Archive

Archive for April 19, 2012

Armani/Casa, collezione 2012 – 2013 dedicata all’età dell’oro

April 19, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

L’ETÀ DELL’ORO ARMANI/CASA COLLEZIONE 2012 – 2013 
Coerenza del percorso, ricerca di un‟armonia profonda tra il contenuto e la forma, senso del bello che esprime la forza della qualità. Il progetto, già decennale, di Armani/Casa racconta un‟evoluzione straordinaria di stile e colori, una rivoluzione delle soluzioni abitative e un concetto dell‟arredo che incorpora quello della decorazione, in un‟inedita fusione di minimal e di ricco décor. E proprio su questo segno caratterizzante e originale di progettazione rigorosa, unita alla ricchezza di materiali e finiture, si articola questa nuova collezione, dove dialogano due mondi in una sorta di viaggio immaginario, che da Venezia arriva fino all‟Oriente e al Giappone.
E‟ straordinariamente preziosa la collezione di tessili d‟arredo Armani/Casa Exclusive Textiles by Rubelli. Ricca per i filati, i disegni (notevole l‟immagine ripresa dall‟iconografia rinascimentale), le lavorazioni, le tecnologie di tessitura che danno risalto ai falsi uniti e ai pattern geometrici, le particolarissime texture come i microcannettati.
Questo stesso concetto di raro e pregiato si applica alla nuova libreria Freud, che può assolvere anche la funzione di divisorio. I montanti sono rivestiti di Marqueterie de Paille, un‟esclusiva tecnica francese impiegata negli anni ‟20 e ‟30 e progressivamente caduta in disuso per la difficoltà di realizzazione. Soltanto alcuni piccoli laboratori artigianali sono in grado ripetere questa lavorazione, appiattendo e lisciando pazientemente con un martellino ogni filo, tagliandolo poi singolarmente nella giusta lunghezza e applicandolo secondo il disegno stabilito, come piaceva anche a Jean Michel Frank. Per dare una speciale profondità ed eleganza ad alcuni pezzi della collezione, un particolare effetto tartaruga, realizzato artigianalmente da un decoratore, viene declinato su tavoli, tavolini e cassettiere. Di pregio anche la finitura canneté dorata realizzata mediante una sapiente tecnica a stucco che conferisce ai pezzi una texture tridimensionale, interessante al tatto.
Lavorazioni, studio delle rifiniture in caldo ottone satinato, venature e screziature lucenti, spruzzature dorate danno una luce morbida e inusuale ai singoli pezzi d‟arredo, accentuando così l‟effetto unique di mobili, che diventano pregiati elementi di design, da inserire nell‟arredamento con lo stesso criterio del collezionista e dell‟amatore di objet d‟art. „Gold on gold‟, le sette vetrine dell‟Armani/Casa affacciate su via Manzoni e via Pisoni offrono uno straordinario paesaggio domestico dove ogni mobile, dorato, risplende in un involucro d‟oro, creando un filo diretto tra l‟oggetto esposto e la sua presentazione.
Così, tra antichi saperi, al confine sempre più sottile tra l‟artista che si scopre artigiano e l‟artigiano che crea le sue collezioni limitate, l‟oggettistica sceglie la sapienza delle vetrerie di Murano, per piccoli vasi “graffiati”, acidati e molati a mano, per portaoggetti tipo svuota tasche e portamonete, per fermacarte, tutti siglati dalla firma Giorgio Armani per esteso.
Caratterizzano la serie gift oggetti curiosi e spiritosi: la cartucciera per matite colorate e acquerelli, gli attrezzi per il camino che riprendono il design funzionale di un‟appenderia per abiti, la magnifica scacchiera in oro e legno di rovere scuro, abbinata al tavolino Oreste. Il box che si apre e si trasforma in un tagliere, i cuscini decorativi in seta Tussar lavorati artigianalmente con la tecnica del tye and dye, in un‟incredibilmente precisa quadrettatura. Coperte di cashmere, mohair, filo di lana in diversi colori, compreso il verde pino che è il tono di stagione.

Categories: Domus Arredi Tags:

Kanye West e Giuseppe Zanotti, insieme per un sandalo extra lusso

April 19, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Sapevo che Kanye West non fosse più solo un rapper ma anche uno stilista, ma quando ho letto che ha da poco presentato un sandalo disegnato in collaborazione con Giuseppe Zanotti ho tremato; mi sarei aspettata una specie di stivaletto Caterpillar con gli strass e invece non solo si tratta di un sandalo da donna, ma parliamo anche di un modello lavorato piuttosto lussuoso:
Il fatto che questi sandali siano molto simili ai modelli Zanotti per Balmain la dice lunga su queste collaborazioni, dubito ci sia tutta la libertà d’azione che ci immaginiamo; la decorazione frontale e le fasce che risalgono la caviglia sono composte da micro perline bianche e avorio, accompagnate da file di perle più grandi. Se visti da vicino sono un capolavoro di artigianato nel complesso sembrano delle scarpe indossate con dei calzini di spugna tagliati alle caviglie: giuro che quando li ho scoperti mi sono fissata a guardare l’immagine, sicura si trattasse di listini in spugna. Si parla sempre di un rapper dopotutto! Non mi credete? Guardateli indossati e ditemi se non sembrano calzettoni sportivi tagliati:
Inizialmente si pensava che questi sandali non venissero realizzati, invece esistono davvero, e costano, bè, costano quasi $6000. Seimiladollari per un paio di sandali bellissimi che rischiano di sembrare calzini sportivi, forse se fossero stati colorati il risultato finale sarebbe stato più convincenti. A voi l’ardua sentenza.

Fonte: Shoeplay