Archive

Archive for May 11, 2011

Ecco, camper futurista dello studio Nau

This slideshow requires JavaScript.

Ecco è un camper futuristico immaginato da Nau, un famoso studio di progettazione. Ispirato dai classici del design, come i camper della Airstream e VW, mira a ricordarci il senso di libertà. È compatto, elegante e quando lo si parcheggia esso si espande verso l’alto per conferire spazio, comfort e servire come una possibile dimora temporanea. Si tratta di un veicolo completamente elettrico, il che significa zero-emissioni, e dispone di una rapida ricaricata di 240V effettuabile in una normale stazione di servizio. Quando esteso, quindi parcheggiato, non richiede alcun tipo di energia elettrica grazie alla presenza di pannelli fotovoltaici e di un tetto solare a vela, che si dispiega come una fisarmonica, il quale carica l’energia direttamente dal sole.

by Marius Creati

Categories: Concept, Veiculi Tags:

Villa di lusso in New Jersey

This slideshow requires JavaScript.

Una spettacolare villa di lusso, situata precisamente a Cedar Grove, in New Jersey, costruita nel 1991 dopo un lungo ed accurato lavoro di progettazione.
L’intero quadro, offre la particolarità di un ambiente aristocratico, con 8 camere da letto e vari saloni caratterizzati da arredamenti di grande pregio e finiture personalizzate, per un’esclusività senza pari.
Il tutto, affaccia sul meraviglioso panorama della città di New York, garantendo una vista alquanto spettacolare.
All’interno, oltre ai saloni dedicati alla vita sociale, è presente tutto ciò che serve per poter godere del massimo del relax, con una sauna, un teatro con tanto di poltrone fisse ed una grande suite per le “occasioni speciali”.
A completare il tutto, ci pensa l’esterno, caratterizzato da un grande campo da tennis, una piscina panoramica e un garage coperto con 4 posti auto, comprensivi di spazio per limousine.
La villa di lusso in questione è attualmente in vendita al prezzo di 18 milioni di dollari.
Per altre informazioni basta visitare il sito jameslist.com

Fonte: GoLook.it

Categories: Domus Lusso Tags:

Lillibed, lettino per cani in Swarovski Elements

May 11, 2011 Leave a comment

Per tutti gli amanti e appassionati più esigenti degli amici a quattro zampe, ecco arrivare un esclusivo e soprattutto lussuoso accessorio che potrebbe fare al caso loro.
In particolare per i più facoltosi, infatti, Lillibed ha realizzato un nuovo lettino per cani, in edizione limitata, ricoperto da ben 95.000 cristalli Swarovski incastonati singolarmente a mano.
Per chi non lo sapesse, Lillibed è un’azienda famosa per aver realizzato i particolari lettini per il cane di casa Obama, ovvero della casa dell’attuale presidente degli Stati Uniti.
Ciò che stupisce, oltre alla particolarità di questo gadget, è il suo prezzo di vendita: ben 18 mila dollari, infatti, sono richiesti per il suo acquisto.
Per altre informazioni basta visitare il sito lillibed.com

Fonte: GoLook.it

Mipel 2011, in crescita buyers italiani ed esteri

17.440 visitatori, di cui 8.540 buyers, circa il 50% del totale. Un incremento, rispetto all’edizione di marzo, pari al 7,9% (+11% di buyers italiani, +4,8% di quelli esteri).

Qualità e assortimento dell’esposizione da un lato e l’aumento di buyers presenti nel quartiere di fieramilano dall’altro hanno contribuito a decretare il successo della 99° edizione di Mipel, che ha confermato quella ripresa del comparto che già si era registrata a settembre.

“Non si è trattato soltanto di un buon numero di visitatori ad alimentare la nostra soddisfazione – afferma Giorgio Cannara, presidente Aimpes/Mipel – è stata soprattutto la vivacità di contrattazione che vede Mipel sempre al primo posto tra i saloni business.

Questo conferma che Mipel riesce a coniugare bellezza ed eleganza dei prodotti esposti alla concretezza indispensabile all’intero settore”.
La prossima edizione, quella del centenario, è in programma dal 18 al 21 settembre 2011.

Fonte: BlogModa

Categories: Life-News Tags:

Alexander McQueen, sciarpa in seta multi-teschio in esclusiva

This slideshow requires JavaScript.

Per celebrare la retrospettiva Alexander McQueen: Savage Beauty esposta preso Il Metropolitan Museum’s Costume Institute di new York e dedicata alla memoria del famoso stilista scomparso poco più di un anno fa, il marchio ha realizzato in esclusiva una sciarpa di chiffon in seta interamente stampata con teschi stagionali provenienti dalle collezioni precedenti. Il corrispettivo é di $495,00.

by Marius Creati

Categories: Lux-Woman Tags:

Yohji Yamamoto a Londra, retrospettiva londinese dedicata al talento del radical fashion

Il tocco audace di Yohji Yamamoto raggiunge la favolosa città di Londra, dove si apre, presso il Victoria and Albert Museum, la grande retrospettiva dedicata a uno dei geni più talentosi del radical fashion.

E’ la sua prima volta nella città della monarchia britannica, fulcro del galateo prettamente anglosassone; la mostra ne esplora il suo lavoro idiosincratico e innovativo. “Il tessuto é tutto'”, afferma in una dichiarazione il celebre artista, stilista e designer giapponese. Yohji Yamamoto ama seguire tutte le fasi del lavorazione del materiale, ama studiare i modelli e portare a termine l’intera collezione. Questo profondo interesse nel settore del tessile si pone al centro del suo approccio cono il mondo del design. Questa retrospettiva viene vissuta attraverso una serie di installazioni specifiche per tutto il V&A (Victoria and Albert Museum) e non solo, includendo l’abbigliamento maschile per la prima volta, creando un effetto antitetico tra il classicismo degli ambienti e le ardite sperimentazioni, le quali già molti anni prima, circa trent’anni fa, crearono stupore e ammirazione  al suo debutto parigino infrangendo gli schemi prefissati del prêt-à-porter e dell’alta moda francese.

Yamamoto diventa un fashion designer di fama internazionale nei primi anni Ottanta, contestando i tradizionali concetti della moda mentre disegna abiti che sembrano di grandi dimensioni, spesso incompiuti, giocando con le idee di ogni genere o tessuti mai adoperati nell’abbigliamento, come il feltro o il neoprene, realizzando modelli concettuali dal taglio insolito, pur conservando un dote di grande conoscenza della storia della moda e un effervescente senso dell’umorismo. Il suo lavoro è caratterizzato dall’uso frequente e sapiente del nero, un colore che egli descrive come ‘modesto e arrogante allo tempo stesso’, ma alla fine non mancano esplosioni di colore evidenziati come raggi di luce nella penombra… e quindi é possibile essere catturati da una lunga veste dal taglio ad anfora di color giallo forte corredato da un grande cappello a tesa extra-large ton sur ton, da una vistosa mise zelantemente plissettata di un color rosso cremisi accentuata da esuberanti sculture tessili sul décolleté o da una deliziosa robe jupon di color bianco latte con strascico a mantello e tiara in maglia sul capo a forma di grande corona.

Lo spazio espositivo ospita nella sala principale oltre sessanta creazioni e un tempestivo intervento multi-media nel quale si rivela il suo ampio lavoro creativo. Ottanta manichini indossano i preziosi abiti senza alcun ordine cronologico, né didascalie o annotazioni, in modo assolutamente informale, tra di essi sono messi in risalto le collezioni maschili, e lasciati lì per essere ammirati come abiti scultura di un’arte intramontabile, desiderati nella fluida consistenza avvolgente dei favolosi drappeggi, esaminati con la stessa peculiare attenzione di come li studierebbe il grande maestro nipponico.

Abiti, creazioni sartoriali senza tempo, realizzati per essere indossati per anni e per sempre, senza alcuna restrizione voluta dalle tendenze di mercato o dai cambiamenti di stile.

Nella grande retrospettiva non possono mancare, accanto ai manichini adibiti dal creatore della “moda post-atomica”, schizzi, disegni, bozzetti, fotografie e video esaltanti l’immenso percorso artistico intrapreso durante la sua strabiliante esperienza, anche menzionando le jam-session con grandi artisti di varia estrazione, suggellanti il grande successo imprenditoriale corredato da ampie collaborazioni con grandi gruppi del settore.

Ma dalla sala si può attingere anche agli altri spazi dell’imponente museo, scivolando via verso altri saloni dove trovano dimora indumenti più consistenti, tra i quali cappotti dalle varie tonalità,  fantasiosi tailleur e sontuosi abiti da sera, amalgamati con cura fra le preziose ceramiche, gli antichi arazzi e i prestigiosi strumenti musicali ospitati al suo interno.

Durante l’inaugurazione il celebre Yohji Yamamoto ringrazia la madre ultranovantenne presente in sala, sua meritevole fonte d’ispirazione, oltre alle figure di Christian Dior e di Cristobal Balenciaga.

Nell’ambito della retrospettiva, il lavoro di Yohji Yamamoto si allunga ulteriormente in tutta Londra con impianti satellitari presso i siti Wapping Project.

a cura di Marius Creati

This slideshow requires JavaScript.

Categories: Lux-News Tags: ,

Amosu, ebook reader Kindle in oro 24 carati

Dopo aver personalizzato alcuni dispositivi Apple, Amosu Couture ha deciso di personalizzare un altro oggetto di grande popolarità: il famoso ebook reader Kindle di Amazon.
Ciò che ha reso davvero esclusiva questa creazione è il fatto che risulta essere la prima personalizzazione al mondo del celebre dispositivo.
Particolarmente dedicato ai più esigenti appassionati di Kindle, il dispositivo in questione è interamente ricoperto in oro giallo puro 24 carati; per chi non si accontenta sono disponibili anche le versioni in oro bianco e in oro rosa e, sempre a scelta del cliente, il tutto può essere impreziosito con l’incastonatura di cristalli Swarovski sulla scocca posteriore, precisamente intorno al logo Amosu Couture.
Il prezzo di partenza di questa speciale versione di Kindle è di 1.199 sterline.
Per altre informazioni basta visitare il sito amosu.co.uk

Fonte: GoLook.it

Categories: High Tech Tags: ,

Take Two Teen, nuova capsule collection

Tra le novità della prossima stagione Autunno Inverno 2011 di Take Two Teen, non passano inosservate le maxi t-shirt in cotone elasticizzato dedicate a tre delle principali capitali della moda. Una capsule collection che fa tappa a Parigi e a New York passando per Londra. Texture nei toni del bianco e nero e del seppia per t-shirts dal sapore retrò che ispirano viaggi ideali, e interventi di micro borchie ad impreziosire un mood casual. Ad enfatizzare l’atmosfera da cartolina, le stampe delle tre famose città sono accompagnate da uno sfondo di pensieri e dediche agli amici lontani. La cura per i dettagli che da sempre contraddistingue Take Two Teen si riversa anche nel packaging: le maxi t-shirt si presentano racchiuse ciascuna in una scatola ricoperta di carta ruvida ad effetto vintage la cui stampa svela il tema del contenuto. Ma il grazioso package non perde di vista la funzionalità: perché non riutilizzarlo come contenitore di vere cartoline?

Fonte: BlogModa

Categories: Life-Woman Tags:

Pupa Color Pop, new collection

“Dalla tendenza delle ultime passerelle, esplode il colore vivace, fluo e le tinte in contrasto. Perfettamente in linea con il trend del momento Pupa dedica un’intera collezione ad un  make-up deciso, allegro, eccentrico e altamente scrivente.  Occhi stravaganti, ciglia lunghe e coloratissime e unghie da colori ultra-vivaci.” by PUPA

Me ne convinco sempre più, la Pupa sta facendo di tutto per cambiare immagine: troppo spesso quest’azienda viene associata alle trousse che usavamo in adolescenza! Vuole mostrasi come un brand per donne, professionale e in grado di soddisfare le nostre esigenze. questa è la Color Pop collection, che presto troveremo nei vari stand. Mi piacciono molto i colori fluo, bellissimi gli ombretti, i mascara colorati, mi intrigano! Forse la Pupa ha esagerato un tantino, alcune colorazioni sono importabili o meglio, adatte a servizi fotografici. Smalti: semplicemente adorabili, sono il pezzo forte del brand.

Fonte: Fiocchi di Cotone

Categories: Cosmesi Tags:

Dakhla, terra di nomadi e marinai

May 11, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

All’estremità del Reame, a 30 km appena dal Tropico del Cancro (come l’Havana e le Hawaii), a due passi dalla frontiera mauritania, coabitano due immensità che sembrano agli opposti ma che si amalgamano e si nutrono l’una dell’altra. Due mondi che si dividono nomadi e marinai, due orizzonti separati da un appendice di roccie e di sabbia. La penisola di Dakhla, territorio in parte vergine dalla bellezza fragile, è all’alba di un abbellimento turistico annunciato, nella sua baia paradisiaca là dove le sabbie sahariane incontrano l’Oceano Atlantico. Da queste nozze memorabili è sorto un luogo di stupefacente bellezza e diversità dove regna sia in estate che in inverno un clima unico e raro.  Resoconto di un viaggio.

Sulla punta meridionale della baia del Rio de Oro si stacca la silhouette dell’antica città di Villa Cisneros, fondata nel 1884. Oggi la capitale amministrativa ed economica della Regione Oued Eddahab – Lagouira non è più un posto di frontiera avanzato del Maghreb, scalo certificato di malfattori e gente disporco commercio, in transito verso l’Africa subsahariana. Dopo la fine del Protettorato spagnolo nel 1976, Rabat ha largamente investito in questa terra sahraoui. La stabilità politica, i vantaggi fiscali, le Società e le infrastrutture moderne, hanno attirato investitori, popolazioni di pescatori, di nomadi, di contadini, di “immigrati” arrivati qui dal nord, sviluppando intense attività come il nuovo porto di pescacommerciale, attività legate al turismo e servizi. In pochi anni la piccola città orizzontale e bianca, dalle stradine piene di sabbia,è mutata, indossando l’abito della festa. Se dei quartieri interi, una cornice pedonale e delle grandi piazze hanno visto la luce, lo charme di certe strade spagnoleggianti  dimora indisturbato e magico, da sempre. Al crepuscolo la città si anima di gente festante, che tira tardi nella magica notte dei suoi quartieri by nightaffacciati sulla laguna. Il successo di questa Regione e di questa città è imperativamente dovuto e composto da unecosistema di una ricchezza e di uno splendore rari, che abbina il piacere dell’acqua ad un entroterra scenograficofatto di dune aride e superbe. Se la baia di Dakhla, che beneficia di condizioni climatiche ottime, con temperature che variano tra i 15 e i 25° durante tutto l’anno, puo’ promettere meraviglie ai suoi visitatori è per via del suo santuario ecologico classificato con diversi titoli: Zona umida d’importanza mondiale (Ramsar), Zona importante per la conservazione degli uccelli migratori (Zico), Sito di interesse biologico ed ecologico (Sibe). Una fauna e una avifauna eccezionale composta di aquile reali, falchi, anatre, iene striate, gazzelle, fennec, fenicotteri rosa, cormorani, per un totale di oltre 600.000 uccelli che ogni anno fanno scalo durante le loro lunghe migrazioni,  a cui si aggiungono delfini, balene, tartarughe marine, granchi violinisti, e una delle ultime colonie al mondodella foca monaca, che ha trovato rifugio nelle grotte a sud della penisola. Un miracolo di vita, in barba alla pressione demografica, che concilia gli appettiti dei promotori immobiliari, lo sviluppo economico, il progresso sociale, la crescita costante del turismo e il rispetto per l’ambiente. Dakhla è situata sullastessa latitudine delle Hawaii ed è considerata dagli specialisti il secondo spot al mondo per la pratica degli sport d’acqua. Con un litorale immacolato, venti costanti dai20 ai 35 nodi, un mare piatto e calmo sulla baia, la perla del Grande Sud è un terreno di gioco per il surf, il kitesurf, il windsurfecc..sport in voga che ogni anno danno luogo ad una prestigiosa competizioneinternazionale. Un sito ideale per gli amanti del bird-watching, dei mammiferi marini, della pesca sportiva. Senza dimenticare che come Casablanca, Agadir, Tarfaya o Novadhibou, l’antica Villa Cisneros fu negli anni ’20 una delle tappe mitiche dei pionieri dell’Aéropostal; piloti eroici che consegnavano i corrieri, mettendo a repentaglio la propria vita, da Tolosa a S.Louis del Senegal, sino all’America Latina. Se i Super Puma hanno oggi sostituito le antiche Latécoère, gli splendori che Mermoz, Saint-Exupéry o Guillaumet hanno ammirato dai loro aerei sono rimasti quasi intatti.

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoViaggi Tags: