Archive

Archive for May 3, 2012

Xoro Xolio, olio più prezioso al mondo con cristalli Swarovski

Xoro Xolio è stato appena lanciato sul mercato dalla giovane imprenditrice abruzzese Angelica Bianco. Si tratta di un olio extravergine di oliva di altissima qualità, che contiene al suo interno pepite d’oro 23 carati.
A rendere il tutto ancora più prezioso però, ci pensa la sua produzione limitata di sole 1.000 bottiglie all’anno. Lo Xoro Xolio, considerato attualmente come l’olio più prezioso del mondo, fa parte della varietà Gentile di Chieti, data da una raccolta manuale e da una continua lavorazione a pietra in un frantoio locale con una resa del 12%.
Il colore di questo prezioso olio è verde con riflessi dorati, con un profumo davvero penetrante e con una bassissima acidità di 0,2.
Per un prodotto di questa qualità, non poteva di certo mancare una confezione altrettanto preziosa: troviamo infatti una bottiglia che riproduce la sinuosità del corpo femminile, impreziosita da 63 cristalli Swarovski che gli donano grande brillantezza. La bottiglia, da 0,2 litri, una volta terminata può essere usata come candelabbro.
Per altre informazioni e per l’acquisto, basta visitare il sito xoroxolio.com

Fonte: GoLook.it

Sotheby’s New York, incanto memorabile per il celebre dipinto “L’urlo” di Edvard Munch

Sotheby’s New York ha battuto l’incanto memorabile di un quadro famosissimo per una stima di circa $120 milioni. L’Urlo di Edvard Munch, il celebre dipinto attraverso cui l’artista rappresenta l’ansia dell’umanità nel mondo moderno, secondo le aspettative avrebbe dovuto raggiungere gli $80 milioni, ma invece ne ha totalizzati ben $119.922.500, superando l’ultimo record della categoria stabilito da Pablo Picasso con “Nude, Green Leaves, and Bust” venduto da Christie’s nel 2010 per $106,5 milioni.
L’acquirente é rimasto anonimo, ma probabilmente sarà presto svelato il nome del nuovo proprietario dell’opera unica copia esistente non esposta nei musei.

Marius Creati

Categories: Incanto Tags: , ,

Time Box, lussuosa custodia per orologi da Gucci

La prestigiosa maison Gucci, in collaborazione con l’azienda Scatola del Tempo, presenta la nuova Gucci Time Box, una lussuosa custodia per orologi pronta ad accogliere al suo interno le più prestigiose opere di alta orologeria.
Questo esclusivo astuccio, oltre a proteggere l’orologio dalla polvere e dal tempo, tramite un preciso meccanismo interno consente la ricarica automatica. Tra le sue funzioni, ci sono anche due LED per indicare lo stato di ricarica ed un invertitore di marcia, oltre ovviamente ad un “time selector” che permette di pianificare il tempo di carica in base alle caratteristiche dell’orologio.
Per ciò che concerne il rivestimento esterno della Gucci Time Box, sono disponibili diverse varianti: la prima in pelle Guccissima con sopra l’iconico monogramma della doppia G, la seconda in pelle di coccodrillo, nella tonalità cioccolato, ed infine una terza variante in pelle nera Lux Diamante, con chiusura metallica e dettagli in oro chiaro, così come le chiavi, caratterizzate dal logo G.
La nuova Gucci Time Box, è già in vendita in alcuni boutique selezionate del marchio ad un prezzo riservato, ed è mirata prettamente ad un pubblico di appassionati e intenditori di alta orologeria.

Fonte: GoLook.it

Nicholas Kirkwood, nuova boutique a New York

Il famoso stilista inglese Nicholas Kirkwood, dopo aver inaugurato l’apertura della boutique di Mayfair a Londra, apre il secondo flagship e sceglie il celeberrimo Meatpacking District di New York, presso la 807 di Washington Street, in una superficie di 140 metri quadrati interpretando nuovamente il concept dello spazio londinese adagiato su toni neutri del bianco, del grigio talpa attraverso cui mettere in risalto le sue creazioni luminose e molto particolari.

Categories: Boutiques Tags:

Marrakech, scandali e uomini

May 3, 2012 Leave a comment

A Marrakech, il summum, è il Royal Mansour, nel quartiere huppé dell’Hivernage, un palazzo più discreto del Mamounia e il solo, in fondo, che sa fare la differenza tra un milionario e un miliardario. Per il Capodanno 2011, Cécilia Ciganer-Albeniz e il suo nuovo marito, Richard Attias, sono scesi al Royal Mansour. La coppia è stata invitata da SAR Mohammed VI. Cecilia e Richard Attas non sono intimi del monarca, ma amici del Marocco. Sono stati ospitati, a carico del sovrano, nel riad d’onore, il più lussuoso dei cinquantre riad che compongono il Royal Mansour: quattro camere con vista sui magnifici giardini della proprietà, due piscine, una SPA, una palestra e un cinema privato. Il regalo reale: una notte nel riad d’onore è fatturata 34.000 euro. Una tariffa teorica. In realtà, dall’apertura del Royal Mansour nel 2012, i riad non sono mai stati affittati ma sistematicamente offerti. Il Riad d’onore è riservato agli amici di Mohammed VI e del Marocco. Bisogna prenderlo per quello che è: un presente reale, latestimonianza barocca del “bon plasir” di un sovrano. Il Royal Mnasour merita qualche approfondimento. Classificato nel 2011 come l’Hötel più straordinario del mondo, da Conde Nast Travel, la Bibbia dei viaggiatori fortunati, è in un certo modo il frutto di un regolamento di conti postumo. Tra un figlio e suo padre, tra due re, Mohammed VI e Hassan II. Quest’ultimo, come un sultano orientale, aveva fatto costruire a filo dei suoi trentotto anni di regno alcuni palazzi dai suoi architetti francesi feticci,Michel Pinseau e André Paccard, senza contare le residenze reali, le ville estive, le ville d’inverno nelle quali soggiornava al ritmo delle stagioni e del suo umore, trainando dietro di se un harem e armata di servitori.Mohammed VI si è staccato da questo patrimonio immobiliare. Il nuovo monarca ha voluto e vuole essere un costruttore come suo padre. Ha voluto i suoi personali palazzi e nello stesso tempo, a colpi di milioni di di dollari, trasformare in Hötels di lusso alcuni dei suoi beni ereditati dal padre. Il Royal Mansour è il primo plazzo griffato Mohammed VI.  Quanto è costata questa follia condannata a non essere mai con un bilancio positivo? Le cifre sono segreto di Stato. Il Royal Mansour quindi appartiene a Mohammed VI o, più precisamente, alla Siger, la holding dove è investito l’essenziale della sua fortuna, attraverso una via lattea di filiali. Puòessere, nella prospettiva di declinare il Royal Mansour come un marchio, che la Siger abbia depositato il nome in tutti i paesi dell’Europa, negli Stati Uniti e anche nell’Iran dei mullah. Ultima chicca: nell’autunno 2010, Jaques e Bernadette Chirac soggiornarono qualche giorno al Royal Mansour e, azzardo della Storia, il giorno in cui i Chirac lasciarono il loro padiglione di lusso avrebbero potuto incorociare Nicolas Sarkozy e Carla Bruni, che arrivavarono a Marrakech dietro invito di Mohammed VI. Il tempo di cambiare le lenzuola, una spolveratina i mobili di lusso e il novo Presidente e madame occuparono senza saperlo la camera del loro migliore avversario politico.  Dal 2005, i bassifondi di Marrakech ma anche  i riad, si ripiegano su se stessi, nascondendo le loro fattezze ai più; i palazzi stellati, i bar fashion, i night-club barocchi, i ristoranti chic, le residenze sonnachiose e le ville fortificate, con i loro vigiliantes, hanno soppiantato Bangok, per lungo tempo destinazione faro del turismo sessuale. Oggi, la capitale tailandese è meno attraente. Troppo lontana dall’Europa, troppo esposta agli tzunami. E troppo turbolenta dal punto di vista politico. A Marrakech la tranquilla, qualsivoglia sia il luogo di uscita, il sesso tariffato è onnipresente e i prezzi variano secondo le prestazioni. Tariffe per serate in ambienti alla moda nei quartieri chic: 200 euro. In totale, sono oltre 20.000 le ragazze che si prostituiscono. Età: dai 16 ai 30 anni. Offrono i loro servizi con l’esprit di guadagnare sino a 15.000 euro al mese, per le più brave. Furtive, si negozia partendo dai 10 euro nei giardini attorno al minareto della Koutubia. Tariffe identiche nei giardini del centro città e sulla Jemaa el Fna, ribattezzata il “souk dei froci” dai marocchini. Non si scrive sui siti dei tours-operators che la sulfurea Marrakech è la terza destinazione mondiale gay-friendly. Un ricco settantenne svizzero, anziano dandy omosessuale, racconta ai giornalisti di passaggio le follie storiche che ha vissuto durante gli anni a Marrakech. Come quella  della cena privata offerta da uno stilista parigino (defunto) in uno dei ristoranti più fashion della medina dove un adolescente nudo, portato su di un di un palanchino, venne offerto agli ospiti a guisa di dessert. “E’ stato come in un film di Pasolini”, ricorda il vecchio (aggiungo io depravato).  E aggiunge: “Ho degli amici, dei conoscenti che vivono qui e che sono delle celebrità francesi , molto conosciute, che incrocio durante le mie serate”.  Per le imprese del CAC 40invece, il Marocco è il paese della cuccagna, generoso e poco esigente.  Attenzione: a condizione di non gettare ombre sul Palazzo; i benefici sono solidi, gli aiuti generosi e le parti di mercato facili da conquistare. I gruppi d’oltralpe l’hanno compreso e quasi tutti quelli quotati  alla Borsa di Parigi si trovano solidamente inseriti e posizionati al top nel reame marocchino.  Alcuni hanno preso piede in Marocco per hazard, con fortuna, comeVivendi, la cui storia merita essere raccontata. Nel 200, il gruppo francese diretto da Jean-Marie Messier, l’anziano “maître du monde”, aveva acquisito il 35% dell’operatore di telefonia marocchina con una transazione fuori norma. Il 35% di Maroc Telecom per 2 miliardi di dollari: lo Stato marocchino fece un buon affare. Ottenne il 10% in più del valore stimato dagli analisti finanziari. Fatto salvo che il “buon affare”non eran solamente uno. Una piccola clausola recitava che “lo Stato, legalmente maggioritario, cedeva il controllo effettivo di Maroc Telecom al nuovo venuto”. Ufficialmente, Vivendi era un azionario minoritario; in pratica era il solo capo. La gestione quotidiana di Maroc Telecom  e della sua tesoreria  era nelle mani del gruppo francese. Perchè lo Stato aveva abdicato, senza comunicarlo, senza dire che il suo status di azionariato maggioritario non esisteva più? Per una storia  che parte da Rabat. La capitale era a corto di soldi, il budget di Stato in pericolo. La somma versata da Vivendi aveva il solo obiettivo di chiudere un grosso buco nelle finanze, di dare un pò di respiro ale casse rabatine. Confidenziale e destinato a restare nei cassetti, l’accordo venne rivelato quando le autorità borsistiche scoprirono che Vivendi Universal firmò  il contratto nel 2000. Datato 19 dicembre, alla vigilia della privatizzazione, un corriere della direzione finanziaria di Vivendi spiegò che la manovra permetteva di consolidare i risultati di Maroc Telecom, avendo cura di far entrare nei conti della casa madre la totalità dei benefici della filiale marocchina. Padrino di tutta l’operazione? André Zoulay, consigliere del re per gli affari economici. Malgrado la concorrenza,Maroc Telecom occupa ancora oggi una posizione egemonica con tariffe tra le più alte del continente africano e del mondo arabo.

Credits: Ali’ Amar/Jean-Pierre Tuquoi

Paolo Pautasso

Fonte: My Amazighen

Categories: Amazighen Tags: ,

Hublot, nuovo Classic Fusion Tourbillon Scheletrato

This slideshow requires JavaScript.

Citando ancora l’indimenticabile evento Baselworld 2012, ricordiamo con questo articolo la presentazione di un pezzo davvero notevole di alta orologeria da parte di casa Hublot, il nuovo Classic Fusion Tourbillon Scheletrato. Quest’orologio, nel design si ispira molto ai primi modelli della casa, presentandosi però con una cassa molto più sottile che lo rende adatto ad accogliere un meccanismo di grande valore e precisione. Si può dire, infatti, che fin dal lancio della linea Classic Fusion nel 2008, questa risulta essere la prima volta che un modello del genere monti un meccanismo Tourbillon. Il nuovo Hublot Classic Fusion Tourbillon Scheletrato è già disponibile in due varianti, entrambi prodotte in serie limitata di soli 99 esemplari. La prima con cassa in titanio e la seconda con cassa King Gold, entrambe con diametro da 45 mm. Il “King Gold”, per chi non lo sapesse, è una lega creata da Hublot composta per il 95% da oro 18 carati e per il 5% da platino. Il movimento di questo modello, come già accennato, è un movimento meccanico scheletrato di manifattura, a carica manuale con tourbillon. Di seguito, eccovi elencate tutte le caratteristiche tecniche del nuovo Hublot Classic Fusion Tourbillon Scheletrato:

  • Anno : 2012
  • Materiale cassa: Titanio o King Gold
  • Dimensione cassa : 45 mm.
  • Forma  cassa : Rotondo
  • Movimento : Alta Orologeria, Complicato, Movimento Manifattura, Movimento meccanico a carica manuale, Riserva di carica: 120 ore, 21.600 alternanze/ora.
  • Funzioni : Minuti, Ore, Secondi, Tourbillon
  • Bracciale cinturino : Gomma
  • Impermeabilità : 50 metri
  • Referenza : 505.NX.0170.LR

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Man Tags:

Holiday Inn Shanghai, piscina di lusso più spettacolare al mondo

This slideshow requires JavaScript.

Si trova nel complesso ricettivo Holiday Inn di Shangai ed è attualmente considerata come la piscina più spettacolare al mondo, oltre ad essere probabilmente una delle amenità più originali ed emozionanti del suo genere.
Per dare un’idea della sua unicità, basta dire che si trova sospesa ad un’altezza di 30 metri nell’aria, con un fondale trasparente che permette ai fortunati ospiti di nuotare guardando lo spettacolare balzo dei 24 piani sotto, visto che la piscina si trova al venticinquesimo piano dell’imponente struttura.
L’esperienza, dunque, si può dire che ha davvero dell’incredibile, e non si può negare che il lusso di questa piscina viene espresso non solo dalla sua forma e qualità, ma anche dalle emozioni forti che è in grado di regalare.
Per altre foto basta visitare il sito holidayinn.com

Fonte: GoLook.it

Categories: Domus Lusso Tags: ,

Ribelle, velocipedo di pregio dal gusto vintage di Italia Veloce

This slideshow requires JavaScript.

ITALIA VELOCE presenta RIBELLE
ITALIA VELOCE, Officina Italiana velocipedi di pregio. 
Stile, unicità e qualità nel muoversi in bicicletta
Gli spazi liberi della campagna, la ruvidità dei materiali che raccontano storie vissute. I particolari che si ispirano ad un mondo che va scomparendo. Ma che è nell’animo della storia della Provincia Italiana. Questa è l’anima del nuovo modello Italia Veloce Ribelle. Una bicicletta che ha tanto da raccontare nel suo telaio, lasciato arrugginire e poi “fermato” con procedimenti atti a mantenere un “effetto ossidazione”. Nei suoi dettagli, come lo spago che avvolge il manubrio. Le ruote che si rifanno alle bici di campagna degli anni 50 e 60. Le gomme marroni, di grande spessore, ammortizzavano meglio nelle strade ghiaiate e dissestate delle campagne, oggi ammortizzano le vibrazioni causate dalle strade dei nostri centri urbani.
Storia e tradizione in un telaio fatto a mano e sempre su misura, che riprende concetti stilistici del passato ma che si integra perfettamente con gli stili più particolari della moda stropicciata e “delavé” (lavata) dei giorni nostri. Una bici da vivere quindi, in modo “easy” senza più pensare a curarne un’estetica che è già esaltazione del vintage! Graffi? Raschi? Cadute accidentali? Italia Veloce ha già lasciato il segno! Ogni segno lasciato sul telaio della Ribelle, è appunto una storia in più da raccontare. Sempre nuova e sempre originale.
La filosofia
Italia Veloce si pone l’obiettivo di portare sul mercato una bicicletta dal grande valore artistico, stilistico e culturale, con la voglia di riscoprire il vero valore del “fatto a mano”. Ma non solo, Italia Veloce è un modo di poter riassaporare i valori del benessere individuale e della qualità della vita. Immersi in un mondo di valori della tradizione che sembrano superati ma che ora più che mai sono la vera grande ambizione di tutti. Una pedalata che significa tempo libero, giocare con i propri bimbi o gustare un piatto di pasta in un’assolata piazza in un sabato di primavera. Una pedalata che significa una vita ad “impatto zero” più attenta ai risvolti eco ma che strizza l’occhio allo stile e diventa “eco-chic” per eccellenza.
Le qualità alla base
Estetica rigorosa, le scelte cromatiche esclusive e non comuni. Ogni bicicletta è realizzata a mano totalmente in Italia, presso l’atelier di Piazzale Cervi, 12 in Parma, da sapienti artigiani, che tramandano “da padre a figlio” la grande tradizione di produzione ciclistica, ed estremamente curata in ogni dettaglio, diventa, oltre che un mezzo affidabile per gli spostamenti urbani, un oggetto di design di grande valore.
Il sito web http://www.italiaveloce.it permette, attraverso un configuratore, di creare la propria Italia Veloce, come fosse un vero e proprio abito su misura. I prezzi – che variano a seconda della componentistica scelta – vanno dalle 900 euro per il modello base, ai 3.900 per la bici super esclusiva. Ovviamente tutti i prezzi possono variare in funzione della personalizzazione della bici, fino a superare i 4500 euro.
Tutte le biciclette Italia Veloce sono numerate con targhette incise a mano sul prodotto, e fornite con un libretto che ne registra le caratteristiche. Esse sono poi riportabili direttamente dal cliente sul sito http://www.italiaveloce.it per entrare nel Registro Ufficiale che ad oggi presenta già oltre cento appassionati che potranno tracciare l’intera vita del proprio mezzo.
Contatti
info@italiaveloce.it
http://www.italiaveloce.it

Categories: Veiculi Tags:

Lacoste Nail Varnish, a colour explosion

Non vedete l’ora che arrivi la bella stagione per abbandonare il nero e vestirvi di un’esplosione di colori? Anche voi, come me, siete dell’idea che un’infradito faccia subito estate?
Allora preparatevi perché da questo mese, in tutti i monomarca e rivenditori Lacoste, arriva la promozione Lacoste Nail Varnish.
Per ogni paio di flip flop Lovina, in regalo uno smalto da abbinare alla ciabattina, per un look vivace e frizzante.
Lovina è una rivisitazione del modello René, storica flip flop di Lacoste, che presenta un plantare disegnato appositamente per garantire una comodità mai provata prima e reso speciale dall’iconico coccodrillino, simbolo di Lacoste.
Lovina è disponibile in sette colori di tendenza: bianco, rosa, nero, blu scuro, blu, viola e verde.
Il prezzo al pubblico è € 40,00.
Se non volete rinunciare ad essere cool anche in spiaggia, acquistate un paio di coloratissime Lovina, ma sbrigatevi: la promozione è fino ad esaurimento scorte!
Lovina is a reinterpretation of historic Lacoste model René, which has a specially designed footbed to ensure you an incredible comfort and the iconic Lacoste alligator.
Lovina is available in seven trendy colours: white, pink, black, dark blue, blue, purple and green.
Retail price is € 40.00.
Lovina is the flip flop to be cool also at the seaside.

Fonte: In Moda Veritas

Categories: Life-Woman Tags:

Liu Jo Luxury, Us. Polo Assn orologi ed Even Milano, novità al Salone del Gioiello Contemporaneo “Mondo Prezioso”

Al Salone del Gioiello Contemporaneo “Mondo Prezioso”, dal 4 al 7 maggio tutte le novità Liu Jo Luxury, Us. Polo Assn orologi ed Even Milano
L’appuntamento è di quelli da segnare sul calendario. Non capita certo tutto i giorni poter ammirare tutte insieme appassionatamente le più raffinate e luccicanti novità del pianeta jewellery. La tappa è d’obbligo, dunque, dal 4 al 7 maggio, al centro orafo Il Tarì di Marcianise (Caserta), che per l’occasione ospiterà ben 500 aziende, tra le più rappresentative e qualificate del mondo della creatività italiana legata al gioiello, pronte ad accogliere addetti ai lavori provenienti da ogni angolo dello Stivale e oltre.
Tra i protagonisti indiscussi di “Mondo Prezioso”, anche quest’anno, la Nardelli Luxury, azienda licenziataria dei brand Liu Jo Luxury ed Us Polo Assn. orologi, oltre che produttrice del nuovo brand Even Milano. Una giovane, ma già affermata realtà, nei cui stand (60-61-62-63 Padiglione Rubino), durante i quattro giorni del “Salone del Gioiello Contemporaneo”, sarà possibile visionare in anteprima assoluta la collezione Autunno-Inverno 2012 Liu Jo Luxury costellata di gioielli glam in argento, smalti, perle e cristalli e un’infinità di orologi coloratissimi e funzionali. E, naturalmente, non mancheranno sorprese relative agli altri due brand dell’azienda Us Polo Assn. orologi ed Even Milano, per le quali si preannunciano un mare di novità da tenere assolutamente d’occhio.
“Mondo Prezioso” – Salone del Gioiello Contemporaneo
Centro orafo “Il Tarì”
Zona Asi Sud – Marcianise (Caserta)