Archive

Archive for April 6, 2012

Yacht-Master 2012, comfort e sportività da Rolex

April 6, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Dopo aver già parlato pochi giorni fa delle nuove opere di alta orologeria presentate all’evento Baselworld 2012 da casa Rolex, eccone un’altra che di sicuro batte tutte le altre in fatto di comfort e sportività.
Il Yacht-Master, presentato per la prima volta da casa Rolex nel 1992, è da sempre concepito per un uso sportivo, a differenza del Yacht-Master II presentato l’anno scorso, che non possiede alcune funzioni come il conto alla rovescia, indispensabile durante le regate veliche.
Questo nuovo Yacht-Master si presenta dunque con aggiornamenti sia sul movimento che sul lato estetico, garantendo sempre un’estrema precisione ed un ottimo compromesso tra comfort e sportività, come prima accennato.
Per ciò che concerne gli aggiornamenti, si parte soprattutto da una nuova concezione della rotazione bidirezionale della ghiera: ora, infatti, si basa su una ruota dentellata a 120 posizioni ed una molla triangolare, che offrono una coppia di rotazione costante su entrambi i sensi rotatori. La ghiera è interamente in platino 950, con numeri e gradazioni lucide in rilievo su uno sfondo sabbiato.
Il nuovo quadrante è inoltre ispirato ai colori del mare, con indici e lancette cromate, rivestite peraltro da materiale luminescente per un’ottima lettura anche al buio e nelle condizioni di scarsa luminosità. L’orologio è dotato del movimento calibro 3135 a carica automatico.
La cassa Oyster dal diametro di 40 mm, infine, è ricavata da un unico blocco di acciaio 904L.
Il prezzo di listino del nuovo Rolex Yacht-Master 2012 è di 9.195 euro. Per altre informazioni basta visitare il sito rolex.com

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Man Tags:

Lamborghini Gallardo LP560-4, personalizzazione di lusso da DMC

April 6, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Dopo aver parlato qualche giorno fa della Audi R8 PPI Razor dello sciatore e freestyler Jon Olsson, eccoci parlare di un’altra opera automobilistica presente nella sua prestigiosa collezione di auto sportive. Questa personalizzazione della Lamborghini Gallardo LP560-4, risale però a qualche anno fa, quando l’atleta decise di affidare la sua “auto provvisoria” allo studio DMC, chiedendo una personalizzazione originale e soprattutto che potesse essere utile per le sue trasferte. Sul tetto di questa Gallardo, infatti, come si può intuire anche dal titolo, c’è uno speciale ski box omologato per viaggiare fino alla velocità di 250 km/h; cio che distingue l’esemplare dagli altri, però, è la sua verniciatura, caratterizzata da speciali aerografie pseudo-militari, in grado di renderla alquanto esclusiva. Nessuna modifica per ciò che concerne la propulsione e la meccanica.

Fonte: GoLook.it

Categories: Veiculi Tags: ,

Baselworld 2012, edizione eccezionale per la manifesatzione degli orologi di lusso

April 6, 2012 Leave a comment

Baselworld 2012 ha chiuso i battenti dopo otto giorni di grande successo. La principale manifestazione mondiale dedicata agli orlogi di lusso ha visto un incremento delle visite rispetto alla passata manifestazione, totalizzando ben 104.300 visitatori provenienti da tutti i continenti,.
Grande l’entusiasmo tra gli espositori e i media (ben 3320 i giornalisti accreditati).
Affari eccezionali sono annunciati da Patek Philippe: “Baselworld ci offre il privilegio di incontrare i nostri partner. Durante tutto il salone abbiamo percepito un’atmosfera estremamente positiva da parte dei nostri clienti. Siamo lieti fin d’ora di ritornare il prossimo anno” – ha affermato Jasmina Steele, International Communication Director di Patek Philippe.
Karl-Friedrich Scheufele, Co-Presidente di Chopard, sottolinea l’importanza globale di questo evento: “Quest’anno tutti i nostri mercati nel mondo sono stati ben rappresentati. Inoltre la presenza dei media è stata da record.”
Françoise Bezzola, Vice President Communication di TAG Heuer, sostiene: ” Baselworld 2012 è stata per noi l’occasione di presentare Cameron Diaz quale nuova testimonial del marchio. Abbiamo avuto l’opportunità di incontrare moltissimi rivenditori e di registrare un incremento del 30% rispetto allo scorso anno. Questo salone è un evento indispensabile per tutti gli attori del mondo dell’orologeria. Per il 2013 ingrandiremo il nostro stand: questo ci consentirà di presentare le nostre novità in modo ancora migliore.”
Hublot ha invece sfruttato la vetrina di Baselworld 2012 per presentare il suo orologio più prezioso. La maison ha scelto il Salone Mondiale dell’alta orologeria e gioielleria per presentare la sua creazione da cinque milioni di dollari. Un tripudio di diamanti e oro bianco per quello che lo stesso presidente della maison svizzera Jean-Claude Biver ha definito come “l’orologio più costoso al mondo“.
Baselworld si conferma com L’Appuntamento con la A maiuscola per il business degli orologi e degli orologi di lusso in particolare.

Fonte: BlogModa

Categories: Lux-News Tags:

Cesare Paciotti, nuove creazioni arancio e fuxia per la primavera estate 2012

This slideshow requires JavaScript.

Qualche anno fa nessuno avrebbe indossato abiti o accessori in un ipervitaminico bicolor fuxia e arancio, ma poi arrivò Dior con un abito che ha visto il suo picco di gloria quando ha vestito le curve sexy di  Eva Mendes nel 2008, e la storia della moda ha cambiato direzione. Nel 2012 questo binomio cromatico è tornato in auge soprattutto sugli accessori, sui nostri amatissimi sandali nello specifico, vi ho già mostrato una proposta di René Caovilla, quindi oggi voglio concentrarmi su un altro grande del Made In Italy, Cesare Paciotti. Le scarpe più particolari della sua collezione P/E 2012 sono proprio i modelli arancio e fuxia, si passa dalle decolletè borchiate che abbiamo già ammirato ai piedi di Federica Panicuccia sandali splendidi che scoprono il piede incorniciandolo in pochi listini: Questo binomio mi piace molto, è fresco, giovane e fa subito estate, come queste scarpe, una più bella dell’altra; se dovessi sceglierne una scarterei subito la decolletè, graziosa ma pur sempre chiusa. Molto strong il sandalo tipo gladiator, trovo però troppo alta la fascia anteriore, appesantisce anche il gioco di listini che altrimenti sarebbe stato splendido: vince quindi il modello più semplice, il sandalo basic, un classico in casa Paciotti, pulito, nudo e coloratissimo, cosa chiedere di più?

Fonte: Shoeplay

Categories: Life-Woman Tags:

The Little Black Jacket: Chanel’s Classic Revisited by Karl Lagerfeld and Carine Roitfeld, omaggio alle giacche di Gabrielle Coco Chanel

April 6, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

The Little Black Jacket: Chanel’s Classic Revisited by Karl Lagerfeld and Carine Roitfeld è un omaggio ad uno dei capi più iconici della maison fondata da Gabrielle Coco Chanel. A raccontarlo, oltre cento scatti di Lagerfeld  a diverse celebrità che indossano ed interpretano la mitica giacca, selezionate in collaborazione con la Roitfeld, ex direttore di Vogue Paris. Ogni scatto presente nel libro fotografico disegna luci e ombre di un mondo che si manifesta magicamente in una donna diversa, in una allure diversa, in una coscienza diversa. In preghiera tra sacro e profano, tra fede e peccato. Non delineare nulla di definitivo ma credere nell’evoluzione: dietro ciascuna fotografia sembra celarsi un messaggio nascosto ben definito. Ogni dettaglio è studiato nei minimi dettagli e Lagerfeld non teme di ricorrere al maquillage importante per estrinsecare l’idea che a ciascuna donna é concesso il privilegio di giocare con la propria immagine quotidianamente.
L’uscita del libro, in vendita dall’autunno 2012 ed edito da Gottingen, accompagnerà l’apertura di una mostra dedicata alla giacca dal 24 Marzo fino al 15 Aprile 2012 a Tokyo.

Miami, villa di lusso di Rosi O’ Donnell

April 6, 2012 Leave a comment

La celebre attrice e conduttrice televisiva statunitense Rosi O’ Donnell, ha deciso di mettere in vendita la sua mega villa di lusso a Miami per trasferirsi definitivamente nella sua dimora di New York. Questa lussuosa struttura vanta di una superficie interna di oltre 1.000 metri quadri, distesa su 1,11 acri di terreno; all’interno sono presenti 6 camere da letto, 5 bagni, una master suite con ufficio privato ed una grande cucina superaccessoriata con vari camini. A completare la dotazione di lusso ci pensa l’ambiente esterno, con una grande piscina con dock privato per l’accesso all’acqua. La grande villa fu acquista da O’ Donnell nel 1999 ad un prezzo di 6,75 milioni di dollari; ad oggi, è in vendita al prezzo di 20 milioni di dollari.

Fonte: GoLook.it

Categories: Domus Lusso Tags: ,

The Golden Speckled Egg, uovo di Pasqua più costoso del mondo da William Curley

April 6, 2012 Leave a comment

Prende il nome di The Golden Speckled Egg ed è considerato come l’uovo di Pasqua senza gioielli più costoso del mondo.
Quest’uovo, creato da William Curley, maître chocolatier tra i più illustri al mondo, ha appena stabilito il primato con la sua vendita in un’asta a Londra, organizzata in occasione della caccia all’uovo di Fabergè, per il prezzo di 7 mila sterline (circa 8.500 euro): il fortunato acquirente è stato Cyrus Vandrevala, noto investitore nel campo della tecnologia che quest’anno porterà sulla sua tavola un uovo da record.
Oltre ad essere di grandi dimensioni, l’uovo è stato fatto con i migliori ingredienti esistenti sul mercati, molti giunti anche dal nostro paese.
I giudici del Guinness World Record hanno quindi consegnato nelle mani del cioccolatiere la tanto contesa palma, così da attestare il primato stabilito.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Specialities Tags:

Project Glass, occhiali a realtà aumentata da Google

April 6, 2012 Leave a comment

Se ne sentiva rumoreggiare già da tempo e ieri su questa pagina di Google Plus è stato annunciato il testing ufficiali di Project Glass, quelli che saranno i primi veri e propri occhiali per la realtà aumentata. Come mostra alquanto esplicitamente il video dimostrativo (quanto fedele alla realtà, tutto da scoprire) che potete vedere qui sotto, questo device consentirà, tramite una costante connessione con la rete (e coi servizi Google, ovviamente) di usufruire di usa serie di informazioni senza più la necessità di utilizzare un computer o uno smartphone passando da una applicazione all’altra e avendo sempre una o entrambe le mani impegnate, ma il tutto verrà proiettato direttamente davanti i nostri occhi, sovrapposto alla realtà che ci circonda.
Sembra che l’interazione avverrà sostanzialmente in maniera vocale, ma non è chiaro se o come le mani avranno ruolo. A mio avviso non è da escludere un sistema di riconoscimento gestuale, alla Kinect se vogliamo, dove muovendo le mani davanti agli occhiali e quindi sulle icone, la camera di cui questi sono dotati sarà in grado di riconoscerne le azioni e dare luogo a una interattività gestuale.
Altra cosa da capire è come effettivamente verranno visualizzate le varie informazioni e con che criterio o costanza o con quali opzioni, perché così come mostra il video non è chiaro. Ma questo è normale, in quanto il video non è (ancora) la presentazione del prodotto finito ma solo un concept del progetto in corso. C’è quindi da aspettare per capire come saranno effettivamente sovrapposte, e con quale selezione possibile, tutte le informazioni virtuali sulla realtà osservata, onde evitare che queste ci impediscano di muoverci agilmente nel mondo reale e portando poco vantaggio effettivo all’utilizzo di uno smartphone. Insomma, come ben sappiamo, la realtà virtuale che ci circonda è decisamente più grande di quella reale, basti pensare a quante applicazioni diverse possiamo utilizzare su uno smartphone, nel medesimo luogo, ottenendo informazioni e dati differenti. Di certo sarebbe impossibile muoversi visualizzando tutte queste informazioni, almeno fino a quando non inventeranno una sorta di neuro-ram cerebrale per espandere le nostre capacità di “calcolo”..!
Non posso non proporvi il video qui sotto, The Evolution Of Google, un video di ricerca universitario che avevo realizzato durante un workshop di tre giorni tenuto con il professor Derrick De Kerckhove dove lo scopo era di ipotizzare possibili scenari del futuro visto come relazione fra uomo e tecnologia. Avevo scritto la storyline del video pensata come un futuro ipotetico dove Google avesse un ruolo fondamentale nella relazione uomo-tecnologia, una descrizione di una serie di step nel cammino che, ci piaccia o no, gli esseri umani stanno compiendo insieme alle tecnologie che loro stessi creano. Al minuto 4’25″ immaginavo proprio un paio di occhiali di realtà aumentata. Gli step prima si sono già avverati (basti pensare a KLIK, fra gli altri), quelli che vengono poi invece mi piacerebbe sapere cosa ne pensate. L’unica cosa che posso dire è che i tempi che avevo ipotizzato sono decisamente lunghi, gli occhiali li avevo datati soltanto nel 2016!
Per concludere, sfogliando le varie news su Project Glass disponibili in rete da qualche parte ho letto questa domanda: “Ma sono davvero utili?“. Io, da entusiasta tecnologico quale che sono, posso solo rispondere che tale domanda la si potrebbe porre fin dal primo momento in cui l’essere umano ha deciso di scendere dagli alberi per intraprendere il proprio cammino evolutivo. E tutto ciò che ne è venuto poi (dalla ruota allo smartphone). Era davvero necessario? Beh, per quanto mi riguarda, sì.

Fonte: Noisymag

Categories: Tech-News Tags:

Parrot ‘AR.Drone 2.0’, sensazioni in alta definizione

April 6, 2012 Leave a comment

 
Parrot ‘AR.Drone 2.0’: Sensazioni in alta definizione!
Al CES 2012 di Las Vegas, Parrot, leader mondiale nelle periferiche wireless per la telefonia mobile, svela AR.Drone 2.0, la nuova generazione del suo famoso quadricottero high-tech che può essere pilotato via Wi-Fi con smartphone o tablet1
1 L’elenco degli smartphone e tablet touchscreen compatibili è disponibile su http://www.parrot.com
Videocamera HD, registrazioni video, condivisione dei dati di volo, nuova modalità di pilotaggio, maggiore stabilità, e nuovo look! 
AR.Drone 2.0 offre sensazioni davvero uniche! 
Una videocamera HD in volo
Quando è in volo, la videocamera anteriore di Parrot AR.Drone 2.0 trasmette live sullo schermo del device del pilota quello che il quadricottero vede.
Per la prima volta, con una risoluzione di 1280×720, mostra una panoramica dal cielo in High Definition, con immagini nitide e incredibili.
Il pilota vive un’esperienza emozionante senza precedenti, come se fosse a bordo. Per finalità di gioco, la videocamera riconosce forme e colori specifici per mostrare gli elementi in realtà aumentata sullo schermo dello smartphone.
Registrare e condividere esperienze di volo
Grazie alla nuova applicazione di pilotaggio AR.FreeFlight 2.0, i giocatori possono registrare i propri video HD, vederli o condividerli con l’AR.Drone community.
Inoltre, con la funzionalità “travelling”, il pilota può realizzare video sequenze in HD come un vero professionista! Basta semplicemente selezionare la direzione di viaggio (forward, back, sideways) e la durata, e AR.Drone 2.0 fa il resto.
AR.FreeFlight 2.0, una nuova piattaforma di pilotaggio e condivisione
Oltre a permettere a AR.Drone di volare, la nuova applicazione AR.FreeFlight 2.0 – disponibile per il download gratuito da AppStoreSM e AndroidTM Market – offre ai giocatori una nuova interfaccia e molte opzioni.
 FreeFlight: Accesso alla nuova applicazione di pilotaggio. Il giocatore può registrare voli, realizzare video o foto HD, e salvarli nel proprio device di pilotaggio. Tutti i dati di volo (altitudine, velocità, durata e luogo) possono essere salvati, controllati dal pilota, e condivisi con la community.
 Guest Space: Accesso a una panoramica di AR.Drone 2.0, ai migliori video di volo, e ad informazioni pratiche.
 Drone Update: Accesso agli aggiornamenti gratuiti di AR.Drone 2.0.
 AR.Drone Academy: Visualizzazione dei dati geolocalizzati sulle migliori aree di volo, dei video di altri piloti, e accesso ai loro dati di volo.
 AR.Games: Accesso a applicazioni/giochi disponibili per AR.Drone.
 Photos/Videos: Accesso diretto ai propri video e foto con la possibilità di vederli o caricarli su YouTube per far divertire la community.
‘Absolute Flight’, una modalità di volo rivoluzionaria ultra-intuitiva
Dopo l’upload dell’applicazione di pilotaggio AR.FreeFlight 2.0 su smartphone o tablet iOS o AndroidTM, Parrot AR.Drone 2.0 si connette al device via Wi-Fi. Una volta completato, tutti gli strumenti di bordo appaiono sullo schermo, che diviene una cabina di pilotaggio.
Premendo leggermente il bottone di decollo i quattro motori brushless si accendono. AR.Drone 2.0 decolla.
Volare è davvero semplice. Con i pollici posati su entrambi i lati dello schermo, un bottone di controllo automaticamente apparirà al di sotto di essi:
 Tenendo premuto il bottone sinistro, AR.Drone 2.0 segue il movimento del device del pilota: il quadricottero si muove avanti, indietro e lateralmente nel momento in cui si inclina il tablet in avanti, verso se stessi, o a sinistra o a destra.
 Sfiorando il bottone di destra con il dito, il quadricottero sale, scende, o ruota a destra o sinistra.
Grazie alla nuova modalità ‘Absolute Control’ brevettata da Parrot, il pilota accede ad un sistema di pilotaggio ancora più intuitivo.
Grazie ad un magnetometro 3D, AR.Drone 2.0 riconosce perfettamente il proprio orientamento rispetto allo smartphone, che diviene il punto di riferimento. Il pilota non deve più preoccuparsi dell’orientamento della videocamera frontale di AR.Drone 2.0, che traccerà accuratamente movimenti e inclinazioni dello smartphone.
I giocatori esperti potranno selezionare la modalità ‘Relative Flight’, il modo convenzionale di volo. Ciò disabilita il magnetometro di Parrot AR.Drone 2.0. Il pilota può così gestire l’orientamento del quadricottero, senza alcuna assistenza.
Stabilità sorprendente ad ogni altitudine
Il cuore di AR.Drone 2.0 contiene MEMS (Micro-Electro-Mechanical Systems). Un accelerometro a 3-assi, un giroscopio a 3-assi, un magnetometro a 3-assi, e un sensore di pressione offrono a Parrot AR.Drone 2.0 una stabilità sorprendente:
 2 sensori a ultrasuoni analizzano l’altitudine del volo fino a 6 metri. Novità! Un sensore di pressione completa il device, e offre un’elevata stabilità verticale.
 4 pale, specificatamente progettate per AR.Drone 2.0, rendono possibili voli particolarmente fluidi.
 Una seconda camera, posizionata sotto il quadricottero e connessa all’unità inerziale centrale, misura la velocità del velivolo utilizzando un sistema comparitivo per immagine.
2 cover di protezione per entrambi i tipi di volo
Parrot AR.Drone 2.0 è dotato di 2 cover di protezione con profili specificatamente progettati. Realizzate in EPP (materiale utilizzato nella progettazione dei paraurti per auto), sono leggere, molto resistenti, e proteggono le parti del quadricottero.
Per i voli outdoor, la cover di protezione profilata, disponibile in 3 colori (arancione/giallo; arancione/verde; arancione/blue), riduce la resistenza del vento e facilita maneggevolezza e stabilità di AR.Drone 2.0.
Se utilizzato indoor, una seconda cover protegge le pale da ogni impatto. La cabina di pilotaggio bianca e nera, sottolineata da strisce rosse, dona al quadricottero un aspetto misterioso ed elettrizzante. Infine, i diodi elettroluminescenti (verdi davanti, rossi sul retro), posizionati sul carrello di atterraggio, aiutano il pilota a monitorare l’orientamento nello spazio di AR.Drone 2.0 per un volo più facile.
Una piattaforma di sviluppo Open
Al fine di ampliare l’utilizzo di Parrot AR.Drone 2.0 e la sua compatibilità con altri sistemi operativi, e di sviluppare nuovi giochi ed applicazioni di volo, Parrot offre kit di sviluppo software agli sviluppatori e ai membri delle community Apple® e AndroidTM.
Registrandosi all’indirizzo https://projects.ardrone.org e accettando i termini di licenza, gli sviluppatori possono accedere al codice sorgente usato per far volare AR.Drone 2.0. Sono inoltre disponibili un wiki e un tutorial. Un forum offre uno spazio di discussione sui propri lavori e permette la condivisione dei feed-back con gli ingegneri Parrot.
Parrot AR.Drone 2.0 utilizza una batteria al litio ricaricabile in dotazione. 
Disponibile nel 2012 – Prezzo non disponibile

Categories: High Tech Tags:

Flower Power, capsule collection coloratissima da El Vaquero

April 6, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Lo storico marchio El Vaquero, che dagli anni ’80 è famoso in tutto il mondo per lo stile trasgressivo e elegante, presenta in anteprima la collezione flower-power: modelli inconfondibili, eleganti e sofisticati, trasgressivi e all’avanguardia!
Valerio Giuntoli supera tutte le aspettative e ancora una volta anticipa le tendenze proponendo una capsule-collection coloratissima, originale nell’accostamento dei pellami e nella proporzione dei volumi!

Fonte: BlogModa

Categories: Life-Woman Tags: