Archive

Archive for January 30, 2013

Apple, imminente uscita del nuovo iPad Display Retina

January 30, 2013 Leave a comment

ipad-4

Con un comunicato ufficiale, il colosso di Cupertino dà il via al lancio del nuovo iPad 4, alias iPad con Display Retina da 128 GB, il quale è già disponibile negli Apple Store ma sarà in vendita a partire dal 5 febbraio, spiazzando gli utenti con un prezzo di listino a partire da 799 per la versione Wi-Fi.
Con il lancio di un nuovo iPad, Apple va totalmente a distruggere la filosofia commerciale di Steve Jobs, limitandosi a inseguire il mercato e non a reinventarlo, annunciando dunque ufficialmente la fine dell’era Jobs che molti già intuivano da mesi.
C’è da considerare, infatti, che l’iPad 3 è stato annunciato solo 6 mesi fa, insieme al nuovo iPad Mini, il quale non ha riscontrato il successo di vendite precedentemente previsto dagli analisti.
Il nuovo iPad 4 si presenta comunque con una scheda tecnica letteralmente identica all’iPad 3, con la sola differenza del nuovo processore A6X, che a differenza del ”vecchio” A5X va a raddoppiare la velocità delle operazioni senza però intoppare l’autonomia, che in questo caso resta a 10 ore.
Di seguito, comunque, per i più curiosi, ecco la scheda tecnica del nuovo iPad con Display Retina da 128 GB annunciata da Apple nel suo ultimo comunicato stampa:
Schermo Retina Display multitouch touchscreen risoluzione 2048×1536 pixel
Processore dual core Apple A6X con grafica quad core
Memoria da 16, 32 e 64GB
Fotocamera posteriore da 5 megapixel con videorecording HD
Videocamera frontale iSight
Wi-Fi
Connettività LTE
Batteria da 10 ore di autonomia, 9 in LTE
Non ci resta dunque che attendere il 5 febbraio per venire a conoscenza delle prime considerazioni reali su questo ”nuovo” e inaspettato dispositivo di casa Apple.

Fonte: GoLook-Technology.it

Advertisements
Categories: Tech-News Tags:

Altaroma, sfila la storia della moda

January 30, 2013 Leave a comment

alta-roma-2013Scrivo quest’articolo con una mano sola. Con l’altra preparo la valigia che dopo probabilmente dovrò darmi alla macchia.  L’argomento è la settimana della moda di Roma. Ops, scusate i 4 giorni. E’ che a me e alle mia amiche non hanno chiesto di sfilare con i nostri armadi, altrimenti riuscivano ad arrivare a 5.
Parenti stretti in fin di vita, stoffe ordinate che però non sono mai arrivate, d’altronde, le poste, si sa, attacchi di artrite fulminanti proprio mentre ci si apprestava a disegnare la collezione da presentare nella capitale. Gli esperti del settore sono già al lavoro per trovare scuse adeguate per il fugone dalla prossima edizione. Pochi i grandi nomi della moda che resistono e investono ancora sulla manifestazione. Quest’anno Gattinoni, che merita i punti fedeltà che nemmeno la signora Maria che va tutti i giorni alla Conad da 50 anni, Sarli, Curiel , Balestra hanno dato fiducia ad Altaroma e sono stati ricompensati da un pubblico entusiasta.
Un altro po’, però, e più che delle sfilate diventeranno i 4 giorni delle mostre della storia della moda. In pandance con i Fori Imperiali. L’anno prossimo una mostra verrà probabilmente dedicata anche alle foto delle mani degli stilisti nell’atto di disegnare un abito che poi vedremo sfilare. A Milano, ovviamente.
Che volete farci, fashion addicted mie, a Roma quando si tratta di cacio e pepe, dei caffè prima, durante e dopo le riunioni, del traffico del GRA, der colosseo&co. , di Totti che è uno di noi, non ci batte nessuno, ma sulla moda…
Le sfilate di Altaroma si tengono per la maggior parte nel suggestivo complesso di Santo Spirito in Sassia, nel centro di Roma, che nel linguaggio fashion è quel posto che si identifica con il claim “liberate quel tacco dal sampietrino”.
Una cosa bisogna riconoscerla, assistere a una sfilata nelle sale del Santo Spirito ha qualcosa di magico, sempre che tu finalmente riesca a sederti, perché file numerate, con i numeri in ordine crescente, ma non si sa né come né perché finisce sempre che a Peter Pan gli è scomparsa l’isola e a te il posto a sedere.
E poi finalmente arriva il momento in cui le luci si abbassano, sfilano via la pellicola dalla passerella, parte la musica, i riflettori si accendono e se chiudi gli occhi sembra quasi di stare a Bryant Park. Poi gli riapri, vedi sfilare gli abiti con il velo trasparente color carne in mezzo a un tripudio di chiffon e pietre e…. no. Stai a Roma. Decisamente. O sul set di Beautiful, ad assistere a una sfilata della Forrester Creations.
Passiamo adesso alle donne che le sfilate vanno a guardarle. Tanto ormai, visto che devo darmi alla macchia. A Roma c’è o il mood notte di San Silvestro quella di quando avevamo quindici anni, anche se è l’aperitivo infrasettimanale, o quello “arrivo vergine al matrimonio”. Poi però… alle sfilate che fai, non ti approcci con il fashion? E vai con l’improbabile di quelle che la moda è un vestito griffato comprato in un negozio esclusivo e poi crisi di nervi galoppante se sei di Roma Nord e hai le stesse scarpe di una di Roma Sud.  La moda è personalità.  E quella non si compra.
A proposito, ieri andando a una sfilata ho trovato un tacco incastrato in un sampietrino. Sembrava proprio quello di Altaroma. Speriamo riesca ad andare quanto prima da un calzolaio. Così si rialza.
Ok, fuggo. Non cercatemi a Lisbona. (Valeria Carola)

Fonte: VM-Mag

Categories: Lux-Visions Tags:

Càrrel, duplice anima per la collezione autunno inverno 2013 2014

January 30, 2013 Leave a comment

camicia-carrel-collezione-A_I-2013-14
La collezione autunno/inverno 2013 di Càrrel ha una duplice anima, una più classica e rigorosa e l’altra più informale e outdoor.
Quella classica è raffinata e sofistica, grazie a tessuti lisci come gli zephir 200/2, e diventa ancora più calda ed invernale con gli “armaturati” di Oxford e twill. Grande importanza è stata riservata alle stampe e ai disegni, che spaziano dai micro-quadri alle micro-righe fino ai falsi uniti, che regalano uno spirito moderno e contemporaneo alle camicie più classiche. Le nuances spaziano dal bianco al celeste, fino alle diverse tonalità dell’azzurro -dal pastello all’intenso-, restando comunque all’interno della palette cromatica fredda.
Quella più informale si affida al panorama montano e della campagna invernale. Una collezione che punta sugli effetti melange anche grazie ad una palette di flanelle proposte in tinta unita e fantasia. Questo effetto casual-outdoor si sposa con i toni freddi del blu e del grigio, con sfumature più calde nei toni del rosso, verde e arancione.
Come per il vino, Càrrel ha deciso di affidare tre diverse etichette all’intera proposta invernale: l’etichetta bianca per la parte più classica della collezione, la Excellent Soft Quality per la camicia più moderna e dal sapore contemporaneo, C gold distingue la parte più sartoriale della collezione, grazie ai dettagli tecnico/costruttivi più ricercati come il bottone in madreperla Australiana, le asole a goccia e i bottoni a giglio ed il giromanica impunturato. “Capo pensato, creato e cucito in Italia” è la frase ricamata nel pendente della camicia C gold con un sottile filo dorato che sottolinea l’impegno e la forza del Made in Italy.

Categories: Life-Man Tags:

OVS Industry, ballerine romantiche della linea Baby Angel

January 30, 2013 Leave a comment

ovs-1

Davvero una ballerina molto particolare la scarpetta della linea Baby Angel, realizzata in ecopelle in colore avorio con un doppio fiocco piatto dal gusto charming nel colore corallo visibile sulla tomaia e profili in contrasto color nero per accentuarne il carattere; un accessorio particolarmente vistoso, ma ideale per un occasione informale. Il prezzo è irrilevante, infatti solo 16,99 euro e sono disponibili presso i punti vendita OVS Industry.

Categories: Life-Woman Tags: