Archive

Archive for February 3, 2012

Luca Cordero di Montezemolo, presentazione della nuova Ferrari F2012 per vincere

February 3, 2012 Leave a comment

La monoposto di Massa e Alonso per il prossimo mondiale di F1 svelata via web causa neve a Maranello.
Naturalmente rossa, con il tricolore ben in vista, si chiama semplicemente F2012. E’ la nuova monoposto Ferrari presentata oggi in diretta web, dopo l’annullamento della cerimonia ufficiale a Maranello a causa della neve. All’auditorium della Gestione Sportiva del Cavallino, oltre al responsabile della comunicazione Stefano Lai, erano presenti il Team Principal Stefano Domenicali e i due piloti Felipe Massa e Fernando Alonso.
“Ci sono tante novità dal punto di vista tecnico – ha detto Domenicali – anche se abbiamo ancora 12 giorni per provare questa nuova macchina. A Fernando e a Feliper dobbiamo dare subito una macchina competitiva” Questa sarà una “stagione molto importante” nella quale “tutti noi vogliamo tornare ai massimi livelli. Vogliamo vincere”. Lo ha detto il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, in un messaggio diffuso durante la presentazione on line della nuova F2012, la monoposto che correrà durante il prossimo campionato di Formula 1.
“Vogliamo che il rosso prevalga in questa stagione – ha detto Montezemolo – ce la metteremo tutta. Il Mondiale perso due anni fa all’ultima gara è ancora un peso enorme. Abbiamo tutto per fare bene, la squadra ha lavorato tantissimo, con pochi cambiamenti e senza rivoluzioni il team è diventato ancor più competitivo”. Il presidente, in maglione e giacca neri nel videomessaggio registrato nel suo ufficio, si è soffermato sui piloti: “Alonso è reduce da una stagione straordinaria, vogliamo dargli una monoposto ancor più competitiva. Massa sa, come lo sappiamo noi, che deve riscattarsi dopo un’annata non positiva. Siamo convinti che lo stiamo mettendo nelle migliori condizioni di farlo, le caratteristiche della monoposto e delle gomme favoriranno il suo stile di guida”.

Fonte: TMNews

Advertisements

Bremont P-51, chronograph chronometer in limited edition

This slideshow requires JavaScript.

Following on from the great success and interest generated by the arrival of the very special and unique EP120 Limited Edition watch back in late 2008, Bremont are releasing the Limited Edition ‘Bremont P-51’, a chronograph chronometer built with original parts from the famous 1944 Mustang WWII aircraft P-51K-10 (serial number 44-12016), a Pacific war veteran also known as ‘Fragile but Agile’.
Original aluminium metal from the aircraft fuselage is integrated into both the dial and the movement of the timepiece; with the dial itself inspired by the clocks found in the P-51 aircraft. The 43mm hardened steel Trip-Tick® case, using Bremont’s B-EBE2000 technology, integrates the new rotating ‘Roto-Click®’ inner bezel that houses four ball-bearings inside the case. As with many of Bremont’s latest watch designs, the P-51 is assembled the company’s atelier in England rather than their workshop in Biel-Bienne in Switzerland, and houses a modified Swiss BE-54A automatic chronometer movement that also shows UTC time. The watch will be limited to only 251 pieces. The watch is to be unveiled at Basel 2011 and released in the autumn.
P-51K-10 (serial number 44-12016) rolled off the North American Aviation assembly line in Dallas, Texas, on 18 December 1944 and was then loaded on to a ship on the 15th January 1945 for an assignment in the Far East. It was to take part in the American campaign to retake the Philippine Islands from the Japanese. On arrival in the Pacific Theatre of Operations, the aircraft was assigned to the 342nd Fighter Squadron of the 348th Fighter Group, which then was stationed at the San Marcelino airbase, just north of Manila Bay. Lt. Bert Lee Jr. was assigned to fly the aircraft and was credited with two confirmed victories during the war, which accounts for the two Japanese flags painted below his name on the plane. One was a Japanese A6M “Zero” fighter near Manila and the other a twin-engine “Betty” bomber. A lot of Lt. Lee’s missions in the P-51 were ground support in what was then Indochina.
Lee and his Mustang both survived the war. Following its time in the US Air Force, ‘Fragile but Agile’ then spent time serving with both the Swedish and Israeli military before eventually being restored by pilot and collector Stephen Grey and The Fighter Collection based at Duxford in the UK. In 2009 the Mustang was acquired by another collector and good friend of Stephen’s – Dan Friedkin, based in Houston, Texas.
Movement – Modified calibre 13 1/4″ BE-54AE automatic chronometer. 25 jewels. Glucydur balance. Anachron balance spring. Nivaflex 1 mainspiring. 28,800bph. 42 hour power reserve. Hand-crafted aluminum rotor from 44-12016 skin.
Functions – Hour/minute/second, date at 4H, chronograph with seconds and 30 minutes, 24 hour UTC hand.
Case – Hardened stainless steel Bremont Trip Tick® construction with scratch resistant PVD treated case barrel. Case diameter 43.00 mm, lug width 22.00 mm, case thickness 16.00 mm.
Case Back – Stainless steel with integrated flat crystal, 5 stainless steel screws with polished heads.
Bezel – Internally rotating bezel operated by crown at 8H with Bremont Roto-Click® technology.
Dial – Metal dial with various ground colours with integrated aluminum sub-dial from 44-12016 skin. Coated nickel hands with bespoke SuperLumiNova®.
Crystal – Domed anti-reflective, scratch resistant sapphire crystal.
Water-resistant – 10 ATM, 100 metres.
Ratings – C.O.S.C chronometer tested.
Bracelet – Tanned embossed calf-skin leather strap with stainless steel solid deployment buckle and engraved security clasp.
Source: Bremont

Fonte: Luxury & Fine TimepiecesFacebook

Categories: Lux-Man Tags:

Ballin, sandali e plateau nuvola rosa da calzare

February 3, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

A differenza di Marilyn, penso che i migliori amici delle donne siano i plateau: più che altro salvano la vita due volte. Primo perché ti sollevano da terra slanciandoti, secondo perché sono l’unica tipologia di calzatura con tacco che non fa capicollare a terra. Ecco perché mi fanno impazzire i plateau di Ballin per la prossima p/e in rosa cipria. Però se appartenete alla categoria delle donne coraggiose che potrebbero fare jogging con i tacchi a spillo, allora potete optare anche per le altre due versioni. Io, così, avrò meno concorrenti.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Categories: Lux-Woman Tags:

Emerald Oasis, palette per un trucco evergreen da Estée Lauder

February 3, 2012 Leave a comment

Ombretto che regala dinamica vitalità agli occhi. Colore ultra espressivo Una serie di finiture in un’unica confezione compatta.
RISULTATO
Ombretto che regala dinamica vitalità agli occhi. Versatile tavolozza in 5 colori per giocare con le intensità, abbinare e sfumare le nuance, esprimere stili diversi – dal più tenero al più audace. Creato in escusiva.
INFORMAZIONI SULLA FORMULA
Oftalmologicamente testato. Dermatologicamente testato. Privo di fragranza.
La palette contiene 5 tonalità di colore di intensità variabile: matte, satinata, scintillante o metallica.
– L’highlighter, per evidenziare i lineamenti, dona il tocco magico. Da applicare per illuminare l’incarnato e accentuare gli occhi all’istante.
– L’ombretto più profondo struttura e definisce gli occhi.
COLORE TRUE VISION™
– Impatto del colore ai massimi livelli
– Vitalità, trasparenza e dimensione esaltate
– Brillantezza valorizzata
INDOSSABILITÀ AD ALTA PERFORMANCE
– Il colore è vellutato, la sua aderenza è uniforme, levigata.
– Si sfuma facilmente.
– Lunga durata. Colore sempre inalterato. Non sbiadisce.
Il cofanetto, elegante e compatto, è completo di applicatore e specchietto.
CARATTERISTICHE DELLA FORMULA
– Testato oftalmologicamente
– Privo di profumo
MODO D’USO
Applicare e sfumare sulle palpebre a piacere fino ad ottenere l’effetto desiderato.

Categories: Cosmesi Tags:

Sexy-toy e affini… piaceri (quasi) proibiti in Marocco

February 3, 2012 Leave a comment

Vagine artificiali a 150 dh (14 euro), vibromassaggiatori a 2.000 dh (180 euro) e bambole a grandezza naturale al costo di 20.000 dh (1.800 euro) o ancora peni artificiali e prodotti erotici degni dei più grandi sex-shops del mondo, commercializzati  clandestinamente in Marocco!  E grazie ai cinesi che i marocchini possono accedere oggi agli oggetti erotici più insoliti per calmare gli appetiti sessuali segreti. Questi prodotti, proibitissimi in Marocco, sono introdotti nel reame di contrabbando e sono disponibili a Derb Omar, quartiere di Casablanca, ma anche a Marrakech o ancora nella capitale Rabat.  La vagina artificiale è il best-seller, si apprende dal quotidiano arabofono Al Ahdat Al Maghribia, autore di un inchiesta sui sexy-shops clandestini. I sexy-shops marocchini sono infatti dei normali negozi di abbigliamento o di giochi per bimbi che propongono queste mercanzie, in funzione della richiesta del cliente. Questi negozi, che non fanno altro che aiutare le persone ad avere una buona armonia sessuale con se stessi, propongono veramente di tutto, compresa la lingerie più provocante, impossibile da trovare nei negozi “normali”. Anche le bambole gonfiabili hanno un forte riscontro in Marocco. Queste bambole, che si muovono e gemono, sono vendute a partire da 20.000 dh, quasi una follia da queste parti! Il top della categoria sono le bambole di silicone che “riconoscono”  il loro proprietario dalla voce (o dalla  forma del di lui pene!) e possono costare anche 35.000 dh (3.400 euro).  Il bussiness dei sexy-toys va a gonfie vele e gli oggetti sono richiestissimi negli ambienti “huppe’s” marocchini, per intenderci i personaggi che sfilano il sabato sera con giganteschi fuoristrada e SUV nel triangolo della moda di Casablanca, meta  incontrastata delle serate infuocate della jeunesse dorée  del Marocco.

Fonte: My Amazighen

Categories: Amazighen Tags: , ,

Malaury, nuova limited edition da Comptoir des Cotonniers

February 3, 2012 Leave a comment

Anche il marchio francesce Comptoir des Cotonniers si dà alle limited edition. Periodicamente saranno lanciate degli abiti o degli accessori reperibili solo in alcuni punti vendita in tutto il globo. Il mese di febbraio vede come protagonista il lancio della borsa Malaury. Stile “postino” vintage, in più colori che vanno incontro alla primavera – bellissimi l’azzurro turchese e il rosa carne -, la borsa è disponibile nella versione big (280 euro) e nella versione small (240 euro).

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Prada, nuova boutique a Padova… sodalizio con il FAI

February 3, 2012 Leave a comment

Prada ha recentemente inaugurato una nuova boutique a Padova, ubicata tra Piazza Garibaldi e via S. Lucia, estesa su superficie di 270 metri quadrati e distribuita su due livelli collegati tra loro da una scala in marmo color nero, inserito in un palazzo storico pittoresco nel quel gli ambienti architettonici fungono da cornice alla raffinatezza dei materiali impiegati per l’esterno, un progetto del noto architetto Roberto Baciocchi, il quale ha realizzato un efficiente equilibrio tra gli elementi distintivi dell’edificio storico e i caratteri particolari identificativi del marchio.
La facciata esterna, che porge su Piazza Garibaldi, é corredata da un ingresso e due vetrine, proseguendo su via S. Lucia con ulteriori due vetrine e due light box.
L’area interna é caratterizzata dalla presenza della scala di marmo summenzionata che oltre alla bellezza scenica di grande impatto divide l’ambiente maschile da quello femminile.
Il piano terra si caratterizza dalla presenza di una pavimentazione in marmo e moquette sulla quale si amplificano le pareti in tela verde pallido e gli specchi da complemento, mentre al primo piano la pavimentazione é rifinita con moquette a quadretti e le pareti sono rivestite con tende verdi in saffiano, nell’insieme ben amalgamati per dare origine a un’atmosfera più riservata. In più il livello superiore é provvisto di un lucernario che si affaccia sull’area delle calzature.
La boutique offre la presentazione delle collezioni di abbigliamento e accessori per entrambi i sessi.
In seguito al progetto di restauro concernente quattro statue dell’Accademia delle Belle Arti e tre arcate del Palazzo dell’Archiginnasio di Bologna, in occasione dell’apertura della boutique bolognese, il gruppo Prada ha rinnovato il sodalizio con il FAI sottolineando il legame del brand con il mondo della cultura, ravvivato nella condivisione della riqualificazione del Sacello di San Prosdocimo sito nell’Abbazia di Santa Giustina di Padova.

Marius Creati

Categories: Boutiques Tags: , ,