longhi

Intervista di Viviana Musumeci a Andreina Longhi

Andreina-Longhicover

Ritratto di Giovanni Gastel

“La prima volta che sono andata in Cina ero sola e mi trovavo in piazza Tiennamen. Non sapevo il cinese,  non conoscevo nessuno e non sapevo né cosa fare né dove andare. Fortunatamente una segretaria della Camera di Commercio cinese, in quel periodo, mi prese in simpatia e mi ha presentò ad alcune persone. Direi che tutto sia partito da lì. Dieci anni fa”. Così Andreina Longhi, fondatrice e ceo dell’agenzia di pr e comunicazione Attila&Co descrive il suo primo reale approccio con il mondo cinese. Un’esperienza che avrebbe traumatizzato chiunque, ma non lei che, forte di uno spirito nomade e di un carattere fortemente curioso, ha ribaltato la situazione a suo vantaggio, ampliando così le opportunità di lavoro della propria struttura, e diventando un trait d’union preziosissimo per molte aziende del lusso che chiedono la sua consulenza – ormai a largo raggio – per entrare in contatto con il mondo e la cultura del Dragone al fine di fare business.

V.M.: Quante volte all’anno vai in Cina?

A.L.: Non più come i primi anni. Da qualche tempo ho cambiato strategia. Se prima andavo spesso fermandomi poco, oggi vado meno sovente ma per periodi di tempo più lunghi. Di certo per chi decide di lavorare a stretto contatto con la Cina, è necessario trascorrere del tempo là, perché i miei partner hanno bisogno di vedermi. Quando manco da qualche tempo, sento la differenza.

V.M.: Hai aperto una sede di Attila anche là?

A.L.: No, ammetto di averci pensato ma per poco.  Il mercato cinese è estremamente complesso. Io che ormai ci vado regolarmente da anni della Cina non ho ancora capito nulla. Devi essere in loco, ma trovare anche i partner giusti. E non è facile. Può essere molto dispersivo sia per energie che per denaro. Per questo ho preferito trovare un partner con cui condividere la visione del lavoro. Si tratta di un’agenzia, la E&A di Sophie Jiang che ha sede a Taiwan.

V.M.: Che differenza c’è tra Hong Kong, Pechino e Shangai?

A.L.: Hong Kong è indubbiamente più social e pr oriented, ma ci sono meno giornali. Al contrario, Pechino e Shangai sono business oriented. I grandi giornali sono lì e anche i giornalisti si muovono più facilmente.

 V.M.: Se dovessi dare tre consigli a un imprenditore che decide di andare in Cina a fare business, che cosa gli diresti?

A.L.: Come prima cosa gli direi di non sottovalutare i cinesi. Il rapporto deve essere paritario, anche perché sanno di essere potenti e non accettano condizionamenti. Come secondo consiglio direi loro di non andare da soli, perché come dicevo prima, la Cina può essere molto dispersiva. Infine direi che sia necessario avere le idee chiare e sapere esattamente perché si va lì.

V.M.: E gli imprenditori italiani, come li vedi in questo momento?

A.L.: Molto confusi. Non sanno in che direzione andare. Molti sono pronti a vendere le proprie aziende. Basta fare un’offerta minimamente decente e alcuni di essi sono già pronti a cedere le armi. Noi, per quanto sia difficile, invece, continuiamo a investire. E’ l’unico modo per crescere e per reggere anche in situazioni avverse.

(Intervista a cura di Viviana Musumeci)

Fonte: VM-Mag

Advertisements
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: