Archive

Archive for January 24, 2012

Montblanc, orologio in oro e diamanti in onore di Grace Kelly

January 24, 2012 Leave a comment

La prestigiosa Montblanc, in occasione del San Valentino, ha presentato un orologio in edizione limitatissima che andrà a far parte della nuova collezione dedicata a Grace Kelly, la ”Princesse Grace De Monaco”.
Quest’orologio di lusso è realizzato in soli 8 esemplari, tutti decisamente incastonati da pietre preziose così da dargli le sembianze di un vero e proprio gioiello nel pieno stile della maison; l’orologio è caratterizzato dalla presenza di 76 diamanti, uno zaffiro rosa sul quadrante ed una cassa in oro rosso 18 carati con altri 177 diamanti sul retro, che vanno a circondare l’incisione “Princesse Grace de Monaco”. Il cinturino è in pelle di alligatore bianca.
Montblanc non ha ancora rivelato i dettagli tecnici sul movimento di questo pezzo da collezione, anche se il prezzo è già stato annunciato; ogni esemplare costerà ben 59.400 sterline.

Fonte: GoLook.it

Categories: Lux-Woman Tags: ,

Caraibi, vacanza di lusso della bella Kate Middleton

January 24, 2012 Leave a comment

Da quando il matrimonio con il principe William l’ha resa una dei personaggi più seguiti dai media inglesi, la bella Kate Middleton, insieme alla sua famiglia, è sempre al centro dell’attenzione.
E così il Daily Mail ha raccontato nei giorni scorsi la bellissima vacanza di lusso di una settimana passata da Kate e la sua famiglia sull’isola di Mustique, ai Caraibi.
Della notizia hanno fatto il giro del mondo i dettagli “della spesa”; la duchessa di Cambridge sembra che abbia sborsato ben 15 mila dollari per una settimana di vacanza.

Fonte: GoLook.it

Floating Life Charter&Broker, Marhaba 33 metri “fast commuter” dal cantiere Ocea

January 24, 2012 Leave a comment

Floating Life Charter&Broker: una nuova “central per il charter”
Il 33 metri “fast commuter” MARHABA by Ocea. Interni firmati dal grande stile
Floating Life Charter&Broker annuncia l’ingresso di una nuova barca in “central charter” – la quarta novità nell’arco di due mesi: Marhaba. Questo Ocea 108 fast commuter incarna ed interpreta perfettamente le tendenze attuali dell’andare per mare: lunghe crociere, andature rilassanti, grandi spazi a bordo ed un pizzico di tecnologia – al servizio dell’economicità di esercizio. Navigare da una parte all’altra del Mediterraneo nel segno della sicurezza e della tranquillità, per una vacanza perfetta.
Caratteristiche principali
Questo Commuter 108 nasce dall’esperienze del cantiere francese Ocea, che, fondato nel 1934, da sempre costruttore di unità militari, navi faro e pescherecci, il tutto sempre in alluminio. Per la realizzazione di Marhaba – il cantiere si è affidato alla matita dello studio Joubert/Nivelt, che vanta una grande esperienza nei progetti delle imbarcazioni a vela e che ha saputo trasferire i concetti di essenzialità e funzionalità al progetto. Il commuter 108 è un perfetto connubio di imbarcazione sicura e adatta ad affrontare condizioni di mare impegnativo per lunghe navigazioni. La costruzione in lega di alluminio permette un contenimento dei pesi, solo 125 tonnellate, che associato ad una carena con una lunghezza al galleggiamento massima (il dritto di prua è praticamente verticale) e una doppia motorizzazione di 450 cv per ciascun motore permette a Marhaba di percorrere oltre 4 mila miglia a dieci nodi, con un consumo di poco superiore a 22 mila litri di carburante. La velocità massima della barca è di 15 nodi, mentre quella di crociera è attorno ai 12, prestazioni che può mantenere 24 ore su 24 grazie a due CAT C18 depotenziati a 450 cv (tot 900 hp).
Gli Interni “firmati” da grandi stilisti e designer
Marhaba è un tre ponti (e mezzo) e permette quindi un ottimo sfruttamento dei volumi interni. Il grande salone open space caratterizza il ponte principale, con una prima parte arredata con un ampio divano e verso prua un tavolo da pranzo per otto. Il bianco e il blu caratterizzano questa parte della barca in contrasto con il mogano naturale del pagliolato. Tra il salone e la plancia di comando c’é una fantastica cucina professionale interamente in acciaio, dotata di porta in murata e di scala di accesso ai locali equipaggio sottostanti. L’accesso alla zona notte avviene attraverso la scala posta a fianco della plancia di comando. L’armatore-ospite dispone di una cabina a tutto baglio con letto matrimoniale centrale, angolo studio, salottino con divano e toilette. Marhaba è un gioiello di stile e qualità. L’eccellenza del “Made in Italy” emerge dalla scelta di materiali e tessuti che arrivano dalle collezioni di Rubelli e Loro Piana oltre ad arredi di Poltrona Frau, luci Nemo e Cassina.
Procedendo verso prua si trovano due cabine gemelle con letti singoli e un terzo letto sovrapposto a scomparsa. A prua una cabina ospiti vip sempre dotata di letti singoli; una scelta che conferma l’estrazione long range dell’imbarcazione. Anche i bagni sono molto funzionali, privi di marmi pesanti – improntati alla semplicità e all’eleganza. Tutto a bordo è lineare, con una particolare attenzione a non creare spigoli o impedimenti nel muoversi nei vari locali. La zona equipaggio prevede due cabine con servizi, lavanderia e una zona living. Ampia e ben attrezzata la sala macchine e verso poppa, un locale officina e stivaggio attrezzature di servizio.
Esterni
Come commuter non bisogna farsi colpire subito per la contenuta larghezza; una volta saliti a bordo si capisce che lo Studio Joubert/Nivelt ha applicato l’esperienza pluridecennale sviluppata nelle barche a vela sfruttando i volumi al massimo. La disposizione sui tre ponti non è appesantita nelle linee verticali che ricordano vagamente il “militare”. Gli spazi esterni si suddividono in tre aree ben distinte e diversamente utilizzabili dall’armatore e dai suoi ospiti, garantendo così una buona privacy per il porto e per le giornate in rada. A poppa, sul ponte principale, il tradizionale pozzetto è arredato con un tavolo ovale. Dalle murate nascono due ampi passavanti protetti da ampie impavesate, che portano alla zona di prua dove si trova un divanetto ben riparato sotto le finestrature di plancia. Protetto dalla murata, con una prua attrezzata e dotata di tender, si dispongono sun-beds e un ampio prendisole.
Il fly 
E’ la zona principale dove si svolge la vita all’aperto. Sugli oltre 55 mq (20 dei quali coperti da un T-Top tipico di imbarcazioni di dimensioni superiori) sono state attrezzati due ambienti separati; a poppa c’è uno spazio prendisole sempre per chaise loungues e sun-beds. Verso prua, nella zona coperta, un enorme tavolo da pranzo ed una serie di mobili di servizio. La zona si completa con la classica timoneria esterna da cui si accede verso un’ulteriore area prendisole posta sopra la timoneria inferiore.
PREZZO CHARTER Alta Stagione (Luglio&Agosto): € 48.000 per sett/MYBA
Bassa Stagione (altri periodi):   € 46.000 per sett/MYBA
CRUISING AREA Ovest Mediterraneo
Dettagli Tecnici
LOA 32.70m
ANNO 2007
VEL CROCIERA 12 nodi
VEL MAX 15 nodi
N OSPITI IN CROCIERA 10
POSTI LETTO 9
CABINE 1 doppia e 3 twin bed cabins + 1 Pullman bed
EQUIPAGGIO 4
CONSUMI 100 litri/ora (a 12 nodi)
MOTORI 2* 450 hp CATERPILLAR
CARBURANTE 22.400 litri
ACQUA 3.800   litri
About Floating Life
Floating Life Holding è il gruppo svizzero specializzato nella gestione, charter e vendita di super e mega yacht. Floating Life gestisce tutta “l’azienda – barca” in modo professionale per conto dell’armatore, sollevandolo da tutti i possibili problemi legati alla gestione del proprio yacht. Al fine di sviluppare un progetto legato all’eccellenza di servizio al cliente e con l’ottica di fornire la più alta specializzazione possibile, Floating Life si è ristrutturata attraverso la costituzione di una Holding. Questa controlla le seguenti società: Floating Life Charter&Broker, Floating Life International che si occupa del management della flotta (e della gestione dei fractional ownerships), del Crew management, delle New custom Construction&survey e Floating Life Italy che gestisce il marchio Floating Life Style, per la produzione di divise per equipaggi. La holding sta espandendo il suo raggio di azione anche attraverso vari uffici di rappresentanza di cui gli esistenti a Montecarlo e la previsione di nuove aperture a Mosca, India, Caraibi e Sud America.
Il mezzo più importante attraverso il quale le società della holding si interfacciano con il cliente è un ufficio di Concierge composto da 3 persone attive 24h/7/365.
Questa struttura operando trasversalmente all’interno delle suddette società, ha funzione di filtro e smistamento delle richieste tra le risorse interne. Questo per essere in grado di fornire una risposta rapida ad ogni esigenza del cliente, in un’ottica di gestione “globale” di ogni sua necessità. Lo sforzo è quello di costruire un servizio basato sull’eccellenza e “cucito” sulle esigenze specifiche di ogni singolo cliente.
Dal 2009 Floating Life è parte del programma Yacht Plus, servizio di super yacht in multiproprietà unico al mondo. Una flotta di yacht di 41 metri disegnati dalla Foster+Partners e realizzati presso Rodriquez Cantieri Navali. Floating Life gestisce tutto il front desk delle imbarcazioni con gli Armatori ed il charter.

Hotel Cannobio, splendida veste neo-classica sul Lago Maggiore

January 24, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Cannobio è una rinomata località turistica sul Lago Maggiore, a poca distanza dal confine svizzero. Piccolo e ridente borgo lacustre, con testimonianze di epoca romana, medioevale ed ottocentesca, tra i suoi vicoli e nelle sue intime piazzette si respira un’atmosfera romantica e piacevole. La spiaggia della cittadina è una delle più graziose del lago: un contesto ideale per praticare sport acquatici, windsurf e vela grazie alla costante presenza del vento. Nei dintorni, meritano una visita le tante isole lacustri, le ville e i castelli adagiati in un ambiente naturale di incomparabile bellezza.
Affacciata sul Lago Maggiore, vicino al centro storico di Cannobio e completamente rinnovata nel 2003 negli ambienti e nei servizi, la struttura si presenta oggi in splendida veste neo-classica dai toni armoniosi, impreziosita da maestosi decori e pregiati marmi. Dispone di camere e suite con incantevole vista panoramica (alcune con balcone), modernamente attrezzate e tutte provviste di servizi privati, telefono, TV satellitare, connessione per il collegamento ad Internet, minibar e aria condizionata. A disposizione degli ospiti la Taverna “La Scala”, il nuovo Ristorante “Porto Vecchio” con terrazza sul lago e, nelle vicinanze, spiaggia privata e parcheggio coperto. L’Hotel Cannobio, nel rispetto delle sue rinnovate architetture abbinate al buon design italiano, vi regalerà un’infinita successione di piacevoli sorprese colorate e di antiche atmosfere romantiche.
Atmosfera romantica e rilassata nelle 19 camere dell’Hotel. Architetture finemente rinnovate, buon design italiano, stanze calde, ampie ed accoglienti. Arredamenti di pregio in stile classico, eleganti finiture di pregio e un’incantevole vista sul lago e sul porticciolo turistico. Non mancano tutti i più moderni servizi e Suite con idromassaggio o hydroshower, per un soggiorno fra charme e relax.
Al piano terra, il Ristorante Porto Vecchio, in un ambiente elegante e personalizzato, propone le specialità classiche della cucina italiana e i piatti tipici del territorio. Il servizio è piacevole e coinvolgente. In abbinamento alle portate, una carta dei vini composta dalle più rinomate etichette italiane. Come in una cartolina d’estate, la terrazza del locale si affaccia sulle acque del Lago Maggiore, per cene e momenti di assoluto romanticismo. Accanto al Ristorante, la Taverna Ground Floor è ottima per trascorrere piacevoli serate in compagnia.

Fonte: Dimore D’Epoca – Hotel di charme e dimore storiche

Miu Miu, décolleté bon ton vichy nella collezione Cruise 2012

January 24, 2012 Leave a comment

Nel lontano mese di settembre vi avevo mostrato le prime immagini del lookbook MiuMiu Cruise 2012, e quasi tutte avete apprezzato le slingback  ”pic nic” a quadri; ora la collezione è finalmente disponibile online, quindi posso mostrarvi una foto più grande di queste scarpe, ludiche e femminili, in puro stile MiuMiu.
Vi confermo che la tomaia è realizzata in tessuto lucido stampato, nodo posteriore compreso; solitamente le scarpe dall’appeal bon ton non presentano punte affilate, ma in questo caso le forme si bilanciano in modo perfetto, non trovate? Inutile specificare che apprezzo la scelta di non sporcarle con un inutile e molesto platform.
Non vedo l’ora che arrivino caldo e saldi estivi, se non volete aspettare a comprarle sappiate che al momento è possibile pre-ordinarle online e nelle boutique MiuMiu, costano circa 490 Euro.

Fonte: Shoeplay

Categories: Lux-Woman Tags:

Accession, grattacielo verde dallo studio Aaron Taylor Harvey

January 24, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Il grattacielo Accession è un ottimo esempio d’eccellenza architettonica, nello sfruttare al massimo una fonte d’energia rinnovabile abbondante in natura: il sole. Progettato dallo studio Aaron Taylor Harvey, l’originale edificio previsto a San Francisco, si affaccia di conseguenza a sud, al fine di ottenere il maggior beneficio dall’esposizione al sole. L’inconsueta forma inclinata a 70 gradi della costruzione, è tale da sfruttare ogni possibilità sia dal sole d’inverno che dal sole d’estate a San Francisco, dove la nebbia al mattino presto lo nasconde, esponendo i pannelli fotovoltaici in modo ottimale. La tipologia interna del grattacielo favorisce un’efficace ventilazione naturale. La parte bassa comprenderà un albergo, mentre la facciata inclinata è prevista per gli appartamenti. Gi uffici invece, saranno posti sulla parte posteriore dell’edificio.

Fonte: Futurix

R8 Limousine, nuova automobile di gran lusso da Audi

January 24, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Dopo essere stata annunciata in un servizio stampa dalla società inglese Limo Broker, considerata come leader nel settore del noleggio di auto sportive e limousine, ecco arrivare le prime immagini e il video della presentazione ufficiale della nuova Audi R8 Limousine.
Questa nuova opera è dedicata a tutti coloro che amano viaggiare in limousine ma non vogliono rinunciare al brivido della sportività.
All’interno della Audi R8 Limo c’è tutto quello che serve per avvolgere nel comfort più assoluto fino ad 8 passeggeri, coinvolgendoli in un’atmosfera da sogno in grado di deliziare anche i più esigenti.
Le altre specifiche su questa nuova limousine e le tariffe di noleggio, non sono state ancora diffuse da Limo Broker, che ha invece annunciato il lancio per la fine del mese di aprile di quest’anno.

Fonte: GoLook.it

Categories: Veiculi Tags:

I Love Stage, primo primer occhi Essence

January 24, 2012 Leave a comment

Si chiama “I Love Stage” ed è una delle tante novità di Essence, brand low cost dalle continue tentazioni: l’aspetto è quello di un correttore color carne, ma si tratta di un primer, quindi di una base, per gli ombretti.
Il prodotto è privo di profumo, si stende con facilità perché è fluido ma non eccessivamente liquido, la spugnetta obliqua non graffia la palpebra, ma soprattutto fa davvero il suo lavoro: a fine giornata ombretti ed eye liner sono ancora al loro posto, e ho provato sia ad usare polveri Essence che trucchi di marche più costose, come Estee Lauder, la mia preferita in assoluto.

Fonte: The Beauty Side Of Life

Categories: Cosmesi Tags:

Gorilla Glass, vetro resistente per dispositivi elettronici

January 24, 2012 Leave a comment

Tantissimi dispositivi elettronici, specialmente tablet e smartphone, hanno il display protetto da uno strato di un vetro molto particolare: il Gorilla Glass. Questo nome molto commerciale in realtà non è altro che un vetro alcalino di alluminosilicato. Scopriamo meglio nel dettaglio questo speciale vetro che ha reso Corning (l’azienda produttrice) una delle aziende più ricche d’America.
Il Gorilla Glass
Proprio al CES 2012 è stata presentata la seconda versione di Gorilla Glass. La seconda versione ha reso Gorilla Glass ancora più sottile (il 20%) e leggermente più resistente. Ma scopriamo meglio questo speciale vetro.
Corning è l’azienda produttrice del Gorilla Glass, è stata secondo Fortune la 350esima azienda americana per fatturato nel 2011. Si tratta dunque di un’azienda non piccola. il Gorilla Glass è il prodotto di punta della Corning, si tratta di un vetro usato in centinaia di dispositivi elettronici, tra cui anche l’iPhone 4, è molto utilizzato perché é perfetto per proteggere i display dei dispositivi in quanto è resistente alle crepe, resistente ai graffi, all’acqua, è molto sottile e altamente trasparente. Il vetro, come detto prima, è composto da uno strato di alluminosilicato alcalino. È certamente incredibile di come la Corning abbia sfruttato un momento perfetto per produrre un vetro così tecnologicamente avanzato, in quanto trovandoci nell’era dei touch screen, questo vetro è perfetto proprio per gli schermi touch screen, il suo spessore infatti garantisce un elevatissima sensibilità al tocco.
È certamente interessante anche la storia del Gorilla Glass. In teoria il progetto di un vetro ultra-resistente era già nato nei laboratori Corning negli anni ’60, poi abbandonato in quanto Corning, una volta prodotto qualcosa di interessante, non ne seppe trovare un compratore. La necessità però di un vetro sottile e resistente incominciò a farsi risentire con l’arrivo dei touch screen negli anni 2000. Fu così che nel 2006 e soprattutto negli anni successivi all’arrivo dell’iPhone, Corning riprese il progetto del vetro ultra-resistente e presentò il Gorilla Glass.
Gorilla Glass è un vetro che viene rinforzato mediante uno scambio ionico a livello molecolare. Il vetro di alluminosilicato alcalino è posto in un “bagno” di sali di potassio e fuso ad una temperatura di 400 °C. Automaticamente questo processo divide i piccoli ioni di sodio dagli ioni di potassio più grandi, che rimangono sul vetro. Gli ioni grandi di potassio vengono compressi non appena il vetro si raffredda, creando un livello di tensione sulla superficie del vetro. Gli ioni di potassio si estendono sulla superficie del vetro, creando elevati strati di compressione in tutta la profondità del vetro. Questi strati di compressione determinano l’incredibile resistenza del vetro agli urti e ai graffi che possono essere provocati da qualsiasi oggetto, quotidianamente. Così come tutti i vetri, anche Gorilla Glass è riciclabile. – Wikipedia
Quindi Gorilla Glass non è altro che un vetro trattato e rinforzato chimicamente. Per evitare accidentali mancanze di produzione, Gorilla Glass viene prodotto nel Kentucky (Stati Uniti d’America) e a Shizuoka, in Giappone.

Alberto Ziveri

Fonte: Skimbu

Categories: Tech-News Tags:

Aghmat, capitale restaurata

January 24, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Il progetto archeologico di Aghmat ha avuto inizio nel 2005, nel quadro di una convenzione tra l’Istituto Nazionale delle Scienze dell’Archeologia e del Patrimonio e l’Università statunitense de Vanderbilt. La direzione è stata affidata a Ronald Messier, Abdallah Fili e Larbi Erbati. Il progetto ha lo scopo di far emergere l’antico Hammam di Aghmat, sprofondato sotto un campo ad uso agricolo e diversi nuclei abitativi della leggendaria città, prima capitale del regno marocchino, distante pochissimi km da Marrakech. La città di Aghmat, che fu anche una base idrisside prospera, poi capitale dell’emirato ” dei Maghraoua ”, sino alla metà dell’XI° secolo, divenne in seguito la capitale degli Almoravidi che la lasciarono dopo l’edificazione della città di Marrakech. I lavori sono stati finanziati dall’ambasciatore Frederik Vreeland e da sua moglie Vanessa, l’Istituto Americano degli studi Magrebini e dalla Commisione marocco-americana. Dal 2009, la Fondazione Aghmat è stata ufficializzata con la volontà di Moulay Abdallah Alaoui (PDG di MIFA Groupe) alfine di proseguire le ricerche archeologiche e preservare le vestigia scoperte. Uno sforzo notevole  è stato fatto per acquisire i 2,5 ettari di terreno che ospiterà un centro di interpretazione e un museo dove gli oggetti recuperati saranno visibili. Alcuni lavori di restauro sono stati intrapresi per arrivare all’apertura del sito al pubblico e partecipare allo sviluppo locale di questa città millenaria.  Il progetto archeologico di Aghmat ha ricevuto il sostegno delle autorità locali e in particolare del Governo della Provincia di Haouz Bouchaib El Moutaouaki, che ne ha fatto un valore aggiunto per tutta la comunità di Aghmat e per il suo sviluppo. L’Hammam monumentale scoperto dagli scavi è situato nel centro del tessuto urbano della antica città. La sua planimetria è di forma trapezoidale costituita da tre sale coperte da una volta in pietre di fiume fissate con calce. Le dimensioni della sala calda sono meno importanti rispetto alle altre ma la sua altezza supera di gran lunga le altre due sale. La planimetria è chiaramente diversa dagli hamman islamici dell’epoca conosciuti in Marocco e nell’Al-Andalus in epoca almohade (Ksar es-Saghîr) e in epoca merinide (Chellah, Fès, Rabat). Per contro, presenta delle correlazioni evidenti con alcuni hammam andalusi dell’XI° e XII° secolo (Jaen, Valencia).
Nel lato sud dell’hammam si trova una zona indipendente che i ricercatori attribuiscono ad una maestosa sala di riposo con relativi spogliatoi. Si presenta sotto forma di una corte centrale a cielo coperto, contornata di gallerie sui quattro lati e un soffitto in mattoni cotti disposti ad arco. I lati est e ovest ospitano delle panche in muratura destinate al riposo dei corpi provati dal calore e dalla fatica. Il centro della corte è abbelito da una superba e perfetta vasca ottogonale. La forma ottogonale è una forma geometrica onnipresente nell’architettura islamica (moschee, fontane, giardini) e simboleggia il passaggio del quadrato al cerchio: la Terra con i suoi quattro punti cardinali al Cielo, spazio unico e infinito. Bisogna dunque non sminuire questa forma geometrica ad una semplice posizione di due quadrati, perchè è la rappresentazione di una simbologia ricca di rappresentazioni religiose e astrologiche. Con il sondaggio effettuato all’interno della sala fredda della costruzione si è risalito alla sua datazione con il carbonio rilevando la sua origine al X° secolo D.C. e il suo abbandono verso il XIV° secolo. Questo hammam corrisponde ad una tappa gloriosa della città di Aghmat quando godeva del ruolo di capitale regionale, un secolo e mezzo prima della fondazione di Marrakech. Per definire l’Hammam nel suo contesto urbano, la comprensione di quello che lo circonda è indispensabile. Una prospezione magnetica con penetrazione radar, capace di definire le strutture interrate a diversi metri di profondità è stata attuata dlla Fondazione. Questo metodo economico ha permesso di disegnare la trama dell’edificio e degli spazi circostanti.
Una mappa è oggi in corso di realizzazione che riguarda anche la scoperta di un palazzo borghese, situato all’altro lato del campo, che è riconducibile allo stesso periodo. Un edificio rettangolare organizzato attorno ad alcuni bacini e circondato da colonne che formano due gallerie ai lati est e ovest della struttura. A nord, una sala occupa l’insieme della facciata. E’ accessibile grazie ad una grande porta ornata da zellij. I bacini, di forma rettangolare si impongono al centro della corte a gallerie dell’edificio. E’ difficile nello stato attuale delle ricerche di precisare queste tripartizioni e il futuro risultato dell’evoluzione di questa struttura. Si tratta comunque di un palazzo la cui struttura è solida ed equilibrata, che si estende su 250 mq. I lavori continuano per definire le componenti di questo edificio e dei suoi limiti. Il Palazzo di Aghmat risale al XIV° secolo ma rivela dei rifacimenti in epoche successive che permettono di supporre la sua evoluzione su di un periodo storico importante prima del suo abbandono. Sui luoghi degli scavi è stata scoperta poi  una canalizzazione medioevale (Tassoltan Qabila) che alimentava con acqua potabile l’Hammam e altri edifici circostanti. Un parte di questo prezioso puzzle è in fase di ricostruzione. In effetti, questa canalizzazione, orientata a nord-sud, è parte di un gruppo complesso e performante, che permetteva la distribuzione dell’acqua potabile all’intera città. Nella sua parte nord, è divisa in due canali di cui uno si dirige verso la vasca ottogonale e l’altra verso l’interno dell’Hammam. Personalmente ho avuto l’onore e il piacere di visitare questi luoghi storici grazie anche  all’aiuto del guardiano presente sul sito e, l’emozione è stata forte. Si presume che il complesso archeologico di Aghmat possa aprire a breve le sue porte a tutti gli appassionati. Nel mese di giugno 2012 proseguiranno i lavori di recupero del palazzo, ora fermi per mancanza di fondi. Aghmat dista circa 20 km da Marrakech e si trova sulla strada che conduce nella vallata dell’Ourika. Nella stessa zona sono visitabili una decina di  mausolei di sapienti ed eruditi importanti che hanno fatto grande la storia di Aghmat come fondamentale crocevia del sufismo.

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoViaggi Tags: