Home > High Tech > Surface, nuovo tablet di Microsoft

Surface, nuovo tablet di Microsoft

Surface-pro-600x375

Tablet, laptop, ultrabook. Il piccolo appena nato di casa Microsoft non è un semplice tablet ma qualcosa di più. Un paio di mesi fa è stato presentato a New York insieme al nuovo sistema operativo Windows 8 e sul web ci sono già un sacco di recensioni a riguardo. In questo articolo non voglio parlarvi di specifiche tecniche o di confronti tra questo ed altri dispositivi, ma voglio fare alcune riflessioni sulla svolta che potrebbero avere i dispositivi portatili a seguito del lancio di Surface.
Molto piú di un tablet
Surface uscirà sul mercato in due modelli: uno basato su chip ARM adatto a supportare Windows RT (una versione “light” di windows) e l’altro basato su un processore Intel Core i5 di terza generazione per supportare Windows 8 Pro (la versione più completa).
Nonostante la differenza fondamentale tra i due dispositivi sia data dal processore più potente della versione Pro, in entrambi abbiamo la possibilità di utilizzare un tablet come un vero e proprio personal computer: la presenza della porta usb, dell’uscita video e di una tastiera vera opzionale (oltre alla cover/custodia senza tasti fisici) abbinati ad un sistema operativo completo e identico a quello che può essere installato su un computer desktop o portatile o smartphone è la vera novità assoluta ed accoppiata vincente.
I punti di forza
Lo schermo
Surface ha uno schermo ad alta risoluzione (non alta quanto il retina display) basato sulla tecnologia ClearType che ha l’obiettivo di migliorare la leggibilità dei testi nei monitor. Secondo Microsoft, infatti, la risoluzione è solo un elemento del dettaglio percepito dall’occhio umano: il metro per misurare la nitidezza di un’immagine è la Modulation Transfer Function (MTF) e non il numero di pixel presenti nello schermo.
Un altro elemento determinante nel percepire la nitidezza dell’immagine è il contrasto che, quando è basso, fa diminuire la percezione dei dettagli. Il lavoro di ottimizzazione del contrasto sul display di Surface, insieme alla tecnologia di visualizzazione ClearType, secondo l’azienda di Redmond sono i due ingredienti necessari per massimizzare la risoluzione percepita dai nostri occhi.
Il sistema operativo
Surface è il primo tablet ad avere lo stesso sistema operativo di pc desktop, laptop e smartphone. Questo permette di utilizzarlo nello stesso modo in cui si utilizza un computer e quindi, ad esempio, è possibile scrivere su word, ridurre la finestra del programma portandola a metà schermo e nell’altra metà controllare la posta elettronica o un video o aprire una pagina internet. Tutti i programmi che si possono installare su un normale pc possono essere installati anche sulla versione con Windows 8 Pro (requisiti minimi permettendo :p)
Oltre a ciò il sistema può essere personalizzato con una vasta gamma di combinazioni grafiche ed altre opzioni a partire dalla disposizione delle live titles (i riquadri delle applicazioni animate), proseguendo con le preferenze di sistema (si può fare il login per mezzo del riconoscimento grafico invece che con una semplice password) per arrivare alla possibilità di installare un programma scaricato dal web o semplicemente dalla pennetta usb che vi si può inserire direttamente. Avere un sistema operativo unico su tutti i nostri dispositivi è, a mio parere, l’obiettivo fondamentale che dovrebbero raggiungere tutti gli altri produttori concorrenti.
La versatilità
Una delle cose che è sempre mancata ai tablet rispetto ai portatili è la tastiera: Surface ha risolto questo problema fornendo alla cover protettiva magnetica una doppia funzione e cioè disegnandoci una tastiera all’interno. Non è una tastiera fisica, ma ha il vantaggio di non occupare metà schermo come accade su tutti i tablet.
Chi non si accontentasse di questa, può comunque acquistare una vera tastiera da attaccare all’occorrenza al tablet. Oltre alla tastiera Surface è dotato di un comodo “cavalletto” che permette di appoggiarlo in posizione eretta su un tavolo, rendendo ancora più agevole la scrittura o la visualizzazione di contenuti multimediali.
Considerazioni
Penso che la scelta di Microsoft di arrivare così in ritardo sul mercato dei tablet, sia dovuta al fatto che ha voluto aspettare per guardarsi intorno, per vedere in che direzione stava andando il mercato per poi dare una scossa ai produttori, realizzando un prodotto che ha imparato tanto dagli errori commessi da altri. Microsoft, però, permettendo ai suoi partner di utilizzare il suo sistema operativo sui loro dispositivi, tra non molto potrebbe vedere Surface dover competere con tanti altri tablet ma, in ogni caso, la sua esistenza sarà servita a spingere tutti, concorrenti e non, ad innalzare la qualità dei loro prodotti.

Fonte: Tasc

Categories: High Tech Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: