Archive

Archive for March 29, 2011

Stazione di Liegi, cattedrale del sogno

This slideshow requires JavaScript.

Dopo più di 10 anni di lavoro, la nuova stazione ferroviaria Liegi-Guillemins, la più grande d’Europa con i suoi 200 metri di lunghezza, 73 di larghezza e 40 metri d’altezza, è finalmente operativa, e in grado di accogliere i TGV. Firmata dall’archistar Santiago Calatrava, già autore delle più originali architetture mondiali di questi ultimi anni, la stazione non ha facciata, ma presenta un’immensa e spettacolare volta centrale d’acciaio e vetro, sostenuta da strutture in cemento armato bianco: una cattedrale di luce del 3° millennio. La luce naturale inonda, infatti, tutta la struttura, persino sotto i binari al piano inferiore delle sale d’attesa: la pavimentazione delle banchine è composta di mattoncini di vetro trasparenti. La stazione si presenta come una piazza aperta dall’accesso libero, sotto la sua imponente visiera esterna. Le sue travi d’accaio celeste con la portata più importante al mondo, hanno un’eleganza e una poesia che rinvia all’Art Nouveau. Oltre a fare della cittadina belga un nodo strategico per le comunicazioni nel Nord Europa, con i treni ad alta velocità ICE tedesco e il Thalys, la nuova stazione è già ai primi posti fra le attrazioni turistiche. “Non si costruisce più cattedrali da molto tempo, ma uno dei compiti dell’architetto è di fare sognare la gente” ricorda Calatrava.

Fonte: Futurix

 

Advertisements

Hugh Jackman vuole recitare a Bollywood

Qualcuno in passato ha messo in dubbio la “mascolinità” – bastasse così poco – di Hugh Jackman semplicemente perché balla divinamente bene. Io, che di solito nutro un certo distacco nei riguardi dei commercial, avrei bevuto té freddo zuccherato a litri, pur di rivederlo uscire dall’ascensore di un famoso hotel giapponese e improvvisare – si fa per dire – un musical sexy nella hall dell’albergo.  Detto ciò, Hugh ama talmente ballare e le coreografie in salsa musical che si è persino autocandidato come attore per prendere parte a un film di Bollywood. Del resto Wolverine è di origine Australiana e sembra che laggiù Bollywood piaccia molto. L’attore ha espresso questo suo desiderio segreto di recente prendendo parte a Mumbai ai FICCI Frames annual convention e accennando qualche passo – mamma mia come avrei voluto esserci -. Scherzando con i presentatori dell’evento, l’attore ha dichiarato di essere un grande fan di Shah Rukh Khan protagonista di  ‘My Name is Khan and I’m not a terrorist’, e ha aggiunto ironicamente che gli piacerebbe recitare nel sequel del film intitolandolo – e parodiando così il titolo originale – My name is Jackman e non sono un turista. La battuta è una tipica freddura e, in linea di massima, non ci farebbe nemmeno ridere, ma se la dice ballando, va bene ugualmente.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

 

Gli Orti di Leonardo, la delizia della raffinatezza del passato

This slideshow requires JavaScript.

Chissà cosa penserebbe il grande Leonardo da Vinci se, catapultato per incanto nel terzo millennio, tornasse a calpestare il suolo laddove oggi trova spazio un raffinato locale ricco di fascino estemporaneo. Gli Orti di Leonardo é un atipico ristorante molto originale, ubicato al centro di Milano, in un luogo ricco di storia nel quale soggiornò lo stesso artista scienziato dietro compenso del grande Ludovico il Moro, il quale donò al grande genio una vigna con orto a sedici pertiche. Il luogo riconduce ai fasti del passato ed infatti si presenta proprio come nel lontano periodo pre-rinascimentale, un ex convento quattrocentesco delle Stelline, adornato di opere di artisti del passato, ma talvolta é possibile scorgere realizzazioni di nuovi talenti emergenti per conclamare quella raffinatezza e quel gusto manifestati per l’arte in generale. Qualità e convenienza sono un piacere offerto dalla professionalità del personale, altamente cordiale e disponibile, gestiti dalla intraprendenza del titolare Angelo Franzini e affidati alla creatività culinaria dello chef Luca Gubelli, il quale conferisce ad ogni suo piatto uno speciale tocco di classe intriso di leggerezza e passione.

Un eco di bagliori d’antan presso Gli Orti di Leonardo, lasciandosi trasportare dall’immaginazione vivificata in un ricordo memore permeato di stile, buon gusto e riecheggio degli antichi sapori, più che mai presenti nella rielaborazione della tradizione in un nuovo divenire contemporaneo.

Per informazioni: http://www.ristoranteortidileonardo.com – http://www.ortidileonardo.com

by Marius Creati

 

Mariella Burani, nuova boutique a Roma

Giornata importante quella del prossimo 30 marzo per Mariella Burani, evento mondano inerente l’inaugurazione della nuova boutique romana nella prestigiosa Via Borgognona 29.

Un ambiente lussuoso e raffinato aperto su  centosessanta metri quadrati in total black & white essenziale nel quale risaltano i colori, i patterns e i modelli delle collezioni del brand. La location ubicata in un punto strategico della capitale verte il segnale di ampia ripresa del gruppo nel mercato imprenditoriale. L’evento mondano sarà acclamato con l’esposizione di una serie di abiti da sera appartenenti allo storico archivio nel marchio, dodici meravigliosi oggetti di stile di grande rilievo creativo arricchiti con ricami preziosi e pizzi sontuosi per conclamare la raffinatezza del gusto proposta dalla creatività di Mariella Burani.

by Marius Creati

 

Categories: Boutiques Tags: ,

Millions de Cils extra black da L’Oréal, mascara ai pigmenti carbon black

Non amo particolarmente l’Oréal e i suoi prodotti, ma ammetto che questa volta il millions de cils mi ha sorpreso! Dovevo acquistare un nuovo mascara e ho deciso di prendere questo, sponsorizzato dalla bellissima Eva Longoria. Questo mascara è presente in due versioni: versione classica e versione “extra black” che io ho acquistato. Questo prodotto si differenzia dal primo perchè all’interno contiene pigmenti CARBON BLACK che rendono le ciglia 4 volte più spesse rispetto al classico Millios de Cils.

La confezione:
un bellissimo packaging lucido, nero nella parte superiore e dorato sull’estremità superiore; lungo tutto il tibetto è riportato il nome del prodotto, in modo da non farlo confondere con la versione base.
Molto particolare lo scovolino: è abbastanza grande con moltissime setole di diversa lunghezza! Questa caratteristica permette di distribuire il prodotto con facilità sia sulle ciglia lunghe che su quelle più piccole.
Novità: per evitare i fastidiosi grumi, che tendono sempre a formarsi nei vari mascara, Il Millions de cils extra black è fornito di un particolare dosatore, che elimina il prodotto in eccesso dallo scovolino.

Il prodotto:
I pigmenti carbon black e lo scovolino sono perfetti. Rendono le ciglia spesse e le colorano di un nero molto intenso! A differenza di quanto viene detto sul sito del L’Oréal, il millions de cils non ha un grande effetto volumizzante. Lo consiglio a chi ha ciglia chiare e poco folte.

Fonte: Fiocchi di Cotone

Categories: Cosmesi Tags: ,

La Redoute, stop ai jeans sabbiati

Vi piacciono i jeans sabbiati, quelli che sembrano vintage e rovinati tanto per intenderci? Bene, pubblico questo comunicato che ho ricevuto pochi minuti fa dall’ufficio stampa di Redoute a proposito del fatto che il marchio porrà fine alla produzione di pantaloni che si avvalgano dell’utilizzo di questa tecnica per tutelare la salute di chi lavora nelle fabbriche a contatto dei prodotti chimici usati per donare questo effetto vintage.

LA REDOUTE dice stop alla sabbiatura dei jeans

Per tutelare la salute dei propri dipendenti e fornitori LA REDOUTE, e tutto il gruppo Redcats, hanno annunciato che, dalla prossima stagione, non utilizzeranno più per la produzione di capi in jeans la tecnica della sabbiatura, processo chimico per il quale il denim assume un aspetto scolorito e invecchiato.

La decisione del Comitato Esecutivo riguarda tutti i marchi Redcats e conferma l’impegno del gruppo verso i Diritti Umani, le condizioni di lavoro e la sicurezza dei lavoratori.
Linalazione di polvere di silicio, prodotta da questo trattamento, può provocare la silicosi ai polmoni e portare danni irreparabili allapparato respiratorio. Per questo motivo Redcats ha messo in atto tutte le misure di sicurezza necessarie per garantire che la sabbiatura sia eliminata dalla filiera produttiva e per cessere la vendita di jeans trattati.
Nessun prodotto dei marchi di Redcats, pertanto, sarà più fabbricato utilizzando il metodo di sandblasting.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

 

 

Categories: Life-News Tags:

Battistella e Mediterranean Luxury Club, il prosecco evento di gran lusso

March 29, 2011 1 comment

MATRIMONIO TRA ‘BATTISTELLA, IL PROSECCO’ E  ‘MEDITERRANEAN LUXURY CLUB’

LA CASA VINICOLA: PURCHE’ IL BUON VINO NON SIA UN LUSSO!

“Una liaison naturale tra un evento e una casa spumantistica che condividono gli stessi valori e la stessa filosofia: valorizzare, raccontare e promuovere l’esclusività come manifestazione di ricerca, cultura e appagamento dei cinque sensi. Purché il buon vino non sia percepito come un lusso per pochi eletti!”

Con queste parole la Casa spumantistica di Pianzano commenta, dalle pagine del nuovo sito dell’Azienda – proseccobattistella.com –, la partnership con Mediterranean Luxury Club, lo storico e unico evento italiano b2b dedicato alle eccellenze italiane e internazionali del luxury travel, in scena, quest’anno, dal 28 al 30 marzo nello splendido Parco dei Principi a Roma, un set perfetto per ospitare i maggiori player mondiali del tourism and leisure di lusso.

“Molte riviste collegate al mondo del vino ci hanno definito un prodotto di lusso, e di noi hanno che ‘è nata una nuova stella per pochi eletti’ (http://www.newsfood.com/q/16eb5ddd/battistella-il-prosecco-e-nata-una-nuova-stella-per-pochi-eletti/). Be’, noi pensiamo che un buon vino non debba necessariamente diventare un lusso per pochi: tutti dovrebbero poter apprezzare il profumo e il sapore di un calice di Prosecco. Questo non significa rinunciare alla qualità.”

“Questa sera, martedì 29 marzo – si legge ancora sul sito dell’azienda Battistella – Il ‘Battistella, il Prosecco’ scorerrà a fiumi a Casina Valadier, alla serata legata alla manifestazione Mediterranean Luxury Club. La Casina è un autentico pezzo di storia nel cuore di Villa Borghese situato sul Pincio a  Roma. Sarà un modo per rinsaldare i nostri legami con i buyer del turismo di lusso, e l’occasione per brindare con le nostre bollicine alla primavera in questo angolo bellissimo della città eterna.”

Categories: Lux-News Tags: