Archive

Archive for March, 2011

New Yorker Art Deco keyboard, tastiera cool della Datamancer

This slideshow requires JavaScript.

New York non rappresenta soltanto la città più in voga del mondo, ma assume nella sua ampia dimensione uno stile di vita che molti di noi vorrebbero vivere almeno per un giorno. Il New Yorker Art Deco keyboard é una vera tastiera prodotta dalla società americana Datamancer, probabilmente dalla sua apparenza rétro una delle più contemporanee che si possa trovare sul mercato dell’informatica e che possa catturare l’interesse di alcune icone di stile della Big Apple.

Questo strumento moderno è realizzato in ottone lucido e alluminio e dispone di una struttura a più livelli facile da usare, dall’impronta tipicamente familiare riconducibile alle obsolete dattilografici, le comuni macchine da scrivere, e allo stesso tempo si presenta davvero molto attraente. E’ stato ispirato dal Chrysler Building di New York e il legame con la casa automobilistica si inoltra nel profondo anche perché Chrysler realizzò un modello denominato “New Yorker”.

La tastiera New Yorker Art Deco ha un corrispettivo di circa $2.800 e sarà presto sui mercati internazionali delle migliori metropoli.

by Marius Creati

 

EADS Airbike, prima bici da stampare in 3D

La bici? Me la stampo io! Fra qualche anno non sarà più utopia. Si potrà progettare la propria bici al computer, e mandare il file alla stampante 3D, così come qualsiasi prodotto. Gli ingegneri d’EADS, il gruppo aerospaziale europeo che costruisce l’Airbus, hanno progettato l’Airbike, la prima bici che esce in un pezzo unico dalla stampa, senza montaggio, completa di ruote, cuscinetti e mozzi, pronta all’uso! Airbike utilizza la tecnologia dell’Additive Layer Manufacturing (ALM), un processo di sinterizzazione laser, che aggiunge in successione sottili strati di polvere di nylon polimerizzate: un procedimento simile nel concetto alla stampa 3D. Risultato: la bici è 65% più leggera di quelle tradizionali, ma altrettanto resistente, come l’acciaio e l’alluminio. L’ALM utilizza circa un decimo del materiale necessario alla fabbricazione tradizionale, riduce gli sprechi e le emissioni di carbonio. Il vantaggio della stampa 3D, e di realizzare cose impossibili con la tecnica di stampa tradizionale maschio/femmina, come ad esempio una sfera inserita in una sfera più grande chiusa. Le stampante 3D di piccola taglia, per piccoli oggetti diventeranno alla portata di tutti.

Fonte: Futurix

Categories: Tech-News Tags:

EXQUISITE WARM EXPERIENCE by EXQUISITE wòdka

1 1/4 oz Exquisite wòdka

2 oz hot aloe vera juice

6 foglie di menta fresca

1 cucchiaio di zucchero di canna

dash ginger ale

 

GUARNIZIONE

slice arancia interna

ciuffo di menta interna

fetta di limone esterna

 

Categories: Liquori Tags:

Joc House, villa di lusso in Sudafrica

This slideshow requires JavaScript.

Progettata dallo studio Nico van der Meulen Architects, questa villa di lusso è caratterizzata da una struttura a dir poco impressionante, capace di colpire a primo sguardo.
Stiamo parlando della “Joc House”, una splendida villa di lusso situata nelle vicinanze di Johannesburg, in Sudafrica, suscitando, anche grazie alla sua posizione strategica, una forte ammirazione da parte del pubblico.
Il prestigioso studio tedesco di architetti e designer, infatti, ha messo in campo tutta la sua professionalità, combinandola in modo incantevole con l’eccelsa qualità degli arredi e con l’ampia concezione degli spazi.
Il tutto è arredato in stile contemporaneo e, a completare l’opera, ci pensano due grandi piscine, una scoperta e l’altra coperta.
La villa in questione attende attualmente un compratore; il prezzo è riservato.
Per altre informazioni basta visitare il sito nicovdmeulen.com

Fonte: GoLook.it

 

Categories: Domus Lusso Tags: ,

Graf von Faber-Castell, dichiarata Pen of the Year 2011

Denominata Pen of the Year 2011, questa lussuosa penna della linea Graf von Faber-Castell è disponibile in edizione limitata per tutto il 2011 fino a 1761 esemplari, numero che ricorda l’anno di fondazione della maison Faber-Castell.
Ciò che risalta subito all’occhio di questo prestigioso strumento di scrittura è la presenza di giada, rara pietra preziosa di colore verde.
La giada, fin dalla sua scoperta, era venerata come la materia degli dei; questo era dovuto alla sua durezza e al suo caldo scintillio, capace di renderla la pietra più desiderata dagli imperatori e dai personaggi della più alta aristocrazia, come simbolo di potere ed immortalità.
La penna, realizzata per celebrare i 250 anni della maison, è caratterizzata da otto segmenti di giada, numero di generazioni della famiglia Faber-Castell, e da un corpo interamente in platino con pennino in oro bicolore a 18 carati; quest’ultimo è disponibile nelle taglie F, M e B.
Ogni singolo esemplare della penna è lucidato a mano, numerato e venduto in un cofanetto in legno pregiato.
Per informazioni sul prezzo e sulla disponibilità, basta visitare il sito faber-castell.it

Fonte: GoLook.it

 

Categories: Collectibles Tags:

Michelle Obama sceglie lo stile Reed Krakoff

This slideshow requires JavaScript.

La prestigiosa first lady Michelle Obama, moglie del Presidente degli Stati Uniti d’America,  indossa una borsa in nappa “Ribbon Tote” di Reed Krakoff,  come si può ben vedere estremamente versatile e molto fashion.

Categories: Gossip Tags: ,

Roberto Cavalli, nuova boutique a Cannes

In occasione del 64° Festival di Cannes, il prossimo 18 Maggio il grande stilista Roberto Cavalli inaugurerà la sua prima boutique nella splendida città francese.

Afferma il famoso designer: “Cannes è la capitale del cinema, la città del glamour e della seduzione. Ho voluto creare un negozio nel quale dominano l’eleganza sia per la donna che per l’uomo, in uno spazio accogliente ed esclusivo, all’interno del quale ognuno può esaudire totalmente i propri sogni e desideri”.

Ubicato al 67 di Boulevard de la Croisette su una superficie di 200 metri quadrati, il  punto vendita rappresenta lo stile e l’eleganza intramontabile della maison Cavalli, acclamando l’ampio concetto di fashion global store già presente nel grande showroom atelier di Parigi.

Lo spazio sarà ben distribuito per ospitare le collezioni del prêt-à-porter maschile e femminile supportate dalla presenza imponente delle collezioni di accessori e di underwear.

La prima sezione sarà interamente dedicata agli accessori, nel quale spiccheranno tutta la pelletteria, l’eyewear, l’orologeria e la gioielleria.

La seconda sezione darà ampia visibilità all’abbigliamento daywear uomo e donna, mentre l’ultima e non meno importante sezione, disponibile per una eventuale vip room riservata, offrirà la giusta visibilità a tutte le collezioni eveningwear.

L’arredamento é rigorosamente realizzato in cristallo rétro luminescente idoneo per l’esposizione delle preziose borse e tutto l’accessorio importante, mentre il guardaroba è provvisto di bellissime cornici con specchio presenti nell’area allestita per la prestigiosa gioielleria.

La pavimentazione si dispone con grandi lastre di quarzite color testa di moro, intrisa di polvere di cristallo idonea a riflettere la luce irrorata all’interno. Le pareti e le nicchie per l’esposizione sono stuccate in colore avorio e testa di moro con vari riflessi dorati, mentre lo spazio allestito per la sera incornicia un ambiente estremamente sontuoso arredato con applicazioni di foglia di colore platino.

Tappeti in cavallino color testa di moro, pouf e poltrone rivestite in pelle invecchiata sempre nel colore predominante del testa di moro o con pelle in stampato pitone.

L’apertura della nuova boutique sarà celebrata con uno strabiliante party serale nella data prestabilita appunto per l’apertura, 18 Maggio 2011, proprio nel mezzo della evolversi del 64° Festival del Cinema di Cannes.

by Marius Creati

 

Categories: Boutiques Tags: ,

L’Arabish, la scrittura araba del Web

March 31, 2011 Leave a comment

Per scansare la sorveglianza della polizia, i giovani internauti arabi comunicano a volte per mezzo di un linguaggio composto dalettere latine e da cifre. Ingegnoso. Sabah al-khayr (Buongiorno) si scrive  ”9aba7 2l5air“. Con questo linguaggio codificatomigliaia di giovani arabi trasmettono i loro messaggi e parole d’ordine con il telefono portatile, blogs e altri canali sociali. Ribatezzato “arabizi”, “arabish”, “aralish” o ancora “canto arabo”, secondo gli usi e i dialetti, o ancora “franco-arabo”, se sono francofoni, questa scrittura è composta da una serie di lettere latine e da cifre, ed è stata creta spontaneamente dallagenerazione digitale rivelandosi poi molto efficace per deviare i controlli delle autorità. I numeri sono usati per trascrivere dei fenomeni arabi con o senza equivalenti nell’alfabeto latino (il “ayn”, senza equivalenti, è trascritto con un 3, che assomiglia morfologicamente allo scritto in arabo di ayn). Alla base di questo fenomeno, una ragione pratica: la maggioranza dei telefoni cellulari e degli ordinatori utilizzano l’alfabeto latino e siti come Facebook o Twitter non riconoscono che da poco i caratteri arabi. Questo metodo di espressione deve il suo successo anche alla sua adattazione alla conversazione scritta. Molti internauti sono dell’idea che tutto cio’ permette di chattare come si parla, esprimere le proprie emozioni con  delle esclamazioni, che non potrebbero essere trascritte in arabo classico. Da qui l’arabish (contrazione di arab e di english), che in linea di massima si usa percorti messagi (twitter), qualche frase al massimo, mentre i testi più importanti si redigono in arabo, in francese e inglese. Traspare in questolinguaggio codificato un simbolo di resistenza: l’arabo tradizionale è assimilato dai giovani alla lingua del potere. L’arabish è anche un dialetto sociale, lo slang di una generazione che condivide un orizzonte globalizzato e la volontà di emanciparsi dai codici tradizionali. I pubblicitari, sempre pronti a recepire le nuove tendenze, stanno impiegando sempre di più questa scrittura per fidelizzare la gioventù araba. Recentemente,la compagnia telefonica saudita Mobily, ha lanciato una campagna pubblicitaria per promuovere una linea prepagata chiamandola 7ala ( per hala “piacevole al gusto, zuccherato, dolce). Pero’ questa pratica purtroppo non è appannagio solo dei giovani branchée: il forum djiadista Al-Qal3ah (La Cittadella), ospita la propaganda dell’anziano capo di Al-Qaïda in Irak, Abou Moussab al-Zarqaoui. Trasversalità politica, moda, fenomeno di massa o semplicemente un nuovo modo di comunicare, che riduce i tempi di scrittura e riformula nuovi bisogni, tecnologici e estetico-sociali.

Fonte: My Amazighen

Categories: Art de Vivre, Tempo Libero Tags:

“Fibbia”, la nuova décolleté peep toe di Christian Louboutin

March 31, 2011 Leave a comment

Adoro le scarpe con tanti cinturini sul collo del piede, li trovo sfiziosi e maliziosi al tempo stesso; Christian  Louboutin deve pensarla come me perché nelle sue collezioni non manca mai un modello di questo genere; per la primavera estate 2011 c’è “Fibbia”, una decolletè in pelle, spuntata, con tre cinturini sottili che poggiano proprio sul collo del piede; l’ormai immancabile stiletto in metallo rende queste mary jane più peccaminose che mai.

Sono state presentate da pochi giorni, ma sono già fioriti siti che vendono delle copie non originali: segnale di inequivocabile successo, senza alcun dubbio. Disponibili anche in nero, costano circa $895.

Fonte: Shoeplay

Categories: Lux-Woman Tags:

Precious Flowers, la nuova linea di Nardelli Gioielli

This slideshow requires JavaScript.

“L’arte è natura concentrata” non è solo uno degli aforismi più conosciuti di Honorè De Balzac, ma anche il leit motiv della nuova capsule collection Spring/Summer 2011 firmata Nardelli Gioielli. Anelli e pendenti maxi, esclusivi e coloratissimi, impreziositi da fiori stilizzati tempestati di pietre luccicanti incastonate ad hoc su rami in oro bianco o giallo. Insomma, una vera e propria Primavera à porter, illuminata da diamanti River, smeraldi, rubini e zaffiri, sia rosa che blu, pronti a regalare glamour e raffinatezza a chiunque li indossi.

Una linea esclusiva e preziosa, dedicata a donne autentiche e romantiche al punto giusto, in cerca di gioielli unici rigorosamente made in Italy.

Una limited edition nata per il mercato arabo, molto apprezzata dal gentil sesso in quel di Dubai, che in questi giorni approda, finalmente, anche in Italia per conquistare le ladies del Belpaese.

Fiori di pesco, fresie, anemoni, primule e viole stilizzati, pronti ad avvolgere con eleganza dita e décolleté all’insegna del raffinato “Precious Flowers” che, come si è visto nei defilè, anche nell’abbigliamento sarà il nuovo must per i prossimi mesi.

www.nardelligioielli.it

Categories: Life-Woman Tags: