Home > High Tech, Tech-News > Lytro, fotocamera con sensore intelligente

Lytro, fotocamera con sensore intelligente

This slideshow requires JavaScript.

Prevista per l’uscita nei primi mesi del 2012 (in USA, in Europa ancora non si sa nulla), Lytro è una semplicissima macchina fotografica, ma diversa da tutte le altre. Mentre su ogni macchina fotografica normale è necessario mettere a fuoco un soggetto (e questo, che viene fatto automaticamente o manualmente richiede un tempo che varia da pochi millisecondi a qualche secondo) prima di scattare la foto, Lytro ha introdotto una nuova tecnologia che elimina il passaggio di messa a fuoco. Infatti Lytro è in grado di produrre una immagine chiamata “living picture” (foto vivente), ovvero un’immagine in cui è possibile scegliere quando si preferisce la parte della foto che si desidera mettere a fuoco. Quindi Lytro è anche più veloce a scattare le foto in quanto non richiede la messa a fuoco.
La tecnologia del sensore di Lytro (di cui parleremo nel paragrafo successivo) è stata sviluppata dopo oltre 10 anni di ricerca all’università di Stanford ed è destinata a rivoluzionare l’attuale formato RAW delle macchine fotografiche, quel formato che ci consente di modificare bilanciamento del bianco e altri parametri anche dopo aver scattato la foto. Chissà dunque se tra qualche anno potremo modificare anche la messa a fuoco con il formato RAW.
Come avrai notato dalle immagini anche a livello di design Lytro soddisfa pienamente, si tratta di un piccolo parallelepipedo che pesa poco più di 2 etti ed è dotato di un piccolo display per visualizzare le immagini e metterle a fuoco.
Funzionamento e specifiche tecniche
Lytro è una normalissima macchina fotografica, ha un’apertura focale f/2 e uno zoom ottico 8x. La vera novità di Lytro è il sensore, mentre i sensori tradizionali catturano un solo piano di luce, il sensore di Lytro è in grado di catturare l’intero spettro di luce, ogni singolo raggio di luce verrà dunque catturato e memorizzato da Lytro. Per questo nelle specifiche tecniche non troviamo più il numero di megapixel ma bensì i megarays. Lytro è in grado di catturare fino a 11 megarays. Il vero problema alla base degli studi di Lytro non è stato catturare un sensore in grado di fotografare l’intero spettro di luce, ma è stato elaborare gli 11 milioni di raggi di luce catturati. Per questo è stato inventato il Light Field Engine, ovvero il motore che elabora le living pictures. Questo “software”, contenuto in un chip all’interno di Lytro permette di visualizzare le living pictures e di focalizzare la parte da noi desiderata, questo motore dunque sarà contenuto anche in tutti i software e le applicazioni che leggeranno le living pictures.
Le living pictures peseranno circa 21 mb ciascuna, per questo Lytro arriverà sul mercato con due versioni, la versione rossa da 16gb (750 foto) e la versione blu o grigia da 8gb. Il prezzo non sarà molto eccessivo considerando che si tratta di una nuovissima tecnologia, 499$ per la versione da 16gb e 399$ per la versione da 8gb.

Alberto Ziveri

Fonte: Skimbu

Categories: High Tech, Tech-News Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: