Archive

Archive for April 29, 2011

Il Matrimonio Reale Mountbatten-Windsor – Middleton, una dichiarazione di fiducia nel vero patrimonio del lusso

Rolls Royce, Jaguar e Bentley, icone del lusso per antonomasia, carrozze trainate da sontuosi cavalli, un eco alla tradizione monarchica d’antan, gioielli di un patrimonio inestimabile, valore all’emblema della corona reale d’Inghilterra, calzature elaborare relaiszate artigianalmente su misura, non che meravigliosi abiti, lussuosi cappelli impressionanti dal design rigorosamente british style, per non dimenticare l’inestinguibile abito maestoso della sposa ispirato al prestigioso vestito nuziale di Grace Kelly, ed inoltre l’abbazia di Westminster, un sogno celebrare il proprio matrimonio al suo interno, e l’intramontabile gerenza regale di Buckingham Palace… Il matrimonio favolistico di Catherine Elizabeth Middleton e del Principe William Arthur Mountbatten-Windsor é un evento storico senza precedenti, celebrato secondo le previsioni di un protocollo tradizionale, osannato attraverso l’informazione mediatica internazionale, senza tralasciare il contributo eccellente della rete interattiva, osservato e desiato da centinaia di milioni di telespettatori, una sensazione di appartenenza alla realtà della famiglia reale durante l’indimenticabile cerimonia.

Un soggiorno davvero celestiale presso il The Goring Hotel, dove la sposa ha trascorso la notte prima del matrimonio e il noleggio della sala da ballo presso il Mandarin Oriental, luogo per la cena pre-nozze della stessa regina, così come una lussuosa Bentley o una fantastica limousine Rolls Royce sono tutti incentivi realistici a cui potersi ispirare per qualunque altro cittadino del mondo che sia prossimo al voto sacrale dell’unione matrimoniale, anche se il maestoso Matrimonio Reale é unico nel suo genere e non gode di assoluta replicazione, poiché codesta storia é un racconto perfetto permeato in un sogno quasi irrealizzabile.

Molti hanno affermato che ”La Monarchia è tornata!” E in diversi modi, essa ha gestito uno spettacolare ritorno, mediante l’auspicio di  un riverbero tradizionale presentato quale ri-collegamento alla sua presenza longeva mediante soggetti e ammiratori sparsi in tutto il mondo. Sua Altezza Reale la Regina Elisabeth Alexandra Mary Windsor non è semplicemente una delle figure autoritarie più rispettate al mondo, ma rappresenta un emblema catalizzatore tra le diverse generazioni. L’enorme numero di persone giovani pronte ad acclamare la famiglia reale sulla protocollare strada indicata per il tragitto tra il Palazzo Reale e l’Abbazia di Westminster rappresenta probabilmente un istante di enorme suggestione epocale che si imprime indimenticabilmente nella memoria della nostra contemporaneità. Tutte le giovani generazioni ricordano, più o meno, il favoloso matrimonio di Lady Diana Frances Spencer e il Principe Charles Philip Mountbatten-Windsor, celebrato circa trent’anni anni fa, anche se molti di essi hanno poi associato un evento di elevata drammaticità nella storia della grande monarchia britannica del mezzo secolo trascorso. La Principessa Diana é stata una figura di spicco per la spinta moderna della vetusta istituzione monarchica, in quanto la sua presenza ha mutato radicalmente e in maniera indefinita molti dei principi fondamentali della corona britannica e molti sostennero a suo tempo che la famiglia reale non sarebbe stata in grado di gestire l’adattamento al rapido cambiamento di stile sovvenuto in soccorso dei tempi moderni.

Il Matrimonio Reale Mountbatten-Windsor – Middleton, inteso come suggello protagonista del lusso, è in definitiva un elemento intermediatore così fresco e speciale atto a testimoniare come il livello dell’eleganza e dell’etichetta ispiri e infonda un elevato senso di appartenenza e di esclusività per tutti i partecipanti. Ovviamente legare l’immagine di un brand o di un marchio risulta quasi impossibile, tranne che per una selezionata manifattura altamente sartoriale, infatti la maggior parte degli abiti delle importanti ladies sono una provenienza esclusivamente couture, dal sapore moderno, ma intrisi di un tocco di estremo classicismo  estemporaneo mentre i prestigiosi gentleman indossano abiti sartoriali realizzati su misura, in smoking e scarpe cerimoniali, configurando la celebrazione emblematica quale vetrina unica di uno stile di vita reale britannico, patrimonio inconfondibile della tradizione.

“Celebrazioni vivissime come sincero augurio simbolico in onore alla regalità di una tradizione sacrale, quella dell’unione matrimoniale, quale istituzione dell’amore e del rispetto”.

a cura di Marius Creati

Nuovo Rouge di T. LeClerc, cosmetico confortevole

Il colore non cambia, non sbava ….. resiste ai baci e non lascia traccia. La testura è confortevole, cremosa e non secca le labbra. Presentato nella nuova confezione slim. Rouge à lèvres è in quattro tonalità: Rose Secret, Rose Théophile, Rouge Secret, Rouge Théophile.
Nella formula: – Vitamina E: antiossidante per proteggere le labbra dalla secchezza – Molecole adesive: lunga tenuta – Oli volatili: fissaggio rapido – Cere d’api e di Candelilla, Olio vegetale (ricino, Karité): per un’applicazione “cremosa”

Fonte: BlogModa

Categories: Cosmesi Tags:

Hublot Big Bang All Black Carbon, vertigine al carbonio

Totalmente nero, totalmente opaco, totalmente fedele al concetto Hublot di “visibilità invisibile”, è il primo Big Bang completamente realizzato in fibra di carbonio. Dato il diametro di 44 mm, la costruzione di cassa e quadrante ha richiesto una particolare perizia nella padronanza della fibra di carbonio al 100%. Il movimento HUB4100, anch’esso interamente nero (trattamento PVD nero, rutenio e oro nero), completa il concetto All Black Carbon di questo orologio leggero, intrigante, quasi furtivo. A questo modello, già diventato un cult, è abbinato un morbidissimo cinturino in gummy alligator nero, reso particolarmente confortevole dalla fodera in caucciù naturale nero, che ne sottolinea la raffinatezza.
Movimento – HUB4100 Cronografo meccanico a carica automatica. N. di componenti 252. Rubini 28. Ponti – Satinati smussati lucidati. Viti – Acciaio. Datario – Finestrella trapezoidale alle ore 4:30, fondello nero, numero nero brillante. Massa Oscillante – Carburo di tungsteno con superficie alveolata trattata in rutenio nero. Platina – Trattamento rutenio nero. Bariletto – A molla rinforzata. Scappamento – Spirale Glucydur. Riserva di carica – Circa 42 ore.
Cassa – “Big Bang”. Diametro 44,5 mm. Fibra di carbonio nera. Fondello – Fibra di carbonio con vetro zaffiro. Corona – Acciaio PVD nero con inserto in caucciù nero.
Lunetta – Fibra di carbonio nera. 6 viti in titanio PVD nero a forma di H lucidate a specchio inserite a filo. Disco Anse – Resina composita nera. Inserti Laterali – Resina composita nera.
Quadrante – Fibra di carbonio nero opaco con indici applicati in nichel nero. Logo nero brillante. Lancette – Sfaccettate nero opaco.
Pulsanti – Acciaio PVD nero, rettangolari con inserto in caucciù nero.
Vetro – Zaffiro con trattamento antiriflesso.
Impermeabilità – 10 ATM (pari a 100 metri).
Cinturino – Gummy alligator nero, cucito su fodera in caucciù naturale nero.
Chiusura – Acciaio PVD nero.

Fonte: Luxury & Fine Timepieces – Facebook

Categories: Lux-Man Tags:

Le Spa al Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, Cote d’Azur

This slideshow requires JavaScript.

Grand-Hôtel du Cap-Ferrat presenta Le Spa: l’esclusiva destination spa sulla punta estrema di Cap-Ferrat, con vista mozzafiato sul Mediterraneo circondata da circa 7 ettari di parco,  lussureggianti giardini fioriti che enfatizzano la forza del mare illuminato dai caldi raggi del sole in questo angolo della Costa Azzurra dedicato alla quiete, al riposo e al lusso.

Progettato da Pierre-Yves Rochon, Le Spa è un spazio di circa 800 mq creato per la più attenta e completa cura di sé, grazie anche alla globalità dei servizi ineccepibili dell’Hôtel.
Sei treatments rooms perfettamente sinergiche tra loro, avvolgenti e all’avanguardia offrono trattamenti personalizzati e altamente performanti; tre sale sono dedicate a soins viso e corpo, altre tre rooms ai trattamenti con le acque più pure.

Spa Garden è lo splendido giardino affacciato sul mare dai colori più intensi della Costa Azzurra, dove rilassarsi al calore del sole prima e dopo i trattamenti. Cinque cabanas proteggono con veli di garza bianca gli ospiti che preferiscono trattamenti all’aria aperta, godendo così della mite brezza del mare e del potere della luce del sole, per la più naturale delle cromoterapie.

Atmosfera unica anche per la palestra open-air, dove la vista emozionante del Mediterraneo e gli splendidi giardini sono la cornice più insolita per un allenamento en plein air.
Un’attenzione alla natura profonda e globale, che si ritrova anche nei Menu altamente bio.
Il design dal gusto contemporaneo, utilizza unicamente materiali naturali e colori neutri per enfatizzare un’atmosfera di pace interiore e benessere globale.
Un mix di materiali pregiati esaltano un lusso sofisticato e internazionale, pavimenti in bamboo, marmi persiani beige e lini bianchi. La natura, sempre protagonista, penetra prepotentemente all’interno delle treatments rooms attraverso le vetrate e sembra quasi combattere contro le imponenti statue marmoree che popolano il Grand-Hôtel.

Un percorso di benessere basato sull’hydrotherapy permette di rigenerare anima e corpo nel bagno turco, nella sauna, nell’innovativa doccia sensoriale, nella vasca a vortice e nella cascata di ghiaccio.

Le Grand Salon è la raffinatissima spa suite superaccessoriata, dotata di bagno
turco privato, sauna, doccia sensoriale, una vasca per i trattamenti ad acqua e due confortevoli letti matrimoniali per condividere romantici trattamenti di coppia.

L’ampia gamma di prodotti per la cura del corpo Comfort Zone sono ingredienti fondamentali nel ciclo di depurazione e rigenerazione, personalizzato seguendo le esigenze degli ospiti di Le Spa.

Comfort Zone professionista nella cura della pelle segue le tradizioni mediterranee di profondo amore e rispetto della natura associato all’avanguardia scientifica.
Lasciatevi coccolare dai Massaggi Rituali Mediterranei come Fraicheur Provencale” con olii essenziali di lavanda, patchouli e bergamotto e “Promenade Botanique” con olio di gelsomino, mimosa, ylan-ylang e vaniglia.
Non potevano mancare le sale manicure e pedicure, un salone per capelli, una relaxation room per dissipare lo stress e un tea bar per degustare salutari e gustose tisane e succhi di frutta fresca.

Le Spa è all’interno del Residence: una nuova estensione al Grand Hôtel du Cap Ferrat progettato dall’architetto Luc Svetchine con arredamento di Pierre-Yves Rochon. Oltre all’entrata principale, un passaggio sotterraneo facilita l’accesso agli ospiti dello storico edificio.

Un paradiso senza tempo, un universo parallelo distante dalla frenesia quotidiana, Le Spa dista solo venti minuti in automobile da Monte Carlo e solo mezz’ora dall’aeroporto internazionale di Nizza.

Orari di apertura:

Le Spa è aperta tutti i giorni dalle 7 del mattino alle 9 di sera;
Trattamenti dalle 10 alle 8 di sera durante il periodo estivo (maggio-settembre);
Trattamenti dalle 7 del mattino alle 8 di sera;
Trattamenti dalle 10 di mattina alle 7 di sera durante i mesi invernali (da ottobre ad aprile).

Aroma 30, gusto minimal déco

Capi morbidi e drappeggiati che formano volumi e decorazioni modulate attorno al corpo, dove il monocromo risalta le forme dell’ abito. Questa la prima impressione nel vedere gli abiti per la prossima stagione di Aroma 30, il brand di una giovane stilista, Michela Fasanella, selezionata da Vogue come uno dei migliori talenti emergenti.
Nata a Roma, dove ha studiato all’ Accademia di Costume e Moda, ha poi proseguito i suoi studi in Fashion Design e Marketing a Londra presso la prestigiosa Saint Martin. Dopo alcune collaborazioni negli studi di Valentino e Ferragamo ha deciso di fondare un suo marchio e ha anche partecipato alla London Fashion Week. Il nome Aroma 30 sta a significare qualcosa di non finito, come un profumo in fase di lavorazione.

La collezione per A/I 2011/12 è improntata su toni cupi: neri, beje, grigi, sabbia e panna. Abitini sotto al ginocchio o fino alle caviglie, che cadono sul corpo formando drappeggi, plissettature, movimenti che impreziosiscono capi di una sensualità discreta, di una donna mai troppo audace, quasi un po’ sognatrice. Scolli arrotondati per abiti giromanica o con maniche lunghe di jersey, lana o pizzo abbinati a mantelle, giacche maschili e cappotti oversize. I pezzi vengono abbinati tono su tono, o con contrasti mai troppo forti, come fossero chiaroscuri naturali, perfetti per una donna che vive in una grande metropoli, che vuole essere funzionale, ma anche comoda e con un pizzico di romanticismo, dato da dettagli ricercati, piccole rouche o panneggi che ricordano la Grecia. La stilista gioca con le superfici degli abiti con tagli e decorazioni che rimangono però minimali e attenuati dal monocolore.

Per le sue collezioni Michela si ispira alla fotografia, alle scienze naturali e alle immagini sacre cristiane. Un talento da tenere d’ occhio!

Fonte: Noisymag

Categories: New Faces Tags: ,

Tangeri, inaugurato il nuovo stadio di calcio

This slideshow requires JavaScript.

Il nuovo stadio di calcio di Tangeri, la cui costruzione ha richiesto un investimento di oltre 76 milioni di euro, è stato ufficialmente inaugurato martedi’ sera dal ministro della Gioventù e dello Sport, Moncef Belkhyat. La serata ha visto in campo l’Atletico Madrid, 6° nella Lega spagnola, vincere per 3 a 1 contro il Raja di Casablanca.L’uruguaiano Diego Forlan è stato l’indiscusso eroe della partita realizzando la tripletta davanti ad una modesta  e sottotono squadra casablanchese. Fuochi di artificio per tutta la serata hanno accompagnato la notte tangerina dedicata allo sport del football, illuminando tutta la baia  affacciata sulla Spagna del sud. Costruito su 82 ettari, il nuovo stadio di Tangeri, i cui lavori sono durati ben 8 anni, ha una capacità di 45.000 posti che saranno ampliati sino ad arrivare a 70.000. Questo complesso sportivo è a norma con tutte le regole internazioni e si trova all’uscita sud della città dello stretto di Gibilterra. Dopo l’apertura a gennaio dello stadio di Marrakech e tra qualche mese quello di Agadir, il Marocco avrà in dotazione delle infrastrutture sportive che permetteranno di organizzare eventi sportivi internazionali, in odore di candidature mondiali. Queste nuove opere sportive ospiteranno la Coppa d’Africa del 2015 e collocano il Marocco come uno dei paesi africani con gli standar internazionali più elevati del settore calcio. Il nuovo stadio di Tangeri ospiterà a giugno il meeting internazionale di atletica e il 27 luglio il “Trofeo dei campioni di Francia”, che riunirà i futuri campioni e vincitori della coppa di Francia edizione 201-2011. Il reame marocchino prevede inoltre la costruzione di un secondo stadio con 80.000 posti a Casablanca, che si aggiungerà a quello di Rabat, Oujda e Laâyoune, oltre appunto a quello di  Marrakech e Tangeri. Il nuovo stadio di Casablanca prevede, con un bando di concorso che scadrà nel maggio 2012, un investimento di 250 milioni di dollari. Sempre in odore di candidature mondiali.Che sia la volta buona?

Fonte: My Amazighen

Categories: MondoViaggi Tags:

Matrimonio Reale d’Inghilterra: Giorgio Armani veste Lady Frederick Windsor, Sua Altezza la Principessa Matilde del Belgio e Sua Altezza la Principessa Tatiana di Grecia e Danimarca

GIORGIO ARMANI VESTE LADY FREDERICK WINDSOR, SUA ALTEZZA LA PRINCIPESSA MATILDE DEL BELGIO E SUA ALTEZZA LA PRINCIPESSA TATIANA DI GRECIA E DANIMARCA PER IL MATRIMONIO REALE DI SUA ALTEZZA IL PRINCIPE WILLIAM E CATHERINE MIDDLETON

Milano, 28 aprile 2011 – Giorgio Armani è lieto di annunciare che Lady Frederick Windsor, Sua Altezza la Principessa Matilde del Belgio e Sua Altezza la Principessa Tatiana di Grecia e Danimarca hanno scelto di indossare abiti Giorgio Armani per i diversi momenti legati alla celebrazione del matrimonio reale.

Lady Frederick Windsor, per la cena di questa sera, indosserà un abito lungo monospalla in chiffon di seta grigio scuro con bustino ricamato tono su tono, Giorgio Armani Privé.

In occasione del matrimonio reale che si svolgerà domani, indosserà invece un abito in cadis di seta blu navy, con soprabito in jacquard di seta in tinta, a piccolo disegno geometrico effetto lucido e opaco, Giorgio Armani Privé.

Sua Altezza la Principessa Matilde del Belgio, per il giorno del matrimonio, ha scelto di indossare un abito e una giacca realizzati in organza di seta color ottanio effetto specchio, Giorgio Armani Privé.

Sua Altezza la Principessa Tatiana di Grecia e Danimarca, per la cena di questa sera, indosserà un abito lungo in raso di seta blu navy con bustino in gros di seta a lavorazione plissé della collezione Giorgio Armani.

This slideshow requires JavaScript.