Archive

Archive for April 12, 2011

The World Unplugged, dipendenza tecnologia

Ormai la “dipendenza” dai dispositivi tecnologici, come telefonini e computer, è nota da tempo ma, ovviamente, si credeva fosse un problema lieve. Secondo quanto rivelato dagli studi del progetto “The World Unplugged” dell’università del Maryland, invece, la situazione è alquanto critica.

Dagli studi in questione, infatti, effettuati su studenti diversi di 10 paesi del mondo, è emerso che, per ognuno di loro, basta un giorno, ovvero 24 ore, lontani da internet e telefonini per passare dalle crisi di solitudine depressive alle più pericolose “palpitazioni”.
Ciò è risultato un vero e proprio problema che, secondo le previsioni, andrà con espandendosi ogni giorno di più, fino a quando le “macchine” faranno addirittura parte del nostro organismo.

Fonte: GoLook-Technology.it

 

 

Categories: Tech-News Tags:

Red and Blue, riconoscimento ufficiale di Bottega Storica nella città di Milano

Il sindaco Letizia Moratti e l’assessore alle attività produttive Giovanni Terzi questa mattina presso il teatro Paolo Grassi di Milano hanno consegnato l’importante riconoscimento di Bottega Storica alla boutique Red and Blue di Via Montenapoleone 8.
Le Botteghe Storiche, che quest’anno salgono a 312, rappresentano un simbolo della storia, dello stile e della tradizione ambrosiana. Un patrimonio che la città di Milano continua a valorizzare, creando nuovi percorsi turistici e tematici che facciano emergere il loro contributo alla storia della città ed evidenziando il loro ruolo nello sviluppo economico del territorio.
I Requisiti per essere “Bottega Storica” sono l’esercizio dell’attività da almeno cinquant’anni nella medesima sede (continuativamente e senza modifiche di tipologia) e spazi che presentino elementi storici dal punto di vista architettonico e dell’arredo.
Red and Blue è l’unica boutique di Montenapoleone che nell’anno 2010 ha ricevuto il riconoscimento di Bottega Storica, oltre a Fedeli nella via sono rimaste solo 5 le attività che hanno il riconoscimento di Bottega Storica. Complessivamente nella città di Milano si contano 46 negozi di abbigliamento e accessori che da più di cinquant’an ni continuano con successo a svolgere la loro attività.
Giovanni Terzi, assessore alle attività produttive del comune di Milano ha così commentato la cerimonia di questa mattina: ”Quelle delle Botteghe Storiche è una presenza importante per la nostra città. Un simbolo di produttività che è riuscito a sopravvivere a cambiamenti economici e sociali. Un patrimonio che l’amministrazione continua a sostenere attraverso diversi percorsi, da quest’anno anche artistici”
Red and Blue è sempre stato considerato un luogo cult per l’eleganza maschile e femminile. All’interno della boutique è possibile vedere tutte le novità della maison Fedeli, storico brand di maglieria Made in italy che da sempre punta alla qualità e al lusso.
Gigi Fedeli titolare del marchio mostra grande soddisfazione “ Red and Blue è sempre stato un nostro gioiello, siamo stati tra i primi ad aver investito in Via Montenapoleone nell’immediato dopo guerra. Il merito va riconosciuto a mio nonno Luigi Fedeli che capì con largo anticipo le potenzialità di quella via. Oggi, la nostra lungimiranza è stata premiata, siamo fieri di avere una vetrina nella via considerata il cuore pulsante dello shopping mondiale. Ricevere questo premio mi rende molto orgoglioso. Abbiamo una clientela molto affezionata ed è per me una grossa gioia saper che alcuni nostri clienti vestono capi Fedeli da più 50 anni”.

Fonte: BlogModa

 

Dress Code, juke box per lo shop divertente

Un Juke box per rendere il tuo shop unico!
Questo il motto del brand Dress Code che con la nuova collection SS 2011, di cui abbiamo parlato in un post di qualche settimana fa, propone un nuovo modo di concepire il corner box espositivo del brand all’interno dei negozi. Realizza infatti questo vero e proprio mobile espositivo a forma di Juke Box all’interno del quale c’è lo stand espositore dei prodotti e le cassettiere dove contenerli!!! Un’idea veramente originale e ben riuscita per questo brand che si sta facendo apprezzare non solo per i prodotti che tira fuori!!

Fonte: BlogModa

 

Categories: Life-News Tags:

Legoland dell’Asia, primo parco tematico in Malesia

APRE IL PRIMO PARCO TEMATICO LEGOLAND IN MALESIA

Quando il gioco diventa realtà

Milano, 12 aprile 2011 –  Aprirà nel 2012 in Malesia il primo parco tematico Legoland dell’Asia.

Questa nuova installazione, che occuperà una superficie di circa 31 ettari, sorgerà nello stato di Johor, nel sud della Malesia, nella regione del Medini Iskandar, un’area in forte sviluppo grazie anche al progetto Iskandar Malaysia.

Parte di un progetto globale, il parco tematico di Legoland sarà del tutto simile ai quattro parchi già realizzati nelle città di Billund, Windsor, Deutschland, California, seppur con qualche plus aggiuntivo. Progettato per le famiglie con bambini di età compresa tra i 2 e i 12 anni, interamente ispirato alle costruzioni LEGO® che da sempre intrattengono grandi e piccini, il parco offrirà alle famiglie l’opportunità di volare con la fantasia e di vivere in prima persona un esperienza LEGO® grazie alle innumerevoli iniziative presenti. In particolare sarà possibile cimentarsi in un mix unico di prove di costruzione, scoprire modelli LEGO® spettacolari, attrazioni interattive e giostre per famiglie.

Come testimoniano i dati riscontrati negli ultimi anni dall’Ente del turismo della Malesia, le famiglie con bambini sono un target in forte crescita. Questo dato è confermato anche da Iscom Group, attraverso il dossier “Osservatorio sul Turismo Giovanile 2011”  italiano che ha evidenziato alcuni dati interessanti. In particolare, emerge che il 76,3% delle famiglie italiane nei primi mesi del 2010, ha fatto almeno una vacanza di 4 giorni. Questo segmento di mercato è stimato di oltre 2 milioni di famiglie, con nuclei medi composti da 3 o 4 persone, con una propensione alla vacanza del 47,5% sul totale della popolazione nazioanle. Altro dato rilevante è il tipo di vacanza e di attività effettuata durante la vacanza: per quanto riguarda il segmento dei parchi tematici si rileva un incremento al 5% sul totale rispetto al 2009.

L’apertura di Legoland si rivela, quindi, una mossa strategica di grande successo che contribuirà in maniera significativa all’incremento del numero di viaggiatori internazionali in Malesia. I parchi a tema hanno, infatti, la forza di attrarre grossi volumi di nuovi visitatori, nonché di aumentare la permanenza e la spesa dei repeaters, generando un forte impulso allo sviluppo dell’economia locale che sarà sostenuto anche dalla creazione di 5.000 nuovi posti lavoro.

Questa nuova iniziativa sul territorio malese si propone con l’obbiettivo di essere generatore di sviluppo economico per il Paese e nuova fonte di attrazione per il turismo nazionale e internazionale.

Fonte: Turismo Malasia Italia

Categories: MondoViaggi Tags: ,

Bottega Veneta, nuovo flagship store a Londra

Bottega Veneta riapre il suo storico flagship store presso il 33 di Sloane Street di Londra.

Sostiene Marco Bizzarri, Presidente e CEO del brand: “Londra è un importante centro per il luxury retail e rappresenta da tempo un importante mercato per Bottega Veneta. Il rinnovato negozio di Sloane Street è un flagship di altissimo valore, che ci permette di presentare una prospettiva completa di Bottega Veneta, offrendo ai nostri clienti il servizio e la privacy che si aspettano”.

Lo spazio ampiamente ristrutturato si estende per 375 metri quadrati ed espone le collezioni uomo e donna del famoso marchio, corredate di tutto l’accessorio firmato, non che comprende un intero piano ospitante l’intera collezione dedicata  all’arredamento, compresa l’oggettistica per la casa, e una sala creata appositamente per l’alta gioielleria.

La preziosa boutique si apre all’interno di un magnifico palazzo vittoriano e riflette il concept store progettato per Bottega Veneta dal Direttore Creativo Tomas Maier, il quale dichiara: “Quando il negozio di Sloane Street ha aperto nel 2002, Bottega Veneta aveva appena iniziato ad evolversi nel marchio che è oggi. Ora ci sono moltissime cose in più da vedere. Fortunatamente non abbiamo dovuto cambiare location. L’edificio e la posizione sono perfetti – un’oasi di eleganza e tranquillità nel centro di Londra. Con l’ampliamento abbiamo ora più spazio per presentare l’intera gamma di prodotti Bottega Veneta in un ambiente di comfort, lusso e privacy”.

Visibili sin da subito le vetrine dalla linea  aerodinamica realizzate in acciaio e legno di palma, per poi imbattersi negli espositori estraibili, la tappezzeria in mohair e i tappeti in pura lana provenienti dalla Nuova Zelanda. Sfumature dalle nuances neutrali messe in risalto dalle tonalità dei colori della terra esaltano una raffinatezza permeata di sensuale discrezione, finemente caratterizzate da un comfort irreprensibile.

by Marius Creati

 

Categories: Boutiques Tags:

Blackberry Bold 9700 24ct Gold Edition

Ecco a voi un’altra opera del prestigioso designer inglese Stuart Hughes che, anche se un pò datata, riesce ancora a mantenere un certo interesse da parte del pubblico più facoltoso: stiamo parlando del Blackberry Bold 9700 24ct Gold Edition.
Il Blackberry Bold 9700 fin dalla sua uscita, così come molti degli smartphone Blackberry, è diventato una sorta di “standard” per gli uomini d’affari. Questo è dato soprattutto dall’affidabilità e dalla precisione di questi dispositivi, oltre che dalla loro funzionalità e dal loro design al passo con i tempi.
Il Blackberry Bold 9700 24ct Gold Edition, differentemente dalle altre opere di Stuart Hughes, è caratterizzato da un semplice rivestimento in oro a 24 carati, che rende il tutto altamente prezioso.
Sia la cover posteriore che la parte frontale, infatti, sono stati sostituiti da pezzi in oro puro, lavorati a mano da parte dei talentuosi artigiani dei laboratori londinesi del designer.
Il Blackberry Bold 9700 24ct Gold Edition è attualmente in vendita sul sito goldstriker.co.uk; il suo prezzo è di circa 1.500 sterline.

Fonte: GoLook.it

 

Categories: High Tech Tags:

Exquire, un concept yacht dal futuro

This slideshow requires JavaScript.

Nato dalla collaborazione tra il prestigioso designer Philipp Kulenkamp e l’architetto Inken Derlich, Exquire ha da subito incuriosito i più esigenti appassionati di imbarcazioni di lusso.
Basta pensare al suo rapporto dimensioni/prestazioni: una lunghezza di 104 metri ed una velocità massima di 32 nodi. Dati a dir poco stupefacenti, che sembrano provenire “dal futuro” e che soprattutto puntano a lanciare nuovi standard sia stilistici che prestazionali al mercato dei yacht di lusso.
Il concept yacht Exquire, si presenta con una linea esterna filante e sportiva, capace di esprimere una grande aggressività. Gli interni, invece, caratterizzati da uno sfarzo a dir poco elevato, permettono agli ospiti di godere di un comfort di massima qualità, che offre loro numerosi saloni dedicati alla vita sociale; tra le cabine è presente una palestra e un salone per le conferenze.
Per altre informazioni basta visitare il sito exquire.de

Fonte: GoLook.it

 

Uomini sui tacchi per manifestare contro la violenza sulle donne

April 12, 2011 Leave a comment

E’ successo qualche giorno fa nella fredda Anchorage, in Alaska: un gruppo di uomini ha partecipato alla quarta edizione di “Walk a mile in her shoes”, una marcia creata per sensibilizzare la popolazione maschile sul tema della violenza sulle donne, fenomeno che purtroppo cresce sempre di più. Lo scopo di queste “passeggiate”, iniziate nel 2001, è creare gruppi di uomini in tutti il mondo capaci di mettersi in gioco in prima persona, per far conoscere il fenomeno, prevenire e curare, laddove possibile, un male che ormai vive e cresce in tutte la società.

Quanti di voi, lettori di sesso maschile, sarebbero capaci di infilarsi un paio di scarpe da donna, per poi camminare con orgoglio nonostante dolori e storte per portare avanti un progetto in cui credete? Sono curiosa di sapere cosa ne pensate!

Fonte: Shoeplay

 

Categories: Life-News Tags:

Incanto per Jacques Majorelle e mostra memorabile a Marrakech

April 12, 2011 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Quattro quadri « d’eccezione » del celebre pittore francese Jacques Majorelle saranno esposti, dal 23 al 25 aprile a Marrakech, in previsione della loro messa all’asta che si terrà a Parigi nel mese di giugno, presso la Maison Artcurial Briest-Poulain-F. Tajan. Quattro dipinti tra cui figura la celebre “Kasbah rouge de Marrakech”, esposta una sola volta dal 1924, anno della sua creazione . Conservata da quella data presso la famiglia Majorelle, questo quadro è stimato intorno ai 600.000/800.000 euro (catalogo) e quindi sarà il pezzo forte dell’asta che avrà come titolo “Tableaux Orientalist”, prevista per il 9 giugno, con una sezione dal titolo “Jacques Majorelle e i suoi contemporanei”. Questo quadro fu riproposto come copertina della guida turistica di Marrakech nel 1926 ed occupa un posto particolare nei cuori dei grandi appassionati di orientalismo, raggiungendo lo status di icona. Félix Marcilhac, storico d’arte e specialista di Jacques Majorelle riassume con queste parole l’opera in questione: “in questa grande composizione del 1924, con un semplice gioco di piccole superficie posate in piatto e a mosaico, Jacques Majorelle traduce pienamente la plenitudine del suo soggetto trattando sottilmente la trasparenza e la purezza dell’aria, la diversità dei colori che vengono trascinati  in una gamma di ocra rossi e di bruni, che avvolgono il paesaggio circostante e la folla, con dei mezzi talmente semplificati e naturali che si raggiunge l’esperienza di ascoltare i rumori e sentire gli odori”. Jacques Majorelle (Nancy, 1886 – Parigi, 1962) è l’esempio illustre del folto gruppo di pittori orientalisti francesi che si sono arresi allo charme della Ville Rouge, che ha donato loro  la strada per percorrere al meglio i propri talenti e realizzare le loro opere migliori. Nel 1919 Majorelle si installo’ a Marrakech acquistando un terreno che divenne in seguito la base dei famosi giardini Majorelle, aperti al pubblico nel 1947 e che raggruppa una delle più importanti collezioni di piante della sua epoca. Oggi il suo atelier è diventato grazie a Yves Saint Laurent e a Pierre Bergé un piccolo museo che ospita una preziosissima collezione di arte islamica. Sulle opere di Majorelle, il romanziere francese Jérôme Tharaud scrisse: “E’ pazzo per Marrakech e per l’Atlas, pazzo dei suoi orizzonti del sud e quindi io posso testimoniare che è una verità, una giustizia, una sincerità pura delle sue osservazioni. Tutto quello che ha visto, reso con la forza e la semplicità della sua strana barbarie”. Questi quadri saranno esposti al Es Saadi Gardens & Resort, insieme a decine di altre opere minori che saranno poi inviate alle casa d’aste parigina. Nel capitolo riservato a “Jaques Majorelle e i suoi contemporanei”, si potranno ammirare tele di José Cruz Herrera, Edy Legrand, Jean-Gaston Mantel e Henri Rousseau. Altri pezzi forti di questa asta saranno le tele di altri artisti come Etienne Dinet, Félix Ziem, Georges Washington, Alfred Chataud e Alexandre Roubtzoff, che permetterrano al visitatore di avere un panorama completo del mondo arabo, dal Marocco all’Egitto. Queste opere in particolare saranno oggetto di una esposizione a Parigi, dal 6 al 9 giugno, data della loro messa all’asta presso l’Hôtel Marcel Dassault.

Fonte: My Amazighen

 

Choc Chic, Tiger Print

Choc Chic realizza Tiger Print, un mix dai sapori fruttati, come l’arancia e il cioccolato fondente e bianco, fanno di questa collezione un progetto brillante e selvaggio per la casa produttrice…

 

by Emilio Di Iorio
Categories: Gusto, Lux-Specialities Tags: